Masbedo – Protocol no. 90/6

Palermo - 15/06/2018 : 01/07/2018

Durante la prima settimana di Manifesta – dal 15 al 19 giugno – i MASBEDO presentano anche Protocol no. 90/6, una video installazione site-specific nata come narrazione parallela del progetto Videomobile e concepita per la Sala delle Capriate all’interno dell’Archivio di Stato di Palermo.

Informazioni

  • Luogo: ARCHIVIO DI STATO
  • Indirizzo: Via Vittorio Emanuele 31 - Palermo - Sicilia
  • Quando: dal 15/06/2018 - al 01/07/2018
  • Vernissage: 15/06/2018 ore 9 vip preview
  • Autori: Masbedo
  • Generi: video
  • Orari: sabato 23 e domenica 24 giugno sabato 30 giugno e domenica 1 luglio dalle ore 10 alle ore 20

Comunicato stampa

MASBEDO a Manifesta 12 Palermo


Videomobile



16 giugno – 4 novembre 2018



Videomobile

Palazzo Costantino 


via Maqueda 215

Palermo 




15-19 giugno 2018

Protocollo nr. 90/6

Archivio di Stato 


I° Cortile Gancia


Palermo 




www.masbedo.org

www.inbetweenartfilm.com





In Between Art Film è lieta di annunciare la partecipazione dei MASBEDO a Manifesta 12 Palermo, Il Giardino Planetario. Coltivare la Coesistenza



Dal 16 giugno al 4 novembre 2018, nel suggestivo cortile di Palazzo Costantino – una delle sedi principali della manifestazione nel cuore della città, riaperta per l’occasione dalla biennale nomade – il duo artistico composto da Nicolò Massazza e Iacopo Bedogni presenta Videomobile, la loro nuova articolata video installazione multi canale commissionata da Manifesta12 e prodotta da Beatrice Bulgari per In Between Art Film.



Seguendo il concept e le suggestioni elaborate dal team curatoriale di Manifesta 12, Videomobile è stato concepito e interamente realizzato a Palermo coinvolgendo gli abitanti della città, le figure di spicco e i luoghi più iconici e rappresentativi della vita culturale e della storia palermitana, dando vita a uno sfaccettato ritratto del capoluogo siciliano.

I MASBEDO hanno trasformato un vecchio furgone merci OM degli anni '70 in un “carro video” per percorrere luoghi del cinema del passato, per indagare la società siciliana e la storia del territorio di Palermo: uno studio in movimento che funziona da laboratorio e da palco per performance, alcune delle quali saranno realizzate live durante la Biennale. ll progetto infatti percorre e attraversa "fisicamente" la memoria, nello specifico la memoria che emerge dal cinema di ricerca.

Nei mesi che hanno preceduto l’apertura di Manifesta, Videomobile ha ospitato diverse performance proprio sul tema aperto del cinema a Palermo. Quando in mostra, Videomobile è un’installazione video modulabile e accessibile, con telecamere, monitor, schermi, luci, impianto audio ecc., in grado di permettere la realizzazione di riprese e di proiezioni video: un dispositivo narrativo, un’opera documentario multicanale il cui contenuto è in sostanza una rivisitazione concettuale e sociale di tematiche cinematografiche ancora attuali.

I MASBEDO hanno elaborato immagini che rivelano le dinamiche di potere e i cambiamenti socioculturali nascosti nel presente di Palermo, ponendo particolare attenzione a temi quali il senso di appartenenza o genius loci e la fede nelle utopie. La prima fase della loro ricerca è stata la realizzazione e l'archiviazione di interviste a personaggi che hanno lavorato nel cinema in forma quasi anonima o marginale, a caratteri secondari, quali truccatori, comparse o tecnici. Una seconda fase si è concentrata su personaggi più conosciuti e importanti come registi, intellettuali, produttori o politici. Una terza e ultima fase ha incluso alcune di queste figure nella realizzazione di performance prodotte con il Videomobile tra le strade e le piazze di Palermo, dove il cinema è stata ed è ancora protagonista. Videomobile è stato e continua a essere un progetto in progress, una sorta di tour performativo, un viaggio nel mondo delle immagini di Vittorio De Seta, Gianfranco Mingozzi, Michelangelo Antonioni, Ugo Gregoretti, Mario Baffico, Francesco Rosi, Pier Paolo Pasolini, Letizia Battaglia, Mimmo Cuticchio e molti altri tra registi, autori e artisti che hanno saputo creare altri mondi nella città di Palermo.



Durante la prima settimana di Manifesta – dal 15 al 19 giugno – i MASBEDO presentano anche Protocol no. 90/6, una video installazione site-specific nata come narrazione parallela del progetto Videomobile e concepita per la Sala delle Capriate all’interno dell’Archivio di Stato di Palermo.

Un pupo siciliano – una marionetta di legno animata da Mimmo Cuticchio e costruita a mano appositamente per questa videoinstallazione dalla sua famiglia – si muove in un palco video, collocato in alto a modi di un’icona, dietro ad un sipario sospeso fatto di cavi e luci led, al centro della Sala delle Capriate dell’Archivio di Stato. L’installazione, allestita in questo palazzo storico ormai abbandonato, si ispira alle vicissitudini del regista Vittorio De Seta. Più volte, nel corso della sua carriera professionale, De Seta subì il controllo delle Autorità. La sua arte, così vicina al mondo dei lavoratori più umili, pescatori, contadini e minatori, era sospettata di nascondere una strisciante appartenenza alle società sovversive “comuniste”. Durante il periodo di sopralluoghi all’Archivio di Stato di Palermo, grazie all’esperienza unica del personale responsabile, gli artisti hanno scoperto l’esistenza di un faldone molto particolare: datato 1956, contiene numerose pratiche e denunce imputate ad artisti, registi, scrittori e giornalisti. Il documento fu redatto dai carabinieri di Petralia Sottana, un piccolo paese nel Parco delle Madonie. Questa carta è divenuta per i MASBEDO il simbolo della loro videoinstallazione, per questo hanno deciso di esporla all’ingresso della Sala delle Capriate, luogo di assoluto mistero e silenzio deputato alla conservazione di una memoria non organizzabile, un archivio accatastato secondo le non regole del tempo e del caso. Migliaia e migliaia di documenti non catalogati che il tempo ha trasformato in materia stratificata, fossili di carta, polvere e inchiostro rattrappito.





Scarica l'app di In Between Art Film su App Store e Google Play e vivi un'esperienza di realtà aumentata





Per ulteriori informazioni e immagini:



Ufficio Stampa In Between Art Film
Lara Facco
+39 349 2529989
[email protected]

MASBEDO è un duo artistico composto da Nicolò Massazza (1973) e Iacopo Bedogni (1970).

Vivono a Milano e lavorano insieme dal 1999, con un focus particolare sulla video arte e le installazioni. La loro pratica si esprime attraverso il linguaggio del video e in forme differenti, con performance, pièce teatrali, installazioni, fotografia e recentemente cinema. Il loro linguaggio è tra i più innovativi nel campo dell'arte contemporanea, grazie alla loro capacità unica di riunire diverse forme d’arte e una molteplicità di forme espressive in un’unica voce.

La loro ricerca artistica si è spesso concentrata sul tema dell'incomunicabilità, mettendo in evidenza – attraverso lavori dal taglio molto intimo o, al contrario, dal forte sentimento antropologico, sociale e politico – i paradossi insiti nella nostra società globalizzata e iper-connessa. Il pubblico è sempre al centro del loro interesse, coinvolto e ingaggiato con immagini, installazioni immersive o video performance, con un approccio di perfetta sintesi tra teatro, performance, architettura e video.



In Between Art Film è una casa di produzione cinematografica fondata nel 2012 da Beatrice Bulgari e specializzata nella produzione di film e documentari che si basano sull’interdisciplinarietà e lo scambio tra i diversi linguaggi artistici del nostro tempo.

In Between Art Film è presente in importanti collaborazioni di carattere istituzionale e partnership culturali tra cui: vice versa Padiglione Italia, 55. Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia (Venezia, 2013); Biennale de l’Image en Mouvement (Centre d'Art Contemporain Genève, 2016); miart (Milano 2016, 2017, 2018); Tate Film (Londra, 2017); MAXXI Videogallery (Roma, 2017, 2018); Il Mondo Magico Padiglione Italia, 57. Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia (Venezia, 2017); Documenta 14 (Atene - Kassel, 2017), Lo Schermo dell’Arte (Firenze, 2017), Manifesta 12 Palermo (Palermo, 2018).
Image

MASBEDO at Manifesta 12 Palermo


Videomobile



June 16–November 4, 2018



Videomobile

Palazzo Costantino 


via Maqueda 215

Palermo

Italy



June 15-19, 2018

Protocollo nr. 90/6

Archivio di Stato 


I° Cortile Gancia


Palermo 


Italy





www.masbedo.org

www.inbetweenartfilm.com





In Between Art Film is pleased to announce the participation of MASBEDO at Manifesta 12 Palermo, The Planetary Garden. Cultivating Coexistence.

From June 16 to November 4, 2018, in the stunning courtyard of Palazzo Costantino – one of the main venues in the very center of the town re-discovered and re-opened in this occasion by the nomadic Biennial – the artistic duo composed by Nicolò Massazza and Iacopo Bedogni is presenting Videomobile, their new multi-channel video installation commissioned by Manifesta12 and produced by Beatrice Bulgari for In Between Art Film.



Following the curatorial statement of Manifesta 12, Videomobile has been conceived and completely shot in Palermo, involving local citizens, prominent figures and iconic places in the cultural and civil life and history of the city, drawing a multifaceted portrait of the town.

MASBEDO transformed an old OM van of the 1970s into a “video wagon” to visit places of the cinema of the past, to investigate Sicilian society and the history of the Palermo area: a moving studio, a laboratory and stage for performances, some of which will be realized live during the Biennale. The project “physically” runs through and crosses memory, specifically the memory that emerges from investigative cinema.

Before the opening of Manifesta, Videomobile hosted several performances on the open theme of cinema in Palermo. When on show, Videomobile is a modular and accessible video installation, with cameras, monitors, screens, lights, sound system, etc., allowing film production and video projections: a narrative device, a multi-channel documentary work, whose content is essentially a conceptual and social reinterpretation of still topical cinema themes.

MASBEDO have elaborated images that reveal the dynamics of power and the socio-cultural changes hidden in Palermo’s present, paying particular attention to themes such as the sense of belonging or genius loci and faith in utopias. The first phase of their research started interviewing characters who have worked in cinema in an almost anonymous or marginal form, with secondary characters, such as make-up artists, extras or technicians. A second phase replaced the latter with better known and important figures such as directors, intellectuals, producers or politicians. A third and last phase included some of these figures in the realization of performances produced with the Videomobile in the streets and squares of Palermo where cinema was and still is a protagonist. Videomobile is an ongoing project, a sort of performative tour, a journey through the world of images of Vittorio De Seta, Gianfranco Mingozzi, Michelangelo Antonioni, Ugo Gregoretti, Mario Baffico, Francesco Rosi, Pier Paolo Pasolini, Letizia Battaglia, Mimmo Cuticchio and many other directors, authors and artists who have succeeded in creating other worlds in the city of Palermo.



During the first week of Manifesta – from June 15 to 19 – as spin-off of Videomobile, MASBEDO are presenting Protocol no. 90/6, a site-specific video installation especially conceived for Sala delle Capriate inside the Archivio di Stato di Palermo (State Archives of Palermo).

A Sicilian puppet – a hand-made sculptural object animated by Mimmo Cuticchio, made specifically for this video installation by his family – moves on a video stage, placed high up rather like an icon, behind a suspended curtain of cables and LED lights in the middle of the central room of the State Archives. The installation set up in this abandoned historical palazzo is inspired by the vicissitudes of the film director Vittorio De Seta. Several times, during his professional career, De Seta was subjected to the control of the authorities. His art, so close to the world of the humblest workers, fishermen, farmers and miners, was suspected of concealing a hidden agenda in favor of “communist” subversive societies. During the period of work undertake in the State Archives of Palermo, and thanks to the unique experience of the staff working there, MASBEDO discovered the existence of a very unusual folder: dated 1956, it contains numerous dossiers and reports concerning artists, directors, writers and journalists. The document, which immediately attracted their attention, was compiled by the Carabinieri of Petralia Sottana, a small town in the Parco delle Madonie. This dossier became the symbol of the meaning of their video installation, displayed at the entrance to the Sala delle Capriate, a place of absolute mystery and silence dedicated to the preservation of a non-organizable memory, an archive arranged in accordance with the non-rules of time and chance. Thousands and thousands of un-catalogued documents that time has transformed into stratified matter, paper fossils, dust and faded ink.





Download the In Between Art Film App on App Store e Google Play and live an augmented reality experience.




For further info and images:


Press Office In Between Art Film
Lara Facco
+39 349 2529989
[email protected]

MASBEDO are Nicolò Massazza (1973) and Iacopo Bedogni (1970).

They live in Milan and work together since 1999, focusing on video art and installations. They express themselves through the language of video, in different forms such as performance, theater, installation, photography and recently cinema. In Italy they are recognized among the most important video artists and innovators in the field of contemporary art, thanks to their unique feature of re-union of different arts and the multiplicity of languages in a single chorus.



In Between Art Film is a production company founded in 2012 by Beatrice Bulgari to produce films and documentaries based on an interdisciplinary approach and exchange between the different artistic languages of our time.