Manuela De Leonardis – Ginger House

Roma - 09/07/2011 : 31/08/2011

Ginger House è un breve reportage di viaggio dedicato ai magazzini dello zenzero di Cochin in Kerala (India del Sud), città famosa per il commercio delle spezie e primo centro nel subcontinente ad essere colonizzato dai Portoghesi all’inizio del XVI secolo.

Informazioni

Comunicato stampa

Ginger House è un breve reportage di viaggio dedicato ai magazzini dello zenzero di Cochin in Kerala (India del Sud), città famosa per il commercio delle spezie e primo centro nel subcontinente ad essere colonizzato dai Portoghesi all’inizio del XVI secolo.

Situati nel quartiere ebraico di Fort Cochin, a due passi dal porto, i due magazzini (Ganesh Trading Co. e Nariculam Spices) mantengono la stessa architettura di un secolo fa. Pareti intonacate di azzurro, segnate dal tempo, capriate di legno attraverso cui filtra la luce del sole



Il profumo intenso - energizzante - dello zenzero accatastato sul pavimento, in attesa di essere valutato e acquistato dai commercianti, oppure conservato nei vari ambienti, all’interno dei sacchi di juta - pronto per essere spedito in tutto il mondo - è il filo conduttore del percorso.

Una sensazione di sospensione temporale entra nel tessuto narrativo, avvolgendo lo spettatore che percepisce la vitalità sotterranea del divenire. Un’attesa che si carica di aspettative, che preannuncia un movimento.

Il silenzio è quasi sacrale all’interno dei magazzini, in contrasto con il fluire quotidiano della strada, oltre la finestra e la porta d’ingresso. Anche il ventilatore è spento, in attesa che qualcosa succeda.

Il racconto si snoda attraverso una serie di fotografie a colori scattate nel gennaio 2009, accompagnate da due brevi testi (Ginger House e Ode al Samosa) e da alcune ricette gastronomiche in cui l’ingrediente base è il ginger (zenzero).



Manuela De Leonardis (Roma 1966), storico e critico d’arte, giornalista freelance collabora dal 2004 con Il Manifesto/Alias, Exibart e dal 2009 con art a part of cult(ure). Nel 2007 inizia l’attività di curatela con la mostra L’Italia rurale degli anni Sessanta: Sardegna, Basilicata, Calabria nelle fotografie di Mario Carbone, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Lille. Invitata per le letture portfolio al SI FEST - Savignano Immagini Festival 2008 e al LDPF - Lucca Digital Photo Fest 2010 (nell’ambito del quale fa parte della giuria del Premio Del Carlo) è membro della giuria internazionale di arti visive del Fine Arts Festival di Muscat 2010 in Oman. Nell’aprile 2011 pubblica A tu per tu con i grandi fotografi (Postcart) una raccolta di interviste (testi e ritratti fotografici) a venticinque fotografi internazionali.