Made in Sicily

Catania - 16/07/2011 : 18/09/2011

“Made in Sicily” con i suoi centosettantasei artisti vuole offrire uno spaccato credibile di ciò che è avvenuto e avviene in Sicilia nell’ambito delle arti figurative, con un omaggio a ventiquattro artisti di valore, scomparsi, dei quali si rischia di perdere la memoria per distrazione o disinteresse di una parte della critica.

Informazioni

Comunicato stampa

Sabato 16 luglio alle ore 21, presso la Galleria d'Arte Moderna del Centro Culturale “Le Ciminiere” di Catania,
sarà inaugurata – alla presenza del dr Giovanni Ciampi, Vice presidente e Assessore alle Politiche culturali
della Provincia di Catania – la mostra Made in Sicily, curata da Nicolò D'Alessandro e organizzata
dall’Associazione culturale SPAZIOVITALE in


L'esposizione, che sarà visitabile dal martedì alla domenica dalle 18 alle 22, si propone come un'aggiornata
ricognizione nel tempo, con la presenza di 176 artisti siciliani attivi dal 1930 ad oggi, nello spazio, con opere
prevenienti da circa cinquanta comuni in rappresentanza delle nove province siciliane e nella galassia delle
espressioni artistiche, con esposizione di dipinti, fotografie, sculture e installazioni. Questa ricerca, è il frutto
dei cinquant'anni di lavoro di Nicolò D'Alessandro, fra i massimi esperti d'arte siciliana e già autore di
numerosi volumi sul tema, eclettico artista, autore del disegno a china più lungo del mondo La Valle
dell'Apocalisse di m 83,50 x 1,50. Il titolo della mostra non vuole essere una vuota affermazione d'orgoglio
campanilistico ma, per dirla con il curatore «muove da un atteggiamento giocoso che fa il verso al “made in
China”, “made in Italy”, “made in Taiwan”, “made in P.R.C”, “made in Corea” che danno l’idea non di un
mercato senza confini, ma di un luogo qualsiasi di produzione. Questa mostra, in un spazio come “Le
Ciminiere”, vuole essere una specie di contenitore di lusso, una metaforica vetrina per la cultura figurativa in
Sicilia. Tenta, con questo primo incontro, di esibire attraverso il racconto degli stessi artisti, l'evoluzione (o
l’involuzione) delle persistenze figurative, delle scelte non formali e delle adesioni al grande equivoco dell’arte
contemporanea; tenta di indagare la “questione meridionale” del sistema delle arti figurative in un territorio
eccentrico quale quello siciliano ancora non ampiamente sondato e verificato; tenta di esaminare infine il
contributo degli artisti nella revisione critica centro-periferia nella dialettica della globalizzazione e l’equivoco
del concetto ambiguo di contemporaneo». Made in Sicily vuole offrire uno spaccato credibile di ciò che avviene
in Sicilia nell’ambito delle arti figurative, una proposta parziale ma completa, nella quale degli artisti
selezionati sono stati privilegiati, ove possibile, i grandi formati, con opere che arrivano a oltre 4 metri di
lunghezza o 300 kg di peso.
Per l'On. Giuseppe Castiglione, Presidente della Provincia Regionale di Catania, l'Ente che ha promosso la
manifestazione, «siamo in presenza, con Made in Sicily, di un evento culturale di rilievo che non passerà
inosservato poiché un appuntamento così come è stato concepito diventa un inedito momento aggregativo, un
momento di riflessione sullo “stato di salute” dell’Arte». Anche il Comune di Catania ha patrocinato l'evento e il
suo sindaco, il Sen. Raffaele Stancanelli, ha sottolineato come la mostra abbia «rispetto ad altre rassegne
analoghe, una marcia in più grazie alla scelta di esporre anche le opere dei maestri scomparsi che, senza
rassegne di questo livello qualitativo, rischiavano di essere ingiustamente dimenticati», infatti, sono presenti
con proprie opere anche artisti di valore, scomparsi, dei quali si è persa la memoria per distrazione o
disinteresse di una parte della critica. Ma l'Associazione SPAZIOVITALE in ha voluto pensare anche ai giovani
artisti locali offrendo la possibilità a oltre 40 studenti dell'Accademia in Belle Arti di Catania di esporre a
rotazione le proprie opere nei locali della Galleria d'Arte Moderna, confrontandosi con i maestri più affermati
in alcuni appuntamenti che si svolgeranno nel corso della manifestazione.
Le 176 opere in mostra sono state raccolte in un prestigioso volume di 216 pagine, edito da L'Altro
Artecontemporanea, a cura di Nicolò D'Alessandro.
TRIBEART - La Guida mensile alle arti visive siciliane, media partner della manifestazione, sarà
presente con un proprio corner informativo.
MADE IN SICILY // ARTISTI
Antonella Affronti • Giuseppe Agnello • Giuseppe Agozzino • Michele Alfano • Sebastiano Altomare • Luciana
Anelli • Turi Aquino • Totò Audino • Calogero Barba • Arturo Barbante • Ilde Barone • Mario Barone • Matteo
Barretta • Edoardo Bellomo • Silvio Benedetto • Salvo Bonnici • Fiammetta Bonura • Rosario Bruno • Beppe
Burgio • Nicola Busacca • Antonio (Momò) Calascibetta • Jean Calogero • Ignazio Camilleri • Salvatore Canigiula
• Michele Canzoneri • Ilaria Caputo • Salvatore Caputo • Francesco Carbone • Oscar Carnicelli • Aurelio Caruso •
Salvo Caruso • Mario Cassisa • Giovanni Castiglia • Vito Catalano • Paolo Chirco • Gaetano Cipolla • Guido Colli •
Giovanni Compagnino • Letterio Consiglio • Francesco Coppa • Piero Corpaci • Giuseppe Corradino • Angelo
Cortese • Daniela Maria Costa • Gaetano Costa • Fabrizio Costanzo • Natalia Criscione • Tanina Cuccia •
Leonardo Cumbo • Michele Cutaja • Rosetta D’Alessandro • Orazio D’Emanuele • Cinzia De Luca • Angelo
Denaro • Cesare Di Narda • Giuseppe Elia Atanasio • Elsa Emmy • Martin Emschermann • Giuseppe Failla •
Franco Fasulo • Giuseppe Fell • Raimondo Ferlito • Maria Rachele Fichera • Pino Finocchiaro • Francesco
Fiorista • Salvo Fleres • Giuseppe Forzisi • Daniele Franzella • Concetto Fusillo • Dolores Gardassanich • Manlio
Geraci • Remo Gerevini • Giambecchina • Manlio Giannici • Francesco Giglia • Lillo Giuliana • Silvio Guardì •
Vito Guarneri • Franco Accursio Gulino • Giuseppe Guzzone • Marco Incardona • Leonardo La Barbera • Nino La
Barbera • Giuseppe La Bruna • Torquato La Mattina • Michele Lambo • Rossella Leone • Antonio Liberto • Sonia
Lo Bue • Mario Lo Coco • Gaetano Lo Manto • Silvana Lunetta • Beppe Madaudo • Sergio Mammina •
Bartolomeo Manno • Maria Rosa Marcantonio • Cinzia Marcoccio • Santo Marino • Alfredo Marsala Di Vita •
Gigi Martorelli • Gino Merlina • Lillo Messina • Carmelo Micalizzi • Antonio Miccichè • Giovanni Migliara •
Franco Mineo • Paolo Montalbano • Franco Montemaggiore • Enzo Monti • Antonino Nacci • Maria Donata
Napoli • Gaspare Occhipinti • Vincenzo Ognibene • Franco Panella • Franco Pappalardo • Enzo Patti • Gabriella
Patti • Antonio Perniciaro • Antonio Perricone • Nino Pilotto • Calogero Piro • Franco Piruca • Salvatore Pizzo •
Nicasio Pizzolato • Benedetto Poma • Giovanni Proietto • Gianni Provenzano • Salvatore Provino • Guido
Quadrio • Lanfranco Quadrio • Vanni Quadrio • Saverio Rao • Antonio Recca • Luigi Regalbuto • Daniela Riccioli
• Giuseppina Riggi • Francesco Rinzivillo • Nicolò Rizzo • Salvatore Rizzuti • Elio Romano • Enzo Romeo • Salvo
Russo • Salvatore Salomone • Enzo Salanitro • Pupino Samonà • Gery Scalzo • Giuseppe Sciacca • Vincenzo
Sciamè • Fabio Sciortino • Tommaso Serra • Francesco Sgroi • Carmelo Signorelli • Tino Signorini • Vittorio
Silvestri • Giuseppe Simonetti • Alfonso Siracusa • Turi Sottile • Salvatore Spanò • Franco Spena • Nuccio
Squillaci • Giusto Sucato • Lino Tardia • Delfo Tinnirello • Tino Tomaselli • Giuseppe Tomasello • Renato Tosini
• Valeria Troja • Accursio Truncali • Agostino Tulumello • Disma Tumminello • Gabriele Venanzio • Beppe Vesco
• Dina Viglianisi • Renè Vinçon - Guglielmo Volpe • Nicola Zappalà