Luisa Longo – L’anima impalpabile dei grattacieli

Venezia - 21/05/2018 : 21/06/2018

L’arte incontra l’architettura nelle opere di Luisa Longo alla Biennale di Architettura di Venezia.

Informazioni

  • Luogo: ATENEO VENETO
  • Indirizzo: Campo San Fantin 1897 - Venezia - Veneto
  • Quando: dal 21/05/2018 - al 21/06/2018
  • Vernissage: 21/05/2018 ore 17
  • Autori: Luisa Longo
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

Una mostra in cui arte e architettura danno vita ad un gioco di rimandi e suggestioni reciproche, creando un percorso emozionale.
“L’anima impalpabile dei grattacieli” è la personale di Luisa Longo, che porta le ultime opere dell’artista alla 16a Mostra Internazionale di Architettura di Venezia, la manifestazione più importante al mondo nell’ambito dell’arte del progetto.
Il 21 Maggio alle 17 nel quattrocentesco Ateneo Veneto la mostra aprirà i battenti presentando una selezione di opere dalla serie “Concrete swing”, recentemente realizzata da Longo, pittrice attiva nel campo della fiber art con alle spalle numerose esposizioni di rilievo


Le opere scelte rappresentano il paesaggio urbano, con particolare attenzione verso i grattacieli, riletti come metafora della contemporaneità, dell’aspirazione dell’uomo all’infinito, del suo desiderio di elevarsi dalle cose terrene.
Luoghi persi nel tempo e rivissuti attraverso la memoria, come nell’opera “Light echo”, un paesaggio moderno la cui apparente maestosità viene scardinata da una forza interna, che fa della materia inerte e della presenza monumentale dell’edificio una creatura animata da un dinamismo inatteso.
Nella serie di grattacieli di Longo le regole prospettiche sono sovvertite per lasciare posto all’emozione, alle suggestioni cromatiche create dal gioco di riflessi luminosi e trasparenze, al dialogo fra l’esistente e il percepito.
Nell’ambito della fiber art, che è caratterizzata dall’utilizzo di tessuti e trame, Longo segue, infatti, un percorso del tutto personale, esito di una sperimentazione ininterrotta. La ricerca continua su materiali di supporto inusuali, sui pigmenti e sulle tecniche, porta l’artista a dipingere sull’organza la serie dedicata all’architettura, che le permette di ottenere particolari effetti di luminosità e sottigliezza.
Così grattacieli inespugnabili, svettanti verso l’infinito, lasciano il posto a strutture flessuose e dinamiche, che perdono consistenza per diventare lievi e impalpabili, come a rappresentare la fragilità umana.
La curatrice della mostra, Laura Villani afferma “Luisa Longo propone delle opere che si presentano con la leggerezza di un soffio o di un respiro. La felice sintesi di un pensiero che vuole l’uomo con la sua meravigliosa unicità e fragilità al centro del progetto architettonico”.
L’esposizione si aprirà con un talk sui legami fra architettura e pittura, in cui la curatrice e l’artista analizzeranno l’oggetto architettonico come risposta dell’uomo al suo desiderio di spiritualità.
A completare il percorso espositivo ci sarà un video immersivo, che consentirà al visitatore di osservare le opere nel dettaglio, quasi entrando all’interno di esse, attraversando la trama del tessuto.
La luce tocca la superficie del grattacielo, lo immerge in riflessi vividi, lo proietta verso il cielo, in un'atmosfera senza tempo, per restituire l’immagine di un luogo immaginario, che è solo interiore.


Ateneo Veneto, Sala Tommaseo, Campo San Fantin, 1897, Venezia