Lorenzo Fonda – Fonda 1963-2011

Gubbio - 03/08/2011 : 30/09/2011

Un'esposizione unica che ripercorre i quasi 50 anni di carriera dell'artista.

Informazioni

Comunicato stampa

comunicato stampa
Sarà inaugurata mercoledì 3 agosto, alle 18.00, nelle sale del M.A.D. - Museo d'Arte Palazzo Ducale - di Gubbio la mostra retrospettiva di Lorenzo Fonda dal titolo “Fonda 1963-2011”. Un'esposizione unica che ripercorre i quasi 50 anni di carriera dell'artista. La scelta espositiva è stata accolta con grande entusiasmo dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici dell'Umbria congiuntamente alla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici.
Ampia soddisfazione sulla personale del Maestro è stata espressa dall'Arch

Anna Di Bene, Soprintendente per i Beni Architettonici e Paesaggistici dell'Umbria che nella splendida cornice del loggiato di Palazzo Brutti, con sullo sfondo la suggestiva inquadratura dell'Arco Etrusco, ha dichiarato che la mostra di Fonda andrà ad incentivare e a contribuire al prestigio dei suggestivi spazi espositivi del M.A.D. di Gubbio.
La personale, organizzata dall'associazione Osmosi dei Sensi in collaborazione con Archi's Comunicazione, raccoglie il meglio della produzione di Fonda dal '63 ad oggi; le tele più recenti, invece, sono state realizzate appena qualche settimana fa.
Come spiega infatti il Maestro - la nuova produzione nasce da un'esigenza formale, legata ad un contrattempo con Washington - dove quattro dei suoi paesaggi erano stati esposti in vista della visita di rappresentanza del Presidente Napolitano, lo scorso maggio. I lunghi tempi di riconsegna hanno incentivato – spiega Fonda – l'avvio della nuovissima serie che verrà esposta per la prima volta al M.A.D.
La scelta di riunire un numero importante di lavori - spiega Claudio Minciotti, coordinatore della mostra - risponde alla volontà del Maestro di percorrere in un unico spazio e per una grande occasione - i 150 anni dell’Unità d’Italia - il proprio percorso creativo dagli anni ‘60 ad oggi, affrontando tutti i temi che nel tempo hanno caratterizzato il suo lavoro, e la sua peculiare attitudine di rendere in forma d’arte l’intensità dello spirito umano.
Su questa scia, anche l'Arch. Francesco Scoppola, Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Umbria, elogia la multidisciplinarietà del Medico e Artista, e anticipa che quella del M.A.D. sarà un'esposizione in “cinque tempi e in levare” - riferendosi da un lato alle cinque sezioni della mostra e dall'altro ad un percorso che il fruitore scoprirà percorrendo gli spazi espositivi.
Realizzata in stretta collaborazione con l'artista, l'esposizione dedica una sezione del suo percorso al paesaggio, con particolare attenzione a quello umbro. Anche queste opere sono permeate di un forte patos spirituale, i colori caldi e intensi della campagna, sembrano vibrare e risplendere con la vivacità coinvolgente, ma controllata, tipica dello stilismo della grande tradizione artistica umbra. Nei paesaggi si amplifica l’occhio scenografico del pittore. Nella scelta dei temi il messaggio è una sensazione piacevole di rapporto armonico tra il prodotto dell’uomo e la natura che lo circonda; il risultato di piacevole serenità è un grande omaggio all’Umbria.
La Mostra è patrocinata da Regione Umbria, Provincia di Perugia e Comune di Gubbio e realizzata grazie al contributo di: Banca di Mantignana (stampa del catalogo), Ordine degli Ingegneri della Provincia di Perugia, Cesap Gas, Gruppo Eil, Ballarani agenzia di servizi, Fapi Serrementi, Città Internet.