L’estate di Lorenzo Lotto: suggestioni di carta

Bergamo - 12/07/2011 : 25/09/2011

La Civica Biblioteca Angelo Mai rende omaggio a Lorenzo Lotto con una esposizione di volumi a stampa nell’Atrio scamozziano.

Informazioni

  • Luogo: BIBLIOTECA CIVICA ANGELO MAI
  • Indirizzo: Piazza Vecchia, 15 - 24129 Bergamo - Bergamo - Lombardia
  • Quando: dal 12/07/2011 - al 25/09/2011
  • Vernissage: 12/07/2011
  • Autori: Lorenzo Lotto
  • Generi: personale, disegno e grafica
  • Orari: lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 8.30 alle 18.30; mercoledì dalle 8.30 alle 12.30 ( Chiusa dal 6 al 21 agosto)
  • Uffici stampa: B@BELE COMUNICAZIONE

Comunicato stampa

Dal 12 luglio al 25 settembre 2011, la Civica Biblioteca Angelo Mai rende omaggio a Lorenzo Lotto con una esposizione di volumi a stampa nell’Atrio scamozziano.
L’iniziativa si colloca nell’ambito del progetto di valorizzazione dei capolavori conservati dall’Accademia Carrara, attualmente ospitati in Palazzo della Ragione, e di quelli presenti nel territorio della città e della provincia realizzati dall’artista durante il soggiorno bergamasco (1513-1525).
Si deve a Bernard Berenson, nel 1895, la prima monografia su Lorenzo Lotto che inaugura una tradizione di studi che ha percorso tutto il Novecento e continua nei giorni nostri


La nostra Civica Biblioteca – che conserva le lettere autografe ch l’artista inviò tra il 1524 e il 1532 al Consorzio della Misericordia Maggiore di Bergamo committente dei disegni per le tarsie del coro ligneo della basilica cittadina di Santa Maria Maggiore - documenta con oltre duecento titoli la ricca bibliografia lottesca della quale si offre oggi una selezione organizzata tematicamente: dai cataloghi delle principali mostre dedicate all’artista , alle preziose pubblicazioni delle fonti manoscritte di Lorenzo Lotto; dalle grandi monografie agli studi iconografici e iconologici; dalle ricerche sugli affreschi a quelle sui disegni. Una piccola sezione è dedicata alle tesi di laurea e di dottorato depositate negli anni presso la Biblioteca dagli studiosi di tutto il mondo che hanno condotto qui le loro ricerche giovanili.
L’occasione della mostra consente una dedica speciale a Francesca Cortesi Bosco che onora con la sua presenza quasi quotidiana la nostra Biblioteca. Le sue ricerche hanno apportato contributi fondamentali per la comprensione dei contenuti simbolici e devozionali di un artista tormentato e complesso del quale la studiosa ha ricostruito, grazie allo scandaglio sistematico dei fondi documentari e librari, sia la complessità spirituale sia la varietà ed ampiezza dei riferimenti culturali.