La Nuova Pesa. Storia di una galleria 1959-1976

Matera - 14/05/2011 : 16/06/2011

Al Musma una mostra e un volume per raccontare gli anni cruciali di una galleria diventata lo specchio di un'Italia diversa.

Informazioni

  • Luogo: MUSMA - MUSEO DELLA SCULTURA CONTEMPORANEA MATERA
  • Indirizzo: Via San Giacomo - Matera - Basilicata
  • Quando: dal 14/05/2011 - al 16/06/2011
  • Vernissage: 14/05/2011 ore 18.00
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: dal martedì alla domenica dalle 10 alle 14 – lunedì chiuso. Informazioni su orari, biglietteria, prenotazioni e visite guidate: 366.9357768 - [email protected]
  • Email: info@artezeta.it

Comunicato stampa

Il fermento culturale della galleria d’arte romana La Nuova Pesa rivive al Musma di Matera in una temporanea allestita nelle Sale della Caccia.
Alla vernice della mostra, sabato 14 maggio 2011 alle 18, interverrà l’attrice e gallerista Simona
Marchini. L’inaugurazione sarà l’occasione per presentare anche nella città dei Sassi il volume La Nuova Pesa / 1. Storia di una galleria 1959-1976, De Luca Editori d’Arte Roma, con testi a firma di Giuseppe Appella, Enrico Crispolti, Nicola Tranfaglia e di Simona Marchini

La serata sarà introdotta dal presidente della Fondazione Zetema, Raffaello De Ruggieri, e parteciperanno alla presentazione che intende ricostruire il clima di quegli anni nell’arte, nella letteratura e nel cinema: Giuseppe Appella, storico dell’arte, curatore del Museo, Franco Vitelli, critico letterario, Università degli Studi di Bari, Antongiulio Mancino, critico cinematografico, Università degli Studi di Macerata. Simona Marchini, per l’occasione, proporrà al pubblico presente alcuni momenti della commedia La Mostra, andata in scena a Roma lo scorso mese con la regia di Gigi Proietti. Una performance comica sull’attualità italiana, sugli artisti del Bel paese e sulla vita della protagonista. Intepretando se stessa, Marchini chiarisce l’importanza dell’arte che, in questo momento politico così buio, non è più considerata di moda.
Il Musma, il Museo della Scultura contemporanea – Matera, che nella sua collezione ospita gli scultori de La Nuova Pesa, e i pittori che si sono dedicati alla scultura: Gaetaniello, Guerricchio, Gianquinto, Raphaël, Manzù, Picasso, Mazzacurati, Mirko, Bodini, Ortega, Fazzini, Mazzullo, Pietro Cascella, Ipousteguy e Trubbiani, presenta una mostra arricchita da immagini e documenti esposti nella Biblioteca Schieiwiller. La galleria La Nuova Pesa contava fra i suoi frequentatori abituali personaggi come: Alberto Moravia, Pier Paolo Pasolini, Elsa Morante, Elio Petri, Gaspero Del Corso e Irene Brin, Giorgio Bassani, Roberto Longhi, Monica Vitti, Pietro Germi, Valentino Bompiani, Cesare Zavattini, Ennio Flaiano, Giulio Einaudi, Palmiro Togliatti, Burt Lancaster, Leonida Repaci, Mario Praz, Palma Bucarelli, Giulio Carlo Argan, Pietro Campilli, Alberto Lattuada, Giulietta Masina, Federico Fellini, Valerio Zurlini, Giancarlo Vigorelli, Rafael Alberti, Giuliano Briganti, Anna Magnani, Marcello Mastroianni, Leonardo Sinisgalli, Libero De Libero, Giorgio Amendola, Michelangelo Antonioni, Franco Russoli, Gillo Pontecorvo. Non solo: in quella galleria ha ha mosso i primi passi Luigi Guerricchio e Josè Ortega ha trovato la sua prima vetrina italiana.
Il volume La Nuova Pesa / 1. Storia di una galleria 1959-1976 ha l’intenzione di approfondire da più punti di vista, da quello marcatamente critico, a quello storico e testimoniale, un’attività culturale che è stata una delle fucine più produttive e vitali del tempo. La riproduzione delle copertine dei cataloghi di tutte le mostre organizzate da La Nuova Pesa, l’apparato fotografico e quello bibliografico, la cronologia delle mostre (alle cui ricerche hanno collaborato Bruna Fontana e Onofrio Nuzzolese) fanno inoltre
da sponda filologica e documentaria alla già ricca analisi contenuta nei testi pubblicati.
Il libro che si presenta e la mostra che l’accompagna, sono un tentativo di non lasciare nulla di storicamente inevaso su La Nuova Pesa..
La mostra del Musma rimarrà aperta al pubblico fino al 16 giugno 2011.

Nota criticha a cura di Giuseppe Appella su La Nuova Pesa

Il 23 aprile 1959, al primo piano del palazzo di via Frattina 99, sotto l’unico balcone di marmo tra tanti balconcini di ferro del periodo umbertino di cui si fregia la strada, apre la Galleria d’Arte La Nuova Pesa. Doveva chiamarsi “Il Balcone” ma, alla fine, per quell’insieme di significati polemici e critici legati al momento storico e al clima romano, prevale “La Nuova Pesa”: un nome rinascimentale per un programma preciso: “Stabilire in un sereno e vasto panorama dei valori italiani e mondiali, quali che siano le correnti artistiche più ricche di risultati, senza discriminazioni, senza scomuniche e programmatici rifiuti”.
Sostenitore dell’iniziativa è l’imprenditore Alvaro Marchini che, nel corso degli anni, si avvale dei consigli di Renato Guttuso, oltre che del contributo di Dario Durbè, Mario Penelope, Antonello Trombadori, Fernando Terenzi, Laura Mazza e della costante presenza di critici quali Dario Micacchi, Antonio Del Guercio, Duilio Morosini, Mario De Micheli, Raffaele De Grada, Marcello Venturoli, Enrico Crispolti.
La Galleria, tra il 1959 e il 1976, si pone come il punto di riferimento del neorealismo e la risposta ai linguaggi imposti dall’informale prima, dall’espressionismo astratto americano, dalla pop-art e dall’arte povera poi, attraverso una serie di esposizioni di grande rilievo (Picasso, Braque, Léger, Gris, Mafai, Manzù, Sironi, Cagli, Levi, Ziveri, Mazzacurati, Guttuso, Raphaël, Mirko, Donghi, Fazzini, Francalancia, Pirandello, Licini, Edita Broglio) e la proposta di giovani emergenti (Vacchi, Fieschi, Vespignani, Ferroni, Gianquinto, Ortega, Guccione, Guerreschi, Dova, Bodini, Guerricchio, Caruso, Calabria, Titina Maselli).
Alla base di tutte le iniziative, il desiderio di ricollegarsi ai fenomeni artistici anteguerra cercando di imbastire la trama della nuova cultura figurativa moderna in Italia, di offrire la possibilità di guardare quasi “da posteri” ad un periodo ricco di generosità e di intelligenza creativa; di mettere in luce momenti e artisti sui quali si vuole ingiustamente mettere un velo e che, al contrario, offrono elementi necessari a comprendere le radici dell’arte contemporanea italiana, per ravvisare la fisionomia originale, non cosmopolita, delle sue relazioni con le più moderne sperimentazioni internazionali, soprattutto europee.

Curriculum vitae Simona Marchini

Simona Marchini è nata a Roma. Dopo la laurea in lettere moderne si avvicina all’ambiente artistico attraverso la partecipazione a programmi televisivi e radiofonici all’epoca dirompenti per il linguaggio utilizzato (Quelli della notte di Renzo Arbore, A tutto gag, Black out), ideando personaggi femminili presto divenuti popolari. Nel 1985 riapre, come Centro Culturale, La Nuova Pesa, dando avvio non solo a un percorso espositivo che ha visto la partecipazione di artisti tra i più importanti della scena internazionale (D. Spoerri, J. Kounellis, R. Horn, H. Nagasawa, F. Mauri, tanto per citarmne alcuni), quanto a un’attività di promozione e organizzazione culturale che culminerà con la Sovrintendenza del Todi Arte Festival dal 2000 al 2007. Per quanto riguarda la passione di una vita, l’opera lirica, oltre a numerose regie (La Rondine, Hansel e Gretel, Cenerentola), si segnalano la realizzazione, nel 1998 presso il Palazzo delle Esposizioni di Roma, della mostra Opera, percorsi nel mondo del melodramma e, su un piano dichiaratamente divulgativo, gli Incontri sull’opera lirica rivolti alle scuole, con cadenza annuale. Sul piano dell’impegno civile ha dedicato particolare attenzione alla condizione dell’infanzia nelle aree più povere del mondo (è Ambasciatrice UNICEF dal 1987) non trascurando le problematiche dell’infanzia del nostro paese, soprattutto per quanto riguarda il tema della crescita attraverso la formazione artistica, in particolare quella musicale, istituendo laboratori di propedeutica musicale.
Dal 1979 conduce un’intensa attività teatrale come attrice lavorando, tra gli altri, con Pietro Garinei (Rugantino), Jérôme Savary (L’Avaro, La sempreBella e la piccola Bestia), Memè Perlini (Quando torna la primavera di A. Wesker), Maurizio Nichetti (Le sorelle Materassi), P. Maccarinelli (Ahi, corpo crudele di G. Manfridi), Matteo Marasco (Storia di una capinera), Gigi Proietti (La Mostra).