Kengiro Azuma 1961

Milano - 29/09/2011 : 15/01/2012

Verranno presentate le opere dell’artista, già allievo all’Accademia di Brera di Marino Marini, relative ai primi anni sessanta. Alcune sculture e una tela dai depositi museali insieme ad altre opere dello stesso anno prestate dall’artista e esposte in occasione della sua prima mostra personale del 1961 a Milano presso la Galleria Minima, della quale saranno esposti il catalogo e fotografie originali dell’epoca . In mostra anche una video dove Azuma ripercorre gli sviluppi del suo percorso artistico.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO DEL NOVECENTO
  • Indirizzo: Via Marconi, 1 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 29/09/2011 - al 15/01/2012
  • Vernissage: 29/09/2011 ore 18.30 su invito
  • Autori: Kengiro Azuma
  • Curatori: Danka Giacon
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Lunedì 14.30 – 19.30 Martedì, Mercoledì, venerdì e domenica 9.30 – 19.30 Giovedì e sabato: 9.30 – 22.30
  • Biglietti: intero 5 euro ridotto 3 euro (studenti universitari, over 65, dipendenti comunali)
  • Email: c.museo900@comune.milano.it
  • Patrocini: Main Sponsor | Bank of America Merril Lynch
  • Uffici stampa: ELECTA

Comunicato stampa

È dedicato alle opere di Kengiro Azuma la prossima mostra nella Sala Focus del Museo del Novecento, in programma dal 30 settembre 2011.

L’approfondimento pone al centro la scultura in gesso Mu realizzata dall’artista giapponese nel 1961. Questa data segna un momento fondamentale nel percorso artistico di Azuma, e precisamente il passaggio da una pratica figurativa, atta a emulare la scultura di Marino Marini, suo maestro a Brera, a una espressione più autonoma, astratta


In questi anni Azuma, incoraggiato anche dallo stesso maestro, è alla ricerca di nuove forme e l’ispirazione arriva casualmente, come racconta nei suoi aneddoti l’artista, osservando una catasta di cassette di legno per la frutta in cui riesce a cogliere una cadenza ritmica tra “pieni” e vuoti, che da quel momento caratterizzeranno la sua produzione, per l’appunto intitolata “Mu” che in giapponese rimanda al concetto di “vuoto”.
Da quel momento Azuma inizia a creare veri propri assemblaggi con l’accostamento di listelli di legno delle stesse cassette da cui, a volte, trae delle sculture in gesso su cui poi interviene con piccoli segni o fori.
La scultura Mu è affiancata da un olio, Mu 0.6 e da un’altra serie di opere, sempre del 1961, alcune delle quali di proprietà dell’artista, altre di proprietà delle civiche raccolte del Comune di Milano.

Le opere di Azuma sono entrate nelle collezioni civiche grazie alle donazioni Boschi-Di Stefano del 1974 e 1980. Gli acquisti delle opere, risalenti al 1963, dimostrano come Antonio e Marieda Boschi Di Stefano fossero molto attenti alla produzione artistica dei giovani artisti attivi a Milano.

Il focus è curato da Danka Giacon. Grazie alla preziosa collaborazione dell’artista, è stata realizzata da Giulio Cattaneo e Viola Mazza una video intervista che verrà riprodotta durante l’esposizione. L’allestimento dello spazio focus è a cura di Fabio Fornasari.


Kengiro Azuma, nato a Yamagata in Giappone da una famiglia di fonditori e scultori, dopo aver prestato servizio nell’aviazione durante la seconda guerra mondiale, lavora come scultore e docente presso l’Università d’Arte di Tokyo. Giunge in Italia nel 1955, grazie a una borsa di studio che gli permette di frequentare l’Accademia di Brera e, nonostante le molte difficoltà, soprattutto linguistiche, decide di restare a Milano. Si avvicina a Marino Marini, suo maestro in accademia, fino a diventare, anche dopo il diploma in scultura, suo assistente privato. Negli anni sessanta Azuma inizia a esporre in modo autonomo nelle gallerie private milanesi continuando comunque l’attività di assistente presso lo studio di Marino Marini.



La Sala Focus del Museo del Novecento è uno spazio dedicato ad approfondimenti temporanei che hanno come principale oggetto ricerche sul patrimonio delle raccolte museali.
Ideati come strumento di valorizzazione delle collezioni civiche, i focus permettono anzitutto la rotazione delle opere conservate presso i depositi del museo che al momento non compaiono nel percorso espositivo.
Presupposto comune è l'alto contenuto scientifico, che si concretizza in una accurata ricerca storico-critica e filologica, condotta di volta in volta da storici dell'arte, ricercatori e studiosi.
Il profilo scientifico dei focus permette l'avanzamento dello stato degli studi rispetto al patrimonio attraverso una proficua collaborazione con le università e gli istituti di ricerca, così da offrire letture e chiavi interpretative inedite delle opere, dei protagonisti e delle tematiche che hanno animato il Novecento italiano e milanese.