Jan Saudek & Sara Saudek – Retrospettiva

Roma - 25/06/2011 : 04/09/2011

Decadente, stravagante, osceno: il grande fotografo ceco Jan Saudek assieme alla modella, moglie e musa Sara Saudek in mostra alla Mondo Bizzarro Gallery, con una retrospettiva curata da Barbara Collevecchio.

Informazioni

  • Luogo: MONDO BIZZARRO GALLERY
  • Indirizzo: Via Degli Equi, 18/A, 00185 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 25/06/2011 - al 04/09/2011
  • Vernissage: 25/06/2011 ore 19.30
  • Autori: Jan Saudek, Sara Saudek
  • Curatori: Barbara Collevecchio
  • Generi: fotografia, personale
  • Orari: dal lunedì al sabato 12.00 - 20.00 domenica 16.00-20.00
  • Catalogo: con testo critico di Ando Gilardi, edito da Mondo Bizzarro.

Comunicato stampa

Jan Saudek, ebreo nato a Praga, vive l'orrore della deportazione durante gli anni della Seconda Guerra Mondiale. In seguito torna a Praga, costretto a lavorare quasi di nascosto, chiuso in uno scantinato, sviluppando sogni e fantasie nel contesto piuttosto grigio e pragmatico della dittatura socialista. Negli anni Settanta inizia a «correggere» le sue stampe in bianco e nero con l'ausilio dell'acquerello. Da questa emarginazione da "uomo del sottosuolo" nasce un'arte onirica, elegantemente triste e allegra: erotica nel senso più vitale ed interessante del termine

Le opere di Saudek, affascinanti e misteriose come la stessa Praga, hanno reso questo artista uno dei maggiori autori viventi. Un pilastro della storia della fotografia del Novecento.
Il mondo surreale di Jan Saudek è una stanza dall'intonaco scrostato da cui filtra l'infinito. Le carni esposte al suo occhio e pennello sono oscenizzazione di corpi fastidiosi ed imperfetti, resi unici e straordinari dal quel tocco di bellezza malinconica che solo l'arte ctonia sa dare. Sara Saudek dal canto suo, ci racconta delle infinite declinazioni di un femminile impossibile da arginare e restringere con paletti moralizzanti e interpretativi.

Il 25 giugno ci ritroveremo nello spazio della Mondo Bizzarro Gallery (recentemente ampliato) tra nani, ballerine, corsetti, cappelli, corpi, seni e stelle che filtrano da una finestra metafisica.
Vernissage al calar del sole, quando gli animi si fanno sognanti.

Sarà presente l'artista. Disponibile il catalogo con testo critico di Ando Gilardi, edito da Mondo Bizzarro.

* * *

JAN SAUDEK (Praga, 13 maggio 1935) è un fotografo ceco.

Figlio di un direttore di banca, di origine ebraica, Jan Saudek nasce a Praga, la sua famiglia viene deportata nel Campo di concentramento di Terezín, dove moriranno alcuni dei suoi fratelli.

Dopo la guerra comincia a dipingere e disegnare. Nel 1950 viene assunto presso una tipografia e dal 1954 al 1956 viene chiamato ad assolvere gli obblighi di leva. Nel 1958 sposa Marie, dalla quale avrà due figli: Samuel e David. Nel 1959 Marie gli regala la prima vera macchina fotografica, una Flexaret 6 x 6.

Nel 1963, ispirato dai lavori di Edward Steichen e dal catalogo della sua famosa esposizione a New York intitolata The Family of Man, decide di diventare un fotografo professionista.

Nel 1969 si reca per la prima volta negli USA, dove il curatore Hugh Edwards lo incoraggia a continuare nella sua professione di fotografo e all'università di Bloomington nell'Indiana inaugura la sua prima mostra personale.

Tornato a Praga, è costretto a lavorare in uno scantinato per evitare il controllo della polizia. Le sue prime fotografie erano stampate in bianco e nero o virate seppia. Verso la metà degli anni settanta, su pressione dei suoi clienti, prende la decisione di colorare ad acquerello le sue stampe in bianco e nero, dando vita ad uno stile particolare e riconoscibile.

I suoi temi principali sono l'erotismo e il corpo femminile, che Saudek carica di simboli religiosi e politici di corruzione e innocenza. Spesso raffigura scene oniriche, dipinte a mano, in cui figure nude o seminude vengono ritratte sullo sfondo di una parete dall'intonaco scrostato, che altro non è che la parete del suo scantinato. Altro tema ricorrente della fotografia di Saudek è l'evocazione dell'infanzia. Spesso Saudek ritrae lo stesso soggetto, nella stessa posa, a distanza di anni per descrivere il trascorrere del tempo.

Nel 1970 Saudek si separa dalla moglie Marie. La sua reputazione internazionale cresce sempre di più e molte sono le collaborazioni di prestigio e le esposizioni dei suoi lavori, ad Anversa, Bruxelles, Bonn, Losanna, Parigi, Chicago. Nel 1983 viene pubblicata la prima monografia su Saudek, Il mondo di Jan Saudek, in lingua inglese, tedesca e francese.

Nel 1984, dopo anni di lavoro in una fabbrica, il governo comunista gli concede un permesso così che, libero dal vincolo del salario settimanale, dedica tutte le sue capacità e il suo tempo alla fotografia artistica.

Saudek vive e lavora tuttora a Praga.

* * *

SARA SAUDEK (Repubblica Ceca, 1967)

Dopo una laurea in Economia diventa l'assistente di Jan Saudek e suo vero e proprio «braccio destro». Dal 1999 inizia a realizzare le sue fotografie, tutte dedicate alla ricerca personale e al femminile.