Giacchella e Clementi – Intruders urban explorers

Ancona - 08/06/2011 : 19/06/2011

La video installazione firmata da Giacchella e Clementi che viene ospitata all’Atelier dell’Arco Amoroso di Ancona nell’ambito del progetto Videodromo è una preview di questa straordinaria esperienza che vede protagonisti gli Intruders, una banda di eploratori urbani alla scoperta di luoghi dimenticati, perduti e all’apparenza impenetrabili.

Informazioni

  • Luogo: VIDEODROMO
  • Indirizzo: Piazza Plebiscito - Ancona - Marche
  • Quando: dal 08/06/2011 - al 19/06/2011
  • Vernissage: 08/06/2011 ore 19
  • Autori: Giacchella e Clementi
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: ore 19.00-21.00
  • Patrocini: dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dalla Provincia di Ancona e dal Comune di Senigallia, è a cura di Monica Caputo e Allegra Corbo con l’organizzazione e produzione dell’Associazione no profit MAC Manifestazioni Artistiche Contemporanee, ed è realizzata in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici delle Marche e la Franco Cosimo Panini Editore.

Comunicato stampa

Una ricerca iniziata negli anni ’90 sui luoghi abbandonati delle Marche diventa oggi un progetto dal titolo Intruders, urban explorers che comprende una video istallazione dei filmakers Matteo Giacchella e Gastone Clementi, una mostra del fotografo Luca Blast Forlani, una pubblicazione edita da Franco Cosimo Panini Editore e un ciclo di conferenze con Pippo Ciorra, Giorgio Cozzolino, Salvatore Settis; appuntamenti che si terranno alla Rocca di Senigallia a partire dal 17 giugno fino al 4 settembre 2011





La video installazione firmata da Giacchella e Clementi che viene ospitata all’Atelier dell’Arco Amoroso di Ancona nell’ambito del progetto Videodromo è una preview di questa straordinaria esperienza che vede protagonisti gli Intruders, una banda di eploratori urbani alla scoperta di luoghi dimenticati, perduti e all’apparenza impenetrabili.



Come raccontano gli stessi filmakers “il video nasce dal piacere di visitare luoghi abbandonati e fatiscenti nei quali a volte il tempo sembra fermarsi e gli oggetti e le mura che li compongono sembrano acquisire una propria anima e memoria; Il lavoro si sviluppa con il desiderio di condividere questi beni collettivi, spesso sconosciuti al grande pubblico, nel tentativo di riportare le sensazioni e le suggestioni che si provano nel violare degli spazi senza tempo, dai quali emergono echi del passato e bellezze dimenticate sotto una coltre di polvere.”



Il progetto patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dalla Provincia di Ancona e dal Comune di Senigallia, è a cura di Monica Caputo e Allegra Corbo con l’organizzazione e produzione dell’Associazione no profit MAC Manifestazioni Artistiche Contemporanee, ed è realizzata in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici delle Marche e la Franco Cosimo Panini Editore.