Futuro artigiano

Roma - 08/06/2011 : 08/06/2011

Saranno Luca Cordero di Montezemolo, presidente di Italia Futura, Giuseppe De Rita, presidente Censis, e Umberto Croppi, direttore generale di Fondazione Valore Italia, a discutere del nuovo libro dell’economista Stefano Micelli “Futuro artigiano - L’innovazione nelle mani degli italiani”.

Informazioni

Comunicato stampa

Saranno Luca Cordero di Montezemolo, presidente di Italia Futura, Giuseppe De Rita, presidente Censis, e Umberto Croppi, direttore generale di Fondazione Valore Italia, a discutere del nuovo libro dell’economista Stefano Micelli “Futuro artigiano - L’innovazione nelle mani degli italiani”, venerdì 8 luglio 2011 alle ore 10.30 al MACRO Testaccio, La Pelanda (piazza Orazio Giustiniani 4, Roma). A moderare l’incontro, promosso da Marsilio e dalla Fondazione Valore Italia, sarà Dario Di Vico, giornalista del Corriere della Sera



“Futuro artigiano - L’innovazione nelle mani degli italiani” di Stefano Micelli, edito da Marsilio Editori, è il manifesto di un nuovo immaginario per l’industria italiana: la virtuosa contaminazione tra lavoro artigiano ed economia globale.

Il libro descrive le tante realtà del nostro paese in cui il saper fare continua a rappresentare un ingrediente essenziale di qualità e di innovazione. Racconta i molti modi in cui è possibile declinare al futuro un’eredità che merita di essere proposta a scala internazionale. Il libro è un viaggio in un’Italia forse poco nota, ma vitale e sorprendente. La riscoperta del lavoro artigiano, non solo in Italia, supera i confini dell’economia. Ci costringe a riflettere su cosa dobbiamo intendere oggi per creatività e meritocrazia e sulle opportunità di crescita che si offrono alle nuove generazioni del nostro paese.

Stefano Micelli spiega come la competitività del nostro sistema industriale sia ancora oggi intimamente legata a competenze artigiane che hanno saputo rinnovare il loro ruolo nelle grandi e nelle piccole imprese. Proprio in un’economia popolata da knowledge workers, ciò che caratterizza l’industria italiana è, in moltissimi casi, un saper fare che pochi altri paesi hanno saputo conservare. Queste competenze rendono la nostra manifattura flessibile, dinamica e, soprattutto, interessante agli occhi di quella crescente popolazione che cerca storia e cultura nei prodotti che acquista.