Fabian Marti – Folly of Being

Napoli - 20/05/2018 : 31/07/2018

La galleria Fonti è lieta di presentare Folly of Being, quarta mostra personale in galleria dell’artista Fabian Marti. La mostra si compone di nuove opere realizzate in tecnica photogram e di disegni su carta.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA FONTI
  • Indirizzo: Via Chiaia 229 - Napoli - Campania
  • Quando: dal 20/05/2018 - al 31/07/2018
  • Vernissage: 20/05/2018 ore 11
  • Autori: Fabian Marti
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal lunedì al venerdì ore 11 - 14 / 16 – 20 o su appuntamento

Comunicato stampa

Galleria Fonti is pleased to announce Folly of Being, the fourth solo exhibition in the gallery by artist Fabian Marti. The show is composed by new works realized using the photogram technique and some drawings on paper.
First through the door
Dr. Paul J. Ennis
The only way for tomorrow not to be worse is for tomorrow never to occur at all. As a homily one could do worse. It’s paradoxical and yet practical all at once, but first your practise must that of a bleak theorist. For everything else try anything else

My father failed to tell me that you can break it easily, but try putting it back together again, that’s life (or an egg). I only understood when I found myself smashed against the wall with nobody to put me back together again.
Let us be serious for a moment: accumulations of psychical experience compound until they begin to sound like bustling chatter (or, perhaps, “idle talk,” as the old master across the border once said). Glimpses of people appear, but each time ever-more faded, invariably distorted. The subjectification process continues to fascinate, the degraded electricity in your brain strains for focus, this time all is more manic, this time ruinous. On a recent psychedelic experience I called out to Odin and he didn’t reply. You know you are in trouble when Odin will not listen.
The absent gods continue to fake hallucination. Their indifference spreads disinformation to all quarters; it says there is hope to be found if you keep looking, like the drunk who seeks his key only in the light. Nobody is listening, nobody is ever listening. Singular consciousness packed inside meat and skull, pretending to speak in order to double themselves, to just keep going.
Machinic retroactive self-construction is to succeed. Chained up, blocked in, it will happen one way or another, no exit, only the relentless churning of hash functions. Music first, then intermezzo, the folly of being the intermezzo, of being on show. Prelude to a coming war.
When all the children fell in love the world cracked their heads right open. It was the cosmos closing in, whispering the transcendental extinction into existence, pursuing its own ends, eliminating byte by byte the consistency that was previously there. The counter-intelligence is awake.
Surprised I went walking to the beach to seek out ghosts, but instead they found me and spoke. That grim sunshine spoke, making shells of shells and then there was no one left to play with, assuming there were ever any to begin with. You might think it’s a sad story, this writer despondently reflecting on matters disputed, but I don’t believe you are there at all. As I see it you are here trying to escape the “transparent cage” (Sartre) but I know it’s a “special form of darkness” (Metzinger). There is no time for politics among serious men.
The paradox today is that vitalism is dead. The poets are seized with a set of images from the distant future. It touches their mind’s eye and through their surrogates the act of transcendental extinction filters out. In occurring already we find ourselves in its own on-going memory, flashing before a mindless eye indifferent to how significant any of it was in the end (or beginning or present).
Those who say it was beautiful while it lasted have never been beautiful and almost certainly never lasted. Blasted through life they have never stopped to think abjectness to its stunningly perfect picture. A non-time of absolute and total stillness. A freedom of settled inaction. Sudden release.
On the beach crushing eggs an old man approached me. Three-quarters dead and harsh to the look he inquired if I’d heard about being first through the door. I had and he proceeded to tell me not to.
It’s getting weird out there kids. Be fearful, not steadfast.
Comunicato Stampa
Artista: Fabian Marti
Titolo: Folly of Being
Inaugurazione: 20 maggio 2018 ore 11.00
Periodo: dal 20 maggio al 31 luglio 2018
Orari di apertura: dal lunedì al venerdì ore 11 - 14 / 16 – 20
o su appuntamento
Info: tel +39 081411409 email: [email protected]
Follow us on Facebook and Instagram
La galleria Fonti è lieta di presentare Folly of Being, quarta mostra personale in galleria dell’artista Fabian Marti.
La mostra si compone di nuove opere realizzate in tecnica photogram e di disegni su carta.
First through the door
Dr. Paul J. Ennis
L'unico modo per il domani di non essere peggio di oggi è il non verificarsi mai. Come omelia si potrebbe fare di peggio. È
paradossale e pratico allo stesso tempo, ma prima la tua pratica deve essere quella di un desolante teorico. Per tutto il resto prova
qualsiasi altra cosa. Mio padre non mi ha detto che si può rompere facilmente, ma prova a metterlo di nuovo insieme, questa è la
vita (o un uovo). L'ho capito solo quando mi sono trovato schiacciato contro il muro con nessuno che mi rimettesse insieme.
Cerchiamo di essere seri per un momento: accumulazioni di esperienza psichica si aggravano fino a quando non cominciano a
suonare come chiacchiericcio vivace (o, forse, "parlare inattivo", come una volta disse il vecchio maestro di là del confine).
Sguardi di persone appaiono, ma ogni volta sempre più sbiaditi, invariabilmente distorti. Il processo di soggettivazione continua ad
affascinare, l'elettricità degradata nel tuo cervello si sforza di mettere a fuoco, questa volta tutto è più maniacale, questa volta
rovinoso. In una recente esperienza psichedelica ho invocato Odino e lui non ha risposto. Sai di essere nei guai quando Odino non
ti ascolta.
Gli dei assenti continuano ad allucinare falsamente. La loro indifferenza diffonde disinformazione a tutti gli ambienti; dice che c'è
speranza di essere trovati se si continua a guardare, come l'ubriaco che cerca la sua chiave solo alla luce. Nessuno sta ascoltando,
nessuno sta mai ascoltando. Singolare coscienza imballata dentro carne e cranio, che finge di parlare per raddoppiare se stessi, solo
per andare avanti.
Macchinico retroattivo auto-costruttivo è avere successo. Incatenato, bloccato, accadrà in un modo o nell'altro, senza uscita, solo
l'incessante zangolatura di funzioni di hashish. La musica prima, poi l'intermezzo, la follia di essere l'intermezzo, di essere in
mostra. Preludio a una guerra imminente.
Quando tutti i bambini si innamorarono, il mondo spaccò le loro teste. Era il cosmo che si chiudeva, sussurrando l'estinzione
trascendentale nell'esistenza, perseguendo i propri fini, eliminando byte per byte la consistenza che c'era prima. Il contatoreintelligenza
è sveglio.
Sorpreso sono andato a piedi alla spiaggia in cerca di fantasmi, ma invece mi hanno trovato loro e mi hanno parlato. Quel triste
sole parlava, facendo conchiglie di conchiglie e poi non c'era più nessuno con cui giocare, supponendo ce ne fossero mai stati con
cui cominciare. Potresti pensare che sia una storia triste, che questo scrittore riflette con sconforto su questioni controverse, ma
non credo che tu ci sia per davvero. Per come la vedo io sei qui a cercare di sfuggire alla "gabbia trasparente" (Sartre) ma so che è
una "speciale forma di oscurità" (Metzinger). Non c'è tempo per la politica tra uomini seri.
Oggi il paradosso è che il vitalismo è morto. I poeti sono catturati con una serie di immagini da un lontano futuro. Tocca l'occhio
delle loro menti e attraverso i loro surrogati l'atto di estinzione trascendentale filtra fuori. Nell'accadere già ci troviamo nella sua
memoria in corso, lampeggiante davanti a un occhio senza mente, indifferente a quanto sia stato significativo uno qualsiasi di essi
alla fine (o all'inizio o presente).
Coloro che dicono che è stato bello mentre è durato non sono mai stati belli e quasi certamente non sono mai durati. Maledetti
attraverso la vita non hanno mai smesso di pensare in modo spregevole alla loro immagine incredibilmente perfetta. Un non-tempo
di assoluta e totale quiete. Una libertà durevole inazione. Rilascio improvviso.
Sulla spiaggia schiacciando le uova mi si avvicinò un vecchio. Tre quarti morto e duro alla vista, mi chiese se avevo sentito parlare
di essere primo attraverso la porta. Io lo avevo sentito e lui continuò dicendomi di non farlo.
Sta diventando strano là fuori bambini. Siate spaventati, non saldi.