Ente Comunale di Consumo

Cosenza - 14/05/2011 : 19/06/2011

Ente Comunale di Consumo, collettiva che vede coinvolti 32 artisti, dopo la presentazione dello scorso dicembre al CIAC, Centro Internazionale per l’Arte Contemporanea – Castello Colonna di Genazzano (RM), farà tappa a Cosenza, presso la Galleria Nazionale di Palazzo Arnone, sede della Soprintendenza per i Beni Storico-Artistici della Calabria.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA NAZIONALE - PALAZZO ARNONE
  • Indirizzo: Via Gian Vincenzo Gravina - Cosenza - Calabria
  • Quando: dal 14/05/2011 - al 19/06/2011
  • Vernissage: 14/05/2011
  • Curatori: Claudio Libero Pisano
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: dal martedì alla domenica dalle ore 10.00 alle 18.00
  • Biglietti: ingresso libero
  • Catalogo: Livello 4 editrice, Roma

Comunicato stampa

Francesco Arena, Simone Cametti, Arianna Carossa, David Casini, Luca Coser, Raffaella Crispino, Giovanni De Angelis, Iginio De Luca, Stanislao Di Giugno, Rä di Martino, Rocco Dubbini, Marco Fedele di Catrano, Silvia Giambrone, Nicola Gobbetto, Diego Iaia, Domenico Mangano, Sandro Mele, Marina Paris, Eugenio Percossi, Luana Perilli, Alessandro Piangiamore, Gioacchino Pontrelli, Moira Ricci, Pietro Ruffo, Vincenzo Rulli, Barbara Salvucci, Matteo Sanna, Alessandro Sarra, Alice Schivardi, Donatella Spaziani, Ivana Spinelli, Giuseppe Stampone, Driant Zeneli





Ente Comunale di Consumo, collettiva che vede coinvolti 32 artisti, dopo la presentazione dello scorso dicembre al CIAC, Centro Internazionale per l’Arte Contemporanea – Castello Colonna di Genazzano (RM), farà tappa a Cosenza, presso la Galleria Nazionale di Palazzo Arnone, sede della Soprintendenza per i Beni Storico-Artistici della Calabria.
La mostra verrà inaugurata sabato 14 maggio in occasione della “Notte dei Musei”, manifestazione che consentirà l’accesso agli spazi espositivi della galleria fino a tarda notte.

Accanto al gruppo iniziale di 22 artisti verranno presentate opere inedite di: Simone Cametti, Iginio De Luca, Stanislao Di Giugno, Marina Paris, Luana Perilli, Gioacchino Pontrelli, Pietro Ruffo, Alessandro Sarra, Donatella Spaziani, Giuseppe Stampone, Driant Zeneli.

La mostra, curata dal direttore del CIAC, Claudio Libero Pisano, è nata dal ritrovamento fortuito di un quantitativo di fogli di carta oleati con il logo dell’ECC utilizzata per l’incarto del burro. Nel 1946 un decreto legge dà vita agli Enti Comunali di Consumo che, destinati al rifornimento alimentare delle famiglie indigenti, vendono a prezzi calmierati beni di prima necessità.
Oggi sembrano essersi dissolti i ricordi di questa istituzione dell’immediato dopoguerra; rimane solo il luogo evocativo di una vecchia storia che non sembra non aver lasciato tracce. E’ un percorso sulla memoria di un paese, su come, non troppi anni fa, si viveva e si percepiva l’idea della ricchezza e della povertà. Gli artisti hanno lavorato nella massima libertà creativa, scegliendo se e come utilizzare la carta secondo la loro esclusiva poetica e il loro linguaggio.
Che si sia trattato di un video, un disegno, un'elaborazione tridimensionale, ogni artista ha espresso la sua personale visione di questo racconto, e ha restituito una memoria o un’ipotesi di futuro variegata.
La mostra è accompagnata dalla pubblicazione del catalogo edito da Livello 4 editrice con contributi del Soprintendente per i Beni Storico-Artistici ed Etnoantropologici della Calabria, Dott. Fabio De Chirico, e del Direttore del CIAC.