Emmanuele De Ruvo – Metha-Phora

Roma - 22/05/2018 : 23/06/2018

Montoro12 Contemporary Art, è lieta di presentare la seconda mostra personale in galleria di Emmanuele De Ruvo dal titolo Metha-Phora, dal fisico al morale.

Informazioni

  • Luogo: MONTORO12 CONTEMPORARY ART
  • Indirizzo: Via di Montoro, 12 00186 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 22/05/2018 - al 23/06/2018
  • Vernissage: 22/05/2018 ore 18
  • Autori: Emmanuele De Ruvo
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: su appuntamento

Comunicato stampa

Montoro12 Contemporary Art, è lieta di presentare la seconda mostra personale in galleria di Emmanuele De Ruvo dal titolo Metha-Phora, dal fisico al morale.

Le opere ideate e progettate per questa mostra sono unite da un unico filo conduttore: la metafora.
Le leggi fisiche che regolano il funzionamento delle opere esposte, nell'atto della contemplazione, rimandano a questioni di tipo emotivo e morale


Il processo creativo ed espressivo delle opere, consiste nel basare una similitudine sottintesa, un rapporto analogico, per cui delle forze fisiche sono usate per esprimere un concetto, o rapportare la materia alle condizioni morali, *in-materia* di esseri umani.

Ad esempio, attraverso il riposizionare un oggetto in una nuova condizione di equilibrio si può parlare, a chi si trova difronte all'opera, di come rimanere in piedi nell'affrontare la vita. L'uomo è così al centro di ogni opera esposta, ed ogni opera esposta è concepita in funzione dell'uomo, per le sue virtù, le sue miserie, per le sue gioie e le sue angosce, sfogliando il catalogo delle emozioni umane.
La metafora, che si addice maggiormente al linguaggio di tipo scritto e orale, diventa di tipo materico o fisico per l'appunto, ma includendo nel significato anche la sua accezione puramente scientifica.

Le condizioni delle opere, perlopiù statiche, rappresentano azioni o decisioni che l'uomo deve prendere o affrontare. L'intento è quello di scatenare nel fruitore una reazione di tipo
percettivo che, passando per l'organismo e dilatandosi ai sensi, genera pensiero.
È quest'ultimo il vero protagonista della mostra, ossia il transfert fra l'opera e il fruitore (meta-phora/ trasferimento).
La mostra vedrà esposti lavori per la maggior parte inediti.

Emmanuele De Ruvo si è diplomato dall’Accademia di Belle Arti di Napoli con lode ed ha esibito estensivamente sia in Italia che all’estero. I suoi lavori sono entrati a far parte di importanti collezioni in Europa tra le quali troviamo il Museo MUSMA di Matera, la Fondazione San Gennaro, la Fondazione Irene Brin, Bordighera, così come in moltissime collezioni private internazionali, tra le quali la collezione della Fondazione Otazu in Spagna, la Galila’s collection in Belgio e la collezione Funcke in Germani
Nel 2011 è stato selezionato tra i migliori artisti giovani laureati nelle Accademia d'Arte Italiana tra il 2000 e 2010, per partecipare alla 54° Biennale di Venezia. Nel 2012 ha vinto il Premio Internazionale della Scultura Mastroianni ed ha esposto i suoi lavori in una mostra personale presso il Museo della Scultura Contemporanea di Matera. Nel 2013 è stato tra gli undici artisti selezionati per il premio “Un lavoro per il castello” presso il Museo Castel Sant’Elmo di Napoli.
Nel Gennaio 2014 ha vinto il premio Euromobil per l’opera d’arte più votata dai visitatori di Artefiera a Bologna, dove i suoi lavori sono stati esposti presso lo stand della galleria Montoro12 Contemporary Art. Nel 2016 le sue opere sono state selezionate per esser esposte nella mostra “Ist das Universum noch bei Trost?” presso la KunstVoll, Neu-Isenburg, in Germania.