Christoph Gerling – Kopf-testa

Ferrara - 03/09/2011 : 25/09/2011

Teste e volti non sono nelle cose che osserviamo, sono la concretizzazione nel nostro sguardo di un pensiero, prepotente e presuntuoso, contenuto nella nostra “kopf”.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA DEL CARBONE
  • Indirizzo: Via Del Carbone 18a - Ferrara - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 03/09/2011 - al 25/09/2011
  • Vernissage: 03/09/2011
  • Autori: Christoph Gerling
  • Curatori: Lucia Boni
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal lunedì al venerdì 17.00-20.00; sabato e festivi 17.00-20.00 - martedì chiuso
  • Patrocini: della Fondazione Cassa di Risparmio

Comunicato stampa

KOPF • testa

Kopf è la testa, ma anche il capo, il conduttore che, direttivo esercita comandi per un corpo che esegue. Non ci può essere testa funzionante, senza la parte restante della macchina umana, ed è utile se “ben appoggiata sul collo”
Kopf, testa, può aver senso di testata, ed anche in questa accezione non è un tutto, ma soltanto la parte iniziale di qualcosa che ne è continuazione


Kopf evoca la forma del “canòpo”, vaso che contiene i resti conservabili del defunto e che, nella forma del coperchio e nelle anse, ne descrive i tratti fisionomici e le braccia. Anche qui la forma del capo non esaurisce la funzione, che non avrebbe senso senza uno spazio recipiente.

Per Christoph Gerling creare una testa non è disegnare un ritratto, ma definire il luogo di origine dei pensieri.
L’esecuzione dell’oggetto/soggetto “kopf” può essere risolta con qualsiasi materiale, non rappresenta la situazione momentanea e contingente di un’espressione del volto, ma l’essenza, l’archetipo, che ha valore assoluto.
Allora la testa è terra e fuoco della ceramica, allora è pelle di smalto pennellata di cromie derivate dai metalli di provenienza antica. Le semplici forme di uso quotidiano: piatte e levigate della piastrella da rivestimento, appena concave della stoviglia o fortemente scavate e misteriose del vasellame e delle suppellettili casalinghe, tutte sono forme che alludono all’uomo, al capo, alla testa.
Occhi, naso, bocca, orecchie sono i tratti che, nell’ossessione antropomorfica, l’uomo ritrova in qualsiasi immagine indefinita od ambigua, dove insistentemente egli vuol leggere le proprie sembianze, il proprio simulacro, la propria impronta.

Allora ben venga l’iterazione voluta, che non indaga nei tratti, ma li giustappone alle superfici, come fa l’occhio ogni volta che guarda il sole o la luna.
Teste e volti non sono nelle cose che osserviamo, sono la concretizzazione nel nostro sguardo di un pensiero, prepotente e presuntuoso, contenuto nella nostra “kopf”.

Agosto 2011
Lucia Boni