César Meneghetti – I/o_Io è un altro

Venezia - 14/10/2011 : 14/10/2011

Nell’ambito delle attività educative sostenute dalla 54 Biennale Internazionale d’Arte di Venezia, si terrà la Biennale Session dal titolo Arte e Alterità in Progress, nella quale verrà presentato il progetto artistico I/o_Io è un altro, che l’artista italo-brasiliano César Meneghetti sta realizzando dal marzo 2010 – su e insieme con - le persone disabili dei laboratori sperimentali d’arte della Comunità di Sant’Egidio per la cura di Simonetta Lux.

Informazioni

Comunicato stampa

ARTE E ALTERITÀ IN PROGRESS

presentazione del progetto

I \O_ IO È UN ALTRO di CESAR MENEGHETTI

Biennale Session-54

Biennale di Venezia

Venerdì 14 ottobre 2011, ore 15.00

Sala Conferenze della Biblioteca de la Biennale di Venezia - Padiglione centrale/ Giardini di Castello





Venerdì 14 ottobre 2011, alle ore 15.00, presso la Sala Conferenze della Biblioteca della Biennale, nell’ambito delle attività educative sostenute dalla 54 Biennale Internazionale d’Arte di Venezia, si terrà la Biennale Session (si veda programma
http://www.labiennale.org/it/arte/esposizione/progetto-universita/)
- Nascondi testo citato -

dal titolo Arte e Alterità in Progress, nella quale verrà presentato il progetto artistico I/O_IO È UN ALTRO, che l’artista italo-brasiliano CÉSAR MENEGHETTI sta realizzando dal marzo 2010 – su e insieme con - le persone disabili dei laboratori sperimentali d’arte della Comunità di Sant’Egidio per la cura di Simonetta Lux.
La Session è organizzata da La Sapienza Università di Roma.



I\O_ IO È UN ALTRO opera nella creatività contemporanea e nelle attuali pratiche di rappresentazione. L’opera work in progress di CÉSAR MENEGHETTI promuove una specie di alfabetizzazione al mondo parallelo dell’handicap mentale, come strumento emblematico, imprevedibile, produttivo e liberatorio, che aiuta a svelare e comprendere le paure contemporanee e intelligenze celate, svelando un confine interiore e poco visibile, metafora potente di una nuova interpretazione di verità/realtà. Secondo la curatrice SIMONETTA LUX, “in tutti i rivoluzionari processi civili ed educativi del novecento in Italia in particolare, da “In Arte Libertas”, alla Maria Montessori, a don Lorenzo Milani, a Gianfranco Basaglia, l’arte e la sollecitazione dei processi creativi in persone escluse dai sistemi sociali e dai patterns cosiddetti della normalità, portatrici di disabilità, inadeguatezze, handicap sia fisici sia mentali, ha portato ad importanti conquiste legislative e sociali, con la dimostrazione che l’altro ed il diverso non solo possono, ma devono essere inclusi in tutti i processi dell’educazione e della creazione e della costruzione sociale, come una preziosa risorsa di intelligenza e di immaginario”.



Nell’ambito dell’esperienza della Comunità di Sant’Egidio, alcuni grandi artisti contemporanei si sono incontrati con le persone con disabilità che lavorano e creano nei laboratori sperimentali, dove hanno scelto di darsi il nome di Gli Amici.

Questi incontri sono stati seguiti dall’Università La Sapienza, attraverso i professori Simonetta Lux di Storia dell’ arte Contemporanea, e Alessandro Zuccari di Storia dell’arte Moderna.

I lavori ed i diversi step del progetto I/O Io è un altro sono stati presentati presso il Centro di Ricerca MLAC - Museo Laboratorio di Arte Contemporanea della stessa Sapienza, noto per l’intreccio di creatività e ricerca scientifica, promosso dal 1986 da Simonetta Lux. Il primo step, la VERIFICA #1 di I/O_ IO È UN ALTRO (febbraio/marzo 2011), si è aperto con un’installazione dell’artista Meneghetti al MLAC. Il lavoro è tutt’ora in corso di completamento insieme a Gli Amici con i quali l’artista ha avviato una serie di questioni sulla creatività e sulla alterità, e si concluderà in una mostra finale prevista nel secondo semestre 2012.

Nel corso della Session, in cui verranno presentate le attività di comunicazione e creazione de Gli Amici e di Meneghetti, si osserverà come alcune manifestazioni della Biennale in corso (ma anche del passato) abbiano aperto importanti questioni sul tema dell’altro e del cosiddetto diverso. Ad esempio il padiglione della Spagna dell’artista Dora Garcia L’inadeguato / Lo Inadecuado / The Inadequate; o la mostra a Ca’ Foscari di Dimitrij Prigov – grande artista russo scomparso da pochi anni, imprigionato e chiuso in manicomio da Breznev; o ancora la mostra IL CAOS#3-I conflitti, nell’isola di San Servolo, un tempo manicomio di Venezia, oggi sede della Fondazione Franca e Franco Basaglia.

Il lavoro dei laboratori sperimentali de Gli Amici è stato presentato al pubblico a partire dal 2003 in luoghi istituzionali a Strasburgo, Roma, Firenze, Milano, Genova e in due altre occasioni alla Presidenza della Repubblica (2005 – 2008). Un progetto per i 150 dell’Unità d’Italia sarà presentato il 3 dicembre nelle sale espositive del Palazzo del Quirinale.


I relatori della tavola rotonda sono: Simonetta Lux, professore di storia dell’arte contemporanea, Sapienza Università di Roma, fondatore e già direttore del Centro di ricerca MLAC; Alessandro Zuccari, professore di storia dell’arte moderna, Sapienza Università di Roma; Alberta Basaglia, psicologa, vicepresidente della Fondazione Franca e Franco Basaglia; César Meneghetti, artista italo-brasiliano, autore del progetto I/O Io è un altro; Beppe Sebaste, scrittore e filosofo; Cristina Cannelli, storica dell’arte, coordinatrice Progetti e Laboratori sperimentali d’arte della Comunità di Sant’ Egidio; Marta Fattori, professore di storia della filosofia moderna, Sapienza Università di Roma; Elisabetta Cristallini, professore di storia dell’arte contemporanea, Università La Tuscia.



Aderiscono ed intervengono: i membri del Progetto I/O Io è un altro Beatriz Franco (artista e fotografa); Ivan Giordano (regista documentarista e Altera); Eleonora Carbone (critico d’arte, segretaria organizzativa del progetto); Enrico Blasi (fotografo); Davide Lemma (video maker, regista); Sara Abou el Khair (montatrice e video maker). Giuseppe Barbieri, professore di storia dell’arte moderna, direttore del Dipartimento di filosofia e beni culturali, Università Ca’Foscari, Venezia; Alberto Bauli, presidente del Banco San Marco – Gruppo Banco Popolare; Caterina Furlan, professore di storia dell’arte moderna, direttrice della scuola di specializzazione in beni storico-artistici, Università degli Studi di Udine; Antonella Greco, professore di storia dell’architettura, Sapienza Università di Roma; Paolo Rosa, artista, Studio Azzurro; Caterina Volpi, professore di storia dell’arte moderna, Sapienza Università di Roma; Mike Watson, teorico dell’arte.



Il progetto I\O _IO È UN ALTRO è stato realizzato con il supporto del Premio Brasil Arte Contemporanea della Biennale di San Paolo e del Ministero della Cultura brasiliano, che hanno premiato Meneghetti per questo progetto nel 2010 e 2011, del MLAC della Sapienza Università di Roma,della Comunità di Sant’Egidio, di HTC Corporation, di Altera Studio, del Banco San Marco – Gruppo Banco Popolare.
Hanno promosso la Biennale Session, la Sapienza Università di Roma, l’Università della Tuscia, l’Università Ca’ Foscari, l’Università di Trieste, l’Università di Udine.



La Biennale Session si svolge nell’ambito della programmazione scientifica del MLAC – Museo Laboratorio di Arte Contemporanea Sapienza Università di Roma, diretta da Simonetta Lux.