Candice Breitz – Factum

Milano - 30/05/2011 : 28/07/2011

kaufmann repetto è lieta di annunciare Factum, la nuova mostra personale di Candice Breitz.

Informazioni

  • Luogo: KAUFMANN REPETTO
  • Indirizzo: Via Di Porta Tenaglia 7 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 30/05/2011 - al 28/07/2011
  • Vernissage: 30/05/2011 ore 19
  • Autori: Candice Breitz
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Da martedì a venerdì ore 11.00 - 19.30 sabato ore 14.00 - 19.30

Comunicato stampa

Da più di dieci anni il ritratto è un motivo centrale nella ricerca artistica di Candice Breitz: la definizione
dell’individuo è osservata, in relazione alla collettività come nella propria solipsistica interiorità, attraverso l’utilizzo
del video documentaristico o di archivio, per lo più inserito in precise installazioni dalla presenza scultorea


Negli spazi principali della galleria si snoda Factum, una video installazione composta da 7 coppie (e, in un caso
tre) di schermi al plasma, corrispondenti ciascuna a una coppia (o a un trio) di gemelli, dei quali viene presentato
una sorta di ritratto multiplo, che si snoda attraverso un doppio procedimento di identificazione e differenziazione.
Come Factum1 e Factum2, i due dipinti - a prima vista identici, ma ricchi di differenze a un’osservazione attenta -
che Robert Rauschenberg realizzò nel 1957, ciascun intervistato si rivela come un facsimile imperfetto del proprio
gemello.
Per produrre Factum Candice Breitz ha condotto, in uno spazio domestico designato dai protagonisti del video ai
quali viene chiesto di vestire allo stesso modo, delle lunghe interviste a coppie di gemelli omozigoti di Toronto e
dintorni. I dialoghi, avvenuti separatamente con un fratello e poi con l’altro, affrontano argomenti per lo più legati
alla famiglia e al rapporto con il proprio gemello, ma il risultato è lo sviscerarsi di un sistema di relazioni tra il
soggetto e la società, che porta a una definizione dell’identità personale basata sulla differenza.
Attraverso il montaggio delle riprese, Candice Breitz enfatizza i tratti individualizzanti che contraddistinguono
ciascun gemello, messo a confronto con un altro da sé il più possibile somigliante, in termini fisici ma anche
esperienziali. I risultanti dialoghi ‘in differita’ tra i gemelli rivelano un relativismo profondo che contraddice una
visione del sé come entità definita, affermando piuttosto un processo di autoaffermazione che passa attraverso il
confronto con l’altro.
Il rapporto con la telecamera, così come il tono delle conversazioni (da cui peraltro la voce di Candice Breitz è del
tutto esclusa) è sempre diverso, variando dall’intimità al pudore, da una coinvolgente emozionalità a un approccio
più razionale e distaccato. Lo spettatore assiste, di volta in volta, a una seduta psicanalitica, a una confessione, a
una narrazione. A orchestrare e intrecciare questi flussi di coscienza è in tutti i casi il punto di vista dell’artista, che
struttura le immagini in modo da far emergere menzogne, visioni distorte della realtà, versioni contradditore dello
stesso soggetto, innescando un meccanismo smascherante che sfocia in esiti comici e a tratti drammatici.
In un’altra stanza è presentato per la prima volta The Character, una sorta di ritratto collettivo ‘in assenza’, girato
con i bambini di una scuola di Bombay. A ognuno di questi è stato chiesto di vedere un diverso film prodotto a
Bollywood, ciascuno dei quali pone un bambino al centro di un’avventura che vede il piccolo protagonista
immancabilmente alle prese con un destino avverso. Il video The Character è una giustapposizione delle
descrizioni che i bambini danno dei diversi protagonisti dei film. L’artista svela in questo modo una prepotente
omologazione dell’individuo/eroe che, a partire dall’industria cinematografica, sembra pervadere la visione intera
del mondo.
In tutti i casi la definizione dell’identità – personale o pubblica che sia – sembra non poter prescindere da un
universo di implicazioni psicologiche, sociologiche e antropologiche, che, assieme a una buona dose di ironia,
sono tra gli elementi costitutivi che fanno del lavoro di Candice Breitz un multiforme e sfaccettato ritratto
dell’individuo e della società in cui vive.