Bassano Fotografia 2011

Bassano del Grappa - 16/09/2011 : 06/01/2012

Dedicata al grande tema dell’Immaginazione, la rassegna coinvolge l’intera città, occupandone le più prestigiose sedi istituzionali ma anche strade, piazze e vetrine.

Informazioni

Comunicato stampa

AL VIA
BASSANO FOTOGRAFIA 2011


Dedicata al grande tema dell’IMMAGINAZIONE,
la rassegna coinvolge l’intera città, occupandone le più prestigiose sedi istituzionali ma anche strade, piazze e vetrine

SPECIAL GUESTS:

Douglas Kirkland - Harry De Zitter - Marc De Tollenaere
Massimo Siragusa - Sofie Knijff


Bassano del Grappa, 16 settembre 2011- E’ stata inaugurata oggi, alla presenza delle autorità locali e regionali, la grande rassegna fotografica che fino al 6 gennaio 2012 trasformerà il centro storico di Bassano del Grappa in un palcoscenico internazionale di grande levatura artistica


Realizzata con il patrocinio di Regione Veneto e Provincia di Vicenza, BASSANO FOTOGRAFIA 2011 nasce dall’intensa collaborazione tra ilComune di Bassano del Grappa - Assessorato alla Cultura e alle Attività Museali -, l’Associazione Pro Bassano e Manfrotto + Co Spa., leader mondiale nella realizzazione e distribuzione di supporti e accessori per l’industria dell’Imaging.
Insignita del riconoscimento ufficiale FIAF (Federazione Italiana delle Associazioni Fotografiche), l’iniziativa si colloca tra gli appuntamenti di maggiore spessore del calendario artistico-culturale italiano, vantando la collaborazione e partecipazione diretta di alcuni dei più prestigiosi fotografi a livello internazionale.

Filo conduttore del percorso espositivo è l’immaginazione, intesa come forma di espressione della propria individualità; la fotografia, frutto della genialità, dell’introspezione e della creatività dei fotografi protagonisti, diventa testimonianza ed espressione artistica della realtà, di frammenti quotidiani, di attimi irripetibili ai quali il visitatore potrà poi dare la sua personale interpretazione.

Rifiutando qualsiasi forma di autocelebrazione ma cercando, al contrario, un dialogo continuo con il visitatore, BASSANO FOTOGRAFIA 2011 propone un programma articolato in diverse tipologie di appuntamenti - mostre, seminari e workshop.
In particolare, per la sezione mostresi segnalano:
· “Immaginando…magici momenti”, by Douglas Kirkland (@ Museo Civico);
· “Immaginando… in una frazione di secondo”, by Harry De Zitter (@ Museo Civico);
· “Una Lentezza Immaginaria: The Green Hour”, by Massimo Siragusa (@ Museo Civico);
· “Immaginando…il Veneto, così vicino così lontano”, by Marc de Tollenaere (@ Museo Civico);
· “You may say I’m a dreamer…Imagine”, by Sofie Knijff (@ Chiesetta dell’Angelo);
· “Autoritratto di Kalongo. L’Africa raccontata da giovani apprendisti fotografi”, by Fotografi Senza Frontiere (@ vie del centro storico).

Fiore all’occhiello della sezione seminari e workshop è la Convention che si terrà sabato 24 e domenica 25 settembre presso Palazzo Agostinelli: gli appassionati di fotografia avranno infatti la possibilità di incontrare e lavorare al fianco di un “parterre” di fotografi di fama internazionale, tra i quali il Premio Pulitzer Bill Frakes. Le due giornate, coordinate da Manfrotto + Co Spa con la suaManfrotto School of Xcellence, consisteranno in una serie di laboratori e working session.

Per la ricchezza e lo spessore della sua proposta culturale, BASSANO FOTOGRAFIA 2011 è stata inserita all’interno del calendario della “Giornata del contemporaneo”, indetta a livello nazionale per sabato 8 ottobre da AMACI (Associazione Musei d’Arte Contemporanea Italiani); per l’occasione, l’ingresso alle mostre allestite nell’ala nuova del Museo Civico sarà gratuito.

Fondamentale il ruolo ricoperto da Manfrotto + Co Spa. nell’organizzazione dell’evento: l’azienda, forte di un’esperienza di oltre quarant’anni nel campo della fotografia e dell’Imaging, ha infatti contribuito non soltanto economicamente, ma mettendo in campo anche le sue risorse e il suo network di fotografi. Determinante è stato poi il sostegno ricevuto dal territorio bassanese, con aziende ed enti locali che hanno creduto nel progetto.
Ed è proprio grazie all’entusiasmo e alla sinergia creatasi tra pubblico e privato che l’iniziativa ha potuto attrarre tante celebrità del mondo dell’immagine, gettando così le basi per un successo su scala internazionale.