56 film, 9 giorni di proiezioni, mostre, incontri, performance e video- installazioni che renderanno Asolo un unico grande palcoscenico diffuso. Tra le novità una sezione dedicata all'arte di Cina e Taiwan e un prezioso omaggio ad Andrej Tarkovskij

Informazioni

  • Luogo: TEATRO ELEONORA DUSE
  • Indirizzo: Piazzetta Eleonora Duse - Asolo - Veneto
  • Quando: dal 20/08/2011 - al 28/08/2011
  • Vernissage: 20/08/2011 ore 18
  • Generi: arte contemporanea, incontro – conferenza, serata – evento, collettiva, cinema, new media
  • Orari: Le sedi espositive sono aperte dal 20 al 28 agosto 2011 mattino: 10.30-13.00 – pomeriggio: 16.00-19.30 – sera: 20.30-23.00 Le mostre di Two Points continueranno ad essere visitabili dal 29/08 al 11/09 dalle ore 16.00 alle ore 19.00 Teatro Eleonora Duse Aperto dal 20 al 28 agosto dalle ore 17.00 alle ore 22.30 Martedì 23 e mercoledì 24 agosto il Teatro rimarrà aperto anche dalle ore 11.00 alle ore 12.30
  • Biglietti: L’ingresso agli eventi è gratuito e possibile fino ad esaurimento posti.
  • Sito web: http://www.asolofilmfestival.it

Comunicato stampa

soloArtFilmFestival
30^ Edizione
EUROPA, SE NON ORA QUANDO?
Asolo, 20-28 Agosto 2011
HERMANN NITSCH
Presidente del Festival

Sabato 20 agosto apre la 30^ edizione del festival con la consegna del Premio Arte e Cultura a Roberto De Feo e ad Adriano Goldschmied

Il festival 2011 è dedicato all'artista cinese Ai Weiwei con una grande sezione dedicata all'arte di Cina e Taiwan


(Asolo, TV, 18 agosto 2011) Si apre sabato 20 agosto 2011 alle ore 18.00 presso il Teatro Eleonora Duse di Asolo con la consegna del Premio Arte e Cultura, AsoloArtFilmFestival, la rassegna internazionale cinematografica dedicata alle arti organizzata da A.I.A.F. – AsoloInternationalArtFestival, e giunta alla Trentesima edizione. Presieduto dall'artista Hermann Nitsch e diretto da Steve Bisson, AsoloArtFilmFestival 2011 è dedicato all'artista cinese Ai Weiwei e prevede 9 giorni di proiezioni, mostre, performances, incontri, e video-installazioni, con un importante progetto a cura di artisti di Cina e Taiwan, che renderanno Asolo un unico grande palcoscenico diffuso. Tutte le manifestazioni sono ad ingresso libero.

Sabato 20 agosto la celebre rassegna asolana prende il via con una premiazione importante: il Premio Arte e Cultura, dedicato a personaggi rilevanti per la diffusione della cultura nel territorio, verrà consegnato al Professore Roberto De Feo, noto per le sue ricerche sull'autografia del dipinto di Raffaello La Visione di Ezechiele e ad Adriano Goldschmied, imprenditore co-fondatore del marchio Diesel e creativo di successo nel settore del design del jeans. Presenzieranno all'inaugurazione il Presidente della Provincia di Treviso, Leonardo Muraro e il Vicesindaco della Città di Asolo, Federico Dussin.

Dopo la premiazione seguirà un tour guidato alle mostre collaterali “Fuori” Festival: a partire da “ART SHIFT ↑” la sezione dedicata all’arte contemporanea internazionale a cura dell’artista Chen Mei-Yuan che offre uno sguardo particolare alla vitalità artistica cinese, con esposizioni, video e performances. Questa sezione è una novità assoluta della 30^ Edizione di AsoloArtFilmFestival, rassegna che si è deciso di dedicare ad Ai Weiwei “per esprimere solidarietà all'artista cinese limitato nella sua libertà intellettuali” – dichiara Attilio Zamperoni, Presidente di A.I.A.F.. “ART SHIFT ↑”propone la mostra Two Points 2011, situata tra Torre della Reata, Museo Civico ed Ex Convento di San Pietro che mette a confronto Taiwanese realistic painting e Italian conceptual Art. Inoltre le finestre dei palazzi cittadini ospitano le proiezioni video di artisti cinesi e taiwanesi, rendendo Asolo un unico grande luogo espositivo all’aperto.

Oltre al progetto “ART SHIFT ↑” è possibile vedere: “IT ISNAE DISNEY”, mostra del fotografo indipendente di Hong Kong Dustin Shum, che ha dedicato i suoi scatti ai parchi tematici cinesi ispirati agli occidentalissimi Disneyland ed Eurodisney; “32 DICEMBRE”, installazione di Fabrizio Bellomo che presenta una serie di video-ritratti di personaggi baresi, attivi nella vendita ambulante di fuochi artificiali; e infine “CINEMA IERI”, mostra cinematografica curata da Anna Marcolongo e dal Consorzio Promotia su materiale di Magic Vision allestita presso il Teatro Duse, che presenta locandine immagini d'epoca con una sezione dedicata a Livio Cesare Pavanelli, attore del cinema muto che ha soggiornato per nove anni ad Asolo con la compagnia teatrale di Eleonora Duse, e una seconda di film di animazione della serie "Classici Walt Disney".

La visita alle mostre si conclude alle ore 20.00 in Piazza Brugnoli con la Performance in prima assoluta “Splashing and Dancing Colors” della compagnia taiwanese Dancecology, nell'ambito del pregetto “ART SHIFT ↑”, in cui i ballerini si esibiranno per le strade e i vicoli con dei costumi colorati e cangianti.

Alle ore 21.30 infine l'appuntamento è nuovamente al Teatro Duse dove i più appassionati di cinema potranno vedere i primi 4 dei 50 film in concorso: MELT di Noémie Lafrance (9’ 50’’, Stati Uniti/Canada, 2010, sezione Film sull’Arte), RABENJUNGE di Andrea Deppert (9’ 40’’ Germania, 2011 sezione Produzione di Scuole di Cinema), RESAMPLING THE PAST di Marco Wilms (16’ 10’', Germania, 2010, sezione Film sull’Arte) e infine il bellissimo film NAM JUNE PAIK: OPEN YOUR EYES di Maria Anna Tappeiner (61’ Germania, 2010), in cui la regista tedesca Maria Anna Tappeiner ripercorre la vita dell’artista coreano Nam June Paik (1932-2006), inventore della New Media Art ed uno degli artisti più innovativi del XX secolo, nonchè uno degli artisti Fluxus che ha partecipato alla rinascita culturale asolana degli anni ’70.

Ricordiamo che dal 20 al 28 agosto 2011 il celebre Teatro Duse vedrà la proiezione di ben 54 opere, di cui 50 Film in Concorso, selezionati tra le 490 opere pervenute, 3 film Fuori Concorso e la proiezione speciale, sabato 27 agosto, di “Andrej Rublëv” del regista sovietico Andrej Tarkovskij, prima pellicola vincitrice del Festival nel 1973. I film in Concorso – quasi tutti italian premiere - provengono da 52 paesi differenti, segno della grande notorietà del Festival, vero e proprio punto di riferimento per la comunità cinematografica internazionale indipendente.