Arkizoic Project II

Milano - 20/04/2018 : 22/04/2018

Nasce M10, un network di professionisti della comunicazione fortemente integrato che unisce pubblicitari, comunicatori e artisti in un unico processo di creazione collettiva. Ideato e fondato da Maurice Dotta, il suo punto di forza è la contaminazione e la crossdisciplinarietà. Da questa visione nasce il primo evento espositivo Arkizoik Project II.

Informazioni

  • Luogo: SPAZIO GIOVANNONI DESIGN
  • Indirizzo: Via Stendhal 35 - 20144 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 20/04/2018 - al 22/04/2018
  • Vernissage: 20/04/2018 ore 11-19
  • Generi: design, inaugurazione
  • Orari: da venerdì a domenica, ore 11 - 19
  • Biglietti: ingresso libero
  • Uffici stampa: NORA COMUNICAZIONE

Comunicato stampa

Con il Salone del Mobile 2018 nasce M10, un network di professionisti della comunicazione fortemente integrato che unisce pubblicitari, comunicatori e artisti in un unico processo di creazione collettiva.
Ideato e fondato da Maurice Dotta, il suo punto di forza è la contaminazione e la crossdisciplinarietà.

Da questa visione nasce il primo evento espositivo Arkizoik Project II, presentato allo Spazio Giovannoni Design dal 20 al 22 aprile


In collaborazione con l'artista Duilio Forte, e con ingegneri elettronici e sound designer, l’installazione offre al pubblico un’esperienza che vuole andare oltre i confini dell'immaginario, un progetto fuori dagli schemi che poggia su regole arcaiche ma con una proiezione concettuale futuristica.
Tre pterodattili – Ptero VI, Ptero VII, Ptero VIII – realizzati in legno, con un'apertura alare di 4 e 6 metri, aleggiano sospesi sopra le teste dei visitatori. Un ampio nido sottostante offre simbolicamente riparo e conforto e diventa contenitore di suoni ancestrali: una music live experience resa possibile grazie ad un amplificatore valvolare termoionico ad alta fedeltà (progettato da Federico Busetto, ingegnere elettronico analogico e termoionico) e alla colonna sonora realizzata da B.Croma di Rocco Giovannoni e Marco Spaggiari, due giovani sound designers italiani – music producers-multistrumentali – con base a Londra che adottano le più innovative tecnologie musicali per attraversare il confine tra musica e design.

“Il mio obiettivo è semplice – dichiara Maurice Dotta – M10 crea engagement, migliora le conversazioni e genera esperienza. Il tutto accompagnato da una forte vocazione per il savoir faire e il savoir vivre”.

Il lavoro di Atelier Forte spazia dalla Land Art all’architettura, dalla scultura al design. A partire dal disegno, dalla pittura, dalla fotografia e dal video nascono creature monumentali tra il leggendario e il mitologico, perlopiù realizzate artigianalmente in legno e ferro, che fanno capo a un vero e proprio manifesto elaborato dall’artista e denominato Arkizoic. L’era Arkizoic è, nella mente visionaria di Forte, la combinazione di un passato immaginario e di un futuro surreale che fondendosi danno vita a una dimensione senza tempo.

Maurice Dotta
Nato a Bruxelles, dopo aver frequentato la Scuola Europea si trasferisce a Milano, quella dinamica degli anni ’80.
In seguito agli studi in economia e commercio fa suo lo spirito imprenditoriale ambrosiano e debutta nel mondo delle pubbliche relazioni e degli eventi.
Gestisce i principali luoghi di successo della città, li promuove diventandone socio. Verso la fine degli anni ’90 mette a punto strategie di pubbliche relazioni e di “guerilla social” per diversi marchi tra cui spiccano Just Cavalli, Sonia Rykiel, Seven for all Mankind, Mercedes, Samsung, Sony Ericsson sino a BMW, in particolare con gli eventi di lancio della Serie 1.
Il suo network è ampio: dalla moda all’arte passando per il mondo del giornalismo e dell’imprenditoria.

Duilio Forte
Duilio Forte (1967), artista e architetto italo-svedese, indaga il rapporto tra l’uomo e la natura costruendo spazi sacri dove vivere un’esperienza autentica del tempo, installazioni effimere e permanenti nella natura e nelle città, a Venezia, Milano, Torino, Stoccolma e Roma. Fonda nel 1998 l’Atelier Forte e una scuola estiva in Svezia dove riporta l’architettura alla pratica di bottega secondo il manifesto lanciato nel 2009: regole che dalla pratica artistica scivolano nell’etica per riaffermare il valore dell’unicità del fare, per una nuova evoluzione. Candidato all’ICIF Prize, partecipa a due Biennali di Architettura a Venezia e alla XXI Triennale internazionale di Milano. Collabora con NABA Milano e con istituzioni italiane e straniere.

B.Croma
B.Croma è Rocco Giovannoni e Marco Spaggiari, due giovani sound designers - music producers-multistrumentali - con base a Londra che adottano le più innovative tecnologie musicali per attraversare il confine tra musica e design.
I loro ultimi progetti includono collaborazioni nel campo dell’arte (SansSouci Magazine) e della pubblicità di moda (Urban Outfitters x Adidas). La loro costante ricerca di un sound unico nasce da una miscela di suoni sperimentali, pop, dance e R&B.

Federico Busetto
Ingegnere elettronico analogico e termoionico. Chitarrista heavy metal in pensione, appassionato di auto, ha fatto il fonico per service per anni. Progetta ampli dall'età di 13 anni.
Nato a Verona, vive per vent’anni a Padova per poi stabilirsi a Bologna.
Per due anni è stato a Minorca per costruire amplificatori con Mario Cappa, il primo collaboratore di Bartolomeo Aloia quando aveva il marchio STEG (da lì ha preso la filosofia della progettazione con "standard militari" usata per l'alimentatore di Ptero VIII).