Alessandro Oppi – 1910

Riva del Garda - 05/08/2011 : 30/10/2011

Luoghi immersi in una dimensione senza tempo che pare presagire lo sconvolgimento della guerra. È l’estate gardesana di 101 anni or sono: fissata, fermata, incorniciata negli otto album di scatti con cui il giovane ragioniere bolognese Alessandro Oppi partecipa al concorso «Illustrazione di una determinata regione, itinerario o corso di fiume», indetto dal circolo fotografico della sua città.

Informazioni

Comunicato stampa

Luoghi immersi in una dimensione senza tempo che pare presagire lo sconvolgimento della guerra. È l’estate gardesana di 101 anni or sono: fissata, fermata, incorniciata negli otto album di scatti con cui il giovane ragioniere bolognese Alessandro Oppi partecipa al concorso «Illustrazione di una determinata regione, itinerario o corso di fiume», indetto dal circolo fotografico della sua città. 202 fotografie (negli anni scorsi sottoposte ad un delicato restauro) che il MAG – Museo Alto Garda espone nella Rocca di Riva del Garda, affiancando alla mostra un accurato catalogo a cura di Alberto Prandi

Dal 5 al 15 agosto del 1910 un viaggio lungo l’intera costa del Garda e uno sguardo attento e lieve sul grande specchio d’acqua, su cedraie e ville, su barche cariche di legname e di turisti, su bambini che scherzano con il lago e carrozze che traballano lungo i sentieri che lo costeggiano, su donne chine a curare il refe che s’imbianca e cappellini di signore disegnati nella linea dell’orizzonte. Racconta la cronaca dell’epoca che quelle immagini «furono sottoposte alla ammirazione dei soci in eleganti quadri, e la giuria, composta del prof. Mario Bagnini e del prof. Faccioli, pittori, e del sig. Trevisani, fotografo, assegnò all’Oppi il primo premio di lire 100 e la medaglia d’oro». La mostra inaugura giovedì 7 luglio alle 20.45 nell’àmbito delle «Notti dei Musei»; alle 21.45 segue il concerto di «Ivan Tibolla Trio» (Ivan Tibolla al pianoforte, Raffaele Bianco al basso elettrico, Graziano Colella alla batteria). L’esposizione prosegue fino al 30 ottobre nelle sale al pian terreno della Rocca.