Ælia Media

Bologna - 20/06/2011 : 07/07/2011

Villa delle Rose è la sede di Ælia Media, progetto di Pablo Helguera, vincitore del primo Premio Internazionale di Arte Partecipativa promosso dall’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna. In programma un calendario di workshop e seminari, ma anche di incontri pubblici sull’approccio artistico a tematiche come collaborazione, educazione e informazione. Primo appuntamento con “Infrasound”, workshop con l’artista Roberto Paci Dalò.

Informazioni

Comunicato stampa

Il MAMbo mette generosamente a disposizione Villa delle Rose per la realizzazione di Ælia Media, progetto con cui Pablo Helguera ha vinto la prima edizione del Premio Internazionale di Arte Partecipativa

Una giuria composta da Julia Draganovic, Rudolf Frieling, Alfredo Jaar, Bert Theis, e, per la Regione Emilia-Romagna, Luigi Benedetti, aveva assegnato questo riconoscimento internazionale ad Helguera sia per la sua carriera artistica che, innanzitutto con il progetto “School of Panamerican Unrest”, dimostra la sua capacità di coinvolgere persone di background culturali diversi in processi decisionali e creativi, sia per la qualità del progetto d’arte partecipativa che Helguera ha ideato per la città di Bologna. Il premio, unico al mondo, è promosso dall’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna in collaborazione con goodwill e LaRete Art Projects, ed è curato da Julia Draganovic insieme a Claudia Löffelholz.

A partire dal mese di giugno, con un primo calendario di incontri, seminari, workshop fino al 15 luglio, Villa delle Rose riapre alla scena dell’arte internazionale come “officina” culturale, in cui sviluppare nuove strategie di collaborazione, metodi innovativi di giornalismo d'arte e un laboratorio in cui sperimentare la trasformazione di temi e ricerche culturali, sociali e storiche in linguaggi artistici.
“Partecipazione – afferma la curatrice Julia Draganovic – è uno dei termini più attuali nel mondo dell’arte come in quello della politica: la sfida in ambedue i casi sta nel negoziare decisioni e creare insieme senza rinunciare alla qualità. Ælia Media promosso da Pablo Helguera e realizzato insieme ad una ventina di operatori culturali Bolognesi è un progetto ambizioso che mira a coinvolgere alla fine non solo gli operatori ma di aprirsi ad un pubblico più vasto possibile, stimolando la curiosità culturale.”
“Credo che sia importante – sottolinea Luigi Benedetti, Direttore dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna – ribadire in questa occasione il desiderio che ha portato l’Assemblea Legislativa della Regione a promuovere questo Premio: sperimentare nuove forme per mettere in pratica la partecipazione dei cittadini, al di là delle istituzioni tradizionali. Per la Regione la partecipazione è una modalità ordinaria e costante di lavoro, inoltre, dal febbraio 2010 abbiamo una legge - la legge 3 del 2010 - che dà rilievo ai processi partecipativi e li propone agli enti del territorio come modalità quotidiana di governo e di lavoro nel loro rapporto con i cittadini.”

Villa delle Rose ospita la scuola di giornalismo di Ælia Media, rivolta agli operatori culturali che realizzeranno il broadcasting center itinerante ideato da Pablo Helguera, che sarà attivo nel centro di Bologna da metà ottobre. L’obiettivo è offrire visioni innovative della produzione culturale della città, tramite la creazione di un canale di informazione partecipato dagli stessi attori culturali, aperto ai cittadini, pensato per Bologna e inserito in una prospettiva internazionale. Un canale multimediale che, richiamando la grande tradizione delle radio libere bolognesi, utilizzerà in particolare il mezzo radiofonico. Il gruppo di lavoro, composto da 20 giovani operatori provenienti da diverse esperienze artistiche - dalle arti visive, al teatro alla musica - è già al lavoro nell’ambito di un programma di formazione diretto da Pablo Helguera.

Accanto alla scuola di giornalismo, Ælia Media, che si avvale di un advisory board composto da esponenti delle istituzioni culturali della città, offrirà presso Villa delle Rose occasioni di incontro con altri operatori dell’arte e dell’informazione di Bologna e non solo, invitando artisti, creativi, operatori culturali e sociali, esperti dell’informazione a tenere seminari, oltre che momenti di confronto aperti al pubblico per esplorare i temi e le pratiche della partecipazione oggi, nell’arte e nella società.
Tra le iniziative in programma il 20 giugno, alle ore 19 proseguono i seminari di Ælia Media con “Infrasound”, workshop con l’artista Roberto Paci Dalò.
Il 23 giugno, alle ore 19, Villa delle Rose ospita la presentazione pubblica di Click or Clash? Strategie di Collaborazione, progetto a cura di Julia Draganovic, promosso da LaRete Art Projects e Galleria Bianconi, dedicato al confronto tra artisti che lavorano su tematiche comuni con punti di vista differenti, con un incontro che vede la partecipazione degli artisti Via Lewandowsky, Cesare Pietroiusti, Luigi Presicce.
Il 7 luglio, alle ore 19, si svolge Estetica del Giornalismo, un incontro pubblico con Alfredo Cramerotti, curatore e autore di “Aesthetic Journalism”.