Adriano Buldrini – Anime in fiore

Barberino Val D'Elsa - 24/08/2011 : 24/09/2011

Si stagliano in primo piano con precisione e realismo, come intrecciati al tessuto dei colori. Sono i fiori, i petali, le sfolgoranti creazioni floreali di Adriano Buldrini, artista che tra i suoi successi annovera la creazione di un disegno divenuto leit-motiv per la collezione primavera estate 2008 di Enrico Coveri Maison.

Informazioni

  • Luogo: SALA UGO CAPOCCHINI
  • Indirizzo: Via M. Mannucci 3 (50021) Barberino Val D'Elsa (FI) - Barberino Val D'Elsa - Toscana
  • Quando: dal 24/08/2011 - al 24/09/2011
  • Vernissage: 24/08/2011 ore 18
  • Autori: Adriano Buldrini
  • Curatori: Sandra Stanghellini
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

Si stagliano in primo piano con precisione e realismo, come intrecciati al tessuto dei colori. Sono i fiori, i petali, le sfolgoranti creazioni floreali di Adriano Buldrini, artista che tra i suoi successi annovera la creazione di un disegno divenuto leit-motiv per la collezione primavera estate 2008 di Enrico Coveri Maison. Si apre domani, mercoledì 24 agosto alle ore 18, la mostra di pittura “Anime in fiore”, personale di Adriano Buldrini negli spazi della sala espositiva Ugo Capocchini di Barberino Val d’Elsa

Promossa dall’Unione comunale e realizzata in collaborazione con Fondazione Giuliano Ghelli, l’iniziativa offre una nuova opportunità di conoscere un artista del panorama contemporaneo ed alcuni dei suoi migliori lavori. L’evento espositivo è curato da Sandra Stanghellini e sarà visitabile fino al 24 settembre.
Adriano Buldrini nasce a Firenze nel 1969. Si diploma al liceo Artistico della sua città nel 1987, e sempre nella sua città nel 1993 conseguirà la laurea in scenografia all’ Accademia di Belle Arti. Terminati gli studi, Buldrini inizierà a collaborare come aiuto pittore negli atelier di alcuni pittori toscani. La pittura di Buldrini fin dagli esordi è sempre stata accompagnata dall’estrema cura ed amore per il disegno, insieme ad una notevole maestria nel uso del colore, che lo porteranno, per il tecnicismo da lui usato, a non rinnegare la tradizione pittorica fiorentina e toscana in generale. Ma è nella ricerca concettuale che le sue opere assumono un carattere strettamente contemporaneo. Per Buldrini lo sviluppo armonico dell’uomo è alla base della sua poetica, tale ricerca spinge l’artista a fare della sua pittura un’arte contemplativa che pone in chi la osserva ad essere, in qualche modo, attivo nella ricerca della propria natura divina.