54. Biennale – Padiglione Italia Regione Sardegna

Sassari - 10/06/2011 : 27/11/2011

In mostra il Padiglione Italia Regione Sardegna della prestigiosa 54a Esposizione Biennale d’Arte di Venezia.

Informazioni

Comunicato stampa

54a Esposizione della Biennale Internazionale d’Arte di Venezia
Padiglione Sardegna

Si è aperto con uno straordinario successo di pubblico, il sipario sulla 54a esposizione della Biennale d’Arte di Venezia, Padiglione Sardegna. Il taglio del nastro del primo padiglione regionale, in anteprima nazionale, è stato fatto ieri sera di fronte alle autorità e ai giornalisti che gremivano il Museo Masedu d’Arte Contemporanea di Sassari



L’Accademia di Belle Arti di Sassari è stata per volontà della Regione Sardegna, il cuore pulsante dell’organizzazione di questa grande esposizione promossa in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, dimostrando di essere una chiave indispensabile per lo sviluppo dell’industria artistica e culturale dell’Isola. La giuria tecnica, presieduta da Vittorio Sgarbi e composta dal direttore dell’Accademia Antonio Bisaccia, dalla direttrice del MAN di Nuoro Cristiana Collu, da Giovanni Follesa consulente dell’assessorato alla cultura e da Ada Lai consulente dell’assessorato al turismo, ha selezionato le opere con risultati sorprendenti.

“Siamo fieri che la Sardegna sia stata la prima ad inaugurare i padiglioni regionali della Biennale Italia, _ ha dichiarato Antonio Bisaccia, direttore dell’Accademia di Belle Arti _. L’Accademia è orgogliosa di essere stata scelta come ente attuatore del grande progetto di Vittorio Sgarbi e esprime un ringraziamento alla Regione Sardegna per il ruolo che ha riconosciuto all’istituzione”. L’intenso lavoro condotto in questi mesi dall’Accademia, ha permesso di proiettare in un contesto nazionale e internazionale gli artisti che fanno ricerca e operano nel campo della pittura della scultura, della ceramica, della fotografia, della grafica, del design e della video-arte. In un’ala del museo Masedu è stata inaugurata anche la mostra Habemus Ego, collaterale alla Biennale, che ospita le opere di ventiquattro artisti laureati all’Accademia della Sardegna.

La Regione ha creduto subito nell’importanza del progetto. “L’arte produce anche economia _ ha affermato Sergio Milia, assessore regionale alla Cultura _ Festeggiare i 150 anni dell’Unità d’Italia con un evento che ospita le eccellenze sarde del passato e del presente, è un segnale forte per la cultura sarda che attraverso i secoli si è sempre distinta. La Biennale è un regalo che la Regione ha voluto fare a Sassari e all’Isola. Un ringraziamento a Sgarbi, all’Accademia di Sassari e a coloro che a livello regionale hanno lavorato per la riuscita dell’evento. Il grande successo di pubblico è la conferma del grande interesse che la città di Sassari dimostra verso la cultura”.

Vittorio Sgarbi, curatore del padiglione Italia ha espresso il suo apprezzamento per l’organizzazione della mostra: “Siamo a Venezia” ha commentato “La qualità delle opere esposte non può che suscitare soddisfazione in coloro che vedranno il padiglione Sardegna e lo confronteranno con i padiglioni delle diverse nazioni presenti a Venezia. Non siamo in una provincia ma al centro della Biennale d’Arte”. Sgarbi ha spiegato i parametri che hanno portato alla selezione degli artisti: “Abbiamo voluto dare alla cultura italiana un aspetto diverso da quello imposto dalla prepotente mafia del mercato che premia solo i nomi conosciuti commettendo un delitto contro la verità e contro l’arte”.