1… 2… 3… Stella

Spoleto - 25/06/2011 : 25/07/2011

Tre anni di vincitori del Premio Terna, riuniti assieme in un viaggio omogeneo che raccoglie il legame speciale tra un’azienda italiana e la cultura dell’arte visiva. Quarantasei opere che raccontano la storia di un Premio e degli artisti che lo hanno reso un punto fermo nel panorama culturale italiano.

Comunicato stampa

iovanni Albanese_ Riccardo Albanese_ Andrea Aquilanti_ Francesco Arena_ Elena Baldelli_ Emanuele Becheri_ Simone Bergantini_ Davide Bertocchi_ Gabriele Bonato_ Stefano Cagol_ Laura Cantarella_ Stefano Canto_ Andrea Chiesi_ Ciriaca+Erre_ Giulio Delvè_ Rocco Dubbini_ Eron_ Marco Fedele Di Catrano_ Mauro Folci_ Ren Hang_ Meena Hasan_ Hotel de la Lune_ Ma Gang_ Alberto Garutti_ Gabriele Giugni_ Francesca Grilli_ Isola and Norzi_ Michele Manzini_ Raffaela Mariniello_ Paolo Meoni_ Liliana Moro_ Andrea Nacciarriti_ Giancarlo Norese_ Luigi Ontani_ Giovanni Ozzola_ Dino Pedriali_ Riccardo Previdi_ Antonio Riello_ Alia Scalvini_ Marinella Senatore_ Francesco Simeti_ Ettore Spalletti_ Davide Tranchina_ Cai Weidong_ Yiquian Zhao_ Zimmerfrei

PREMIO TERNA 01
Trasmettere energia: una metafora contemporanea

PREMIO TERNA 02
Energia:Umanità=Futuro:Ambiente. La proporzione per una nuova estetica

PREMIO TERNA 03
Visione: Origine e Potere. Energia attraverso le generazioni

Tre anni di vincitori del Premio Terna, quarantasei artisti riuniti assieme in un viaggio umbro che raccoglie il legame speciale tra una grande azienda italiana e la cultura dell’arte visiva. Una geografia di stimoli visivi e tematici per raccontare a Spoleto la storia di un Premio e degli artisti che lo hanno reso uno stimolante approdo nel panorama culturale italiano.

Scrivono Collu e Marziani: “Ecco il Premio Terna, un fertile e attento pluriverso, un nuovo pianeta di un sistema, quello dell’arte contemporanea, che vorremmo luccicasse ancora e sempre di più come una complessa e splendida costellazione parte del nostro orizzonte consueto. Un altro pianeta che non si pone come alternativa, come antagonista ma vuole esserci, influenzare e determinare felici congiunture, scongiurare trigoni e quadrature avverse. Il premio Terna vuole dire la sua, con le sue modalità, desidera raccogliere, registrare, archiviare, studiare, analizzare, ascoltare e azzardarsi infine a disegnare nuove ipotesi, nuove visioni, formulare previsioni e provare a suggerire un cambiamento possibile. La regola dell’ospitalità intesa come apertura, la responsabilità e la consapevolezza che l’arte contemporanea racconta il nostro tempo citandone un altro e prefigurandone un altro ancora, è il denominatore comune che può sciogliere l’enigma apparentemente indecifrabile e lo fa entrare nell’orizzonte quotidiano, in un paesaggio più materno, meno ostile e più dialogico, di una cultura che riconosce la propria identità prima di tutto, in una fertile continua tensione tra stare e andare, tra l’abitare e il viaggio. Si tratta di un complesso palinsesto in controtempo dove tutto appare racchiuso in uno scrigno e ci rivela un segreto che siamo chiamati non solo a preservare e custodire, ma a ricreare e condividere”.