I pericoli dell’ispirazione

Parigi, 1863-1891. Come a dire: l’arte allora contemporanea nel posto giusto al momento giusto. L’ultimo romanzo di Christopher Moore si svolge lì e a quel tempo, con qualche incursione nel passato più remoto. Sull’onda di una musa e di un demone.

Christopher Moore - Sacré Bleu

Ci sono tutti, o quasi, ma è Henri de Toulouse-Lautrec il coprotagonista, ad affiancare una delle poche figure non storiche in questo romanzo, Lucien Lessard (a dire il vero, un fornaio con quelle caratteristiche esisteva, ma passons). Il nobile frequentatore di bordelli funge da spalla nel dipanarsi della trama e, come ogni spalla che si rispetti, è fonte di umorismo graffiante e talora piacevolmente greve: “‘Voglio dipingere un pagliaccio che si scopa un gatto’. ‘Non credo vada bene neanche per le pareti dello Chat Noir’ disse Lucien. ‘Va bene, una ballerina. Un petit rat dell’opera, di quelli che Degas ritrae spesso’. ‘Con un pagliaccio?’. ‘No, che scopa un gatto. È un tema ricorrente, Lucien. Questo posto si chiama Il gatto nero’. ‘Sì, ma quando hai disegnato il manifesto del Moulin Rouge non ci hai messo un pagliaccio che si scopava un mulino a vento’”.
Il thriller artistico intitolato Sacré Bleu (Elliot, pagg. 316, € 18.50) è firmato da Christopher Moore, scrittore statunitense classe 1957, noto in particolare per un romanzo assai divertente, Il Vangelo secondo Biff, amico di infanzia di Gesù (2002; trad. it. 2008). Colto, documentato, scritto con cura per i dettagli e per la lingua, Sacré Bleu è però – malgrado le intenzioni dell’autore? – più un racconto storico che un plot intriso di suspense. Perché, in fondo, gli oscuri legami tra la fabbricazione del blu oltremare, un Colorista che vive da millenni e una Musa ispiratrice che parla come una scaricatrice di porto sono meno avvincenti delle continue pennellate – è il caso di dirlo – che Moore stende sulla tela di una Montmartre oramai mitica.

Henri de Toulouse-Lautrec per il Moulin Rouge (1891)
Henri de Toulouse-Lautrec per il Moulin Rouge (1891)

Da non sottovalutare, infine, la valenza didattica di Sacré Bleu. Perché, fra una gag e un assassinio, lo scrittore americano infila considerazioni tutt’altro che scontate, soprattutto se consideriamo il pessimo livello d’istruzione artistica che si impartisce nelle nostre scuole. Ad esempio: “Probabilmente, in quel preciso istante, il maestro [Monet, N.d.R.] si trovava a Giverny o a Rouen davanti a una dozzina di tele montate su una dozzina di cavalletti, e si dedicava a ognuna mano a mano che la luce cambiava, ritraendo su tutte lo stesso soggetto dalla stessa angolazione. E se qualcuno pensava che stesse dipingendo dei covoni di fieno e una cattedrale, rischiava di passare per uno stupido agli occhi del pittore. ‘Dipingo momenti. Momenti di luce unici e irripetibili’ diceva”.

Marco Enrico Giacomelli

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #12

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Deleuze, Revel, Augé e Bourriaud. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.