Di pagina in pagina

Clima che va rapidamente verso la primavera. Quale migliore occasione per fiondarsi in un parco a leggere? Una rapida carrellata fra alcune uscite editoriali non recentissime ma che uno sguardo lo meritano. Una corazzata italiana, altri piccoli-medi editori, e una quota di stranieri – Cina, Usa, Germania, Gran Bretagna – che parlano però tutti inglese. Buon… reading.

Luca Nannipieri - Salvatore Settis

DAGLI AL PROFESSORE
Sarà che i mostri sacri, in Italia, non li tocca nessuno, o quasi. Sarà che la gerontocrazia è una male che pare impossibile estirpare. Sarà, e quindi anche quando sotto la scure cade la testa del rispettabilissimo Salvatore Settis, ce ne rallegriamo. Perché il nostro Paese ha bisogno di un poco di sano istinto parricida. Un consiglio di lettura va dunque per il pamphlet di Luca Nannipieri sulla “bellezza ingabbiata dallo Stato”. Lettura che prende al massimo un’oretta, ma che dà da pensare per molto più tempo.
Luca Nannipieri – Salvatore Settis – ETS
www.lucanannipieri.com

Thanos Zakopoulos - Collider

UN GRECO A MILANO
Lo chiameremo Collider, anche se di titoli ne ha quattro. È il libro d’artista che il multitasking Thanos Zakopoulos, di stanza a Milano, ha progettato per esporre in pagina una selezione dei suoi photoworks realizzati dal 2004 al 2009. La grafica, notevole, è stata affidata al cinese Huang Yang, mentre i testi di accompagnamento sono firmati da Thomas Pfister e Alistair Gentry. E non dite che la globalizzazione non esiste.
Thanos Zakopoulos – Collider – Space E6
www.thanoszakopoulos.com

David Campany - Jeff Wall. Picture for Women

ALTRO CHE FOTOGRAFIA
La formula oramai è nota, visto che la collana One Work sta per doppiare la boa delle dieci uscite. In sostanza, si tratta di dedicare un intero libro, un centinaio di pagine, a una sola opera d’arte. Indagata dunque a fondo, nel suo contesto storico, nell’ambito della produzione dell’artista, nelle sue specificità formali e tecniche, nella sua storia espositiva e quant’altro. Cosa vi segnaliamo? La requisitoria su Picture for Women di Jeff Wall.
David Campany – Jeff Wall. Picture for Women – Afterall Books
www.afterall.org/books/

Renato Barilli - Autoritratto a stampa

L’ITALIA IMMORTALE
Proprio in questa pagina si parla di un libretto aspro nei confronti di Salvatore Settis. Eh sì, perché talora si esagera non poco. Pensate a Renato Barilli: classe 1935, si appresta ad andare in pensione (solo adesso? Solo adesso…), e rifiuta con “ribrezzo” l’idea di un volume a lui dedicato da allievi e seguaci. E quindi che fa? Dà alle stampe una raccolta di suoi brevi interventi e saggi, per un bel totale di 500 pagine. Ma mica finisce qui: un centinaio di pagine sono dedicate alla bibliografia completa dei suoi scritti “a stampa”. Solo a noi pare un poco esagerato?
Renato Barilli – Autoritratto a stampa – Fausto Lupetti
www.faustolupettieditore.it

Le ricette dei designer 2

AI FORNELLI, AI FORNELLI
Ci piacciono le contaminazioni, altroché. Se poi si tratta di leggere – e mettere in pratica, quando possibile – le Ricette dei designer, allora viene l’acquolina in bocca, è proprio il caso di dire. L’idea dev’essere piaciuta a molti, se siamo già al secondo volume. Stavolta sono 130 i progetti, con introduzione di Davide Rampello. E ora si passi ai fatti.
Le ricette dei designer 2 – Editrice Compositori
www.compositori.it

Jane Rendell - Site-Writing

DOVE STA DI CASA LA CRITICA?
Non per fare il solito piagnisteo, ma è mai possibile vivere in un Paese dove per pubblicare un libro si deve fare l’elemosina a mille editori, essere spesso umiliati, rinunciare a qualsivoglia pretesa economica e magari, giunti all’agognato traguardo, vedersi gratificati da qualche decina di copie vendute? Quando poi ci si imbatte in un libro come questo – assai interessante, fra l’altro – dedicato all’architettura della critica d’arte, allora vien proprio voglia di scrivere in inglese.
Jane Rendell – Site-Writing – I.B. Tauris
www.ibtauris.com

Contemporary Green Buildings in China

LUOGHI COMUNI
Certo, continuiamo a farci del male. Ad esempio non considerando che le nostre città sono fra le più inquinate d’Europa, tanto ci sono Paesi come la Cina che sono tutti smog e polveri sottili, no? A parte il discorso relativo a travi e pagliuzze, l’errore consiste nel continuare a frequentare in maniera acritica i luoghi comuni. Volete distinguervi? Allora mettete sul tavolino del salotto un bel libro dedicato alle architetture green sorte colà.
Contemporary Green Buildings in China – DOM Publishers
www.dom-publishers.com

Francesco Bonami - Maurizio Cattelan

LUI E L’ALTRO
Suvvia, sottotitolarlo Autobiografia non autorizzata fa un po’ sorridere. Sì, perché Francesco Bonami non è esattamente uno sconosciuto per Maurizio Cattelan, e viceversa. Non foss’altro per quel trait d’union importante che è Massimiliano Gioni. Al di là di tutto, resta il fatto che Bonami sta inanellando successi editoriali a ritmo vertiginoso. E quest’ultima fatica crediamo non interromperà la serie.
Francesco Bonami – Maurizio Cattelan – Mondadori
www.mondadori.it

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #2

CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Deleuze, Revel, Augé e Bourriaud. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.