The New Wave of Flemish Comic Strip. In Belgio grande mostra sui fumetti fiamminghi

Il Museo del Fumetto di Bruxelles inaugura una mostra che indaga le tendenze dei comics fiamminghi contemporanei, fiore all’occhiello della tradizione artistica delle Fiandre famoso in tutto il mondo.

Ben Gijsemans
Ben Gijsemans

Se in passato la regione delle Fiandre ha assistito alla nascita della grande stagione della pittura fiamminga, ispirando la creazione di capolavori della storia dell’arte realizzati da maestri del calibro di Jan van Eyck, Hugo van der Goes e Rogier van der Weyden, ancora oggi l’area belga vanta un particolare record artistico, sebbene di natura differente rispetto ai suoi gloriosi precedenti pittorici. Con oltre 700 fumettisti, il Belgio detiene il primato mondiale del maggior numero di comic strip artist per chilometro quadrato, numeri che confermano come nel paese l’arte del fumetto sia molto radicata nella vita e nell’immaginario della gente, oltre ad aver giocato un ruolo determinate nell’evoluzione del fumetto europeo. Proprio a Bruxelles, presso il Belgian Comics Art Museum, è stata inaugurata una mostra dedicata alla nuova generazione di fumettisti belgi di lingua fiamminga, a cura di Mélanie Andrieu e Tine Anthoni.

UNA MOSTRA DEDICATA AL FUMETTO FIAMMINGO

The New Wave of Flemish Comic Strip è il titolo dell’esposizione che accoglie opere realizzate a partire dal 2000 dai fumettisti Pieter de Poortere, Judith Vanistendal, Michaël Olbrechts, Wide Vercnocke, Ben Gijsemans, Wauter Mannaert, Jeroen Janssen, Simon Spruyt, Maarten van de Wiele, Ilah, Bart Schoofs, Brecht Vandenbroucke, Randall C., Gerolf van de Perre, Brecht Evens e Serge Baeken. I loro lavori, in particolare quelli di Evens, de Poortere, Spruyt e Vanistendael, vengono tradotti in molte lingue e sono apprezzati non solo in Belgio ma anche all’estero per la qualità artistica e di scrittura. Un successo, quello di questi giovani artisti, che è il risultato diretto della nascita nel 2002 della Comic Strip Art Commission in seno alla Flemish Foundation for Literature:  attraverso l’assegnazione di borse di studio e supportando la traduzione e la promozione internazionale, la fondazione ha contribuito a fare emergere questi giovani talenti in tutto il mondo.

IL FUMETTO FIAMMINGO CONTEMPORANEO

Il fumetto fiammingo – in lingua nederlandese e prodotto nelle Fiandre – si contraddistingue da sempre per alcune caratteristiche fondamentali: lo spirito umoristico, la presenza di una famiglia al centro della storia e il target di lettori a cui si rivolge, ovvero il pubblico regionale. Per fare qualche esempio, si possono citare Nero, Jommeke e Suske en Wiske. Oggi il fumetto contemporaneo  fiammingo si suddivide in tre filoni principali: uno intimistico, che si traduce in uno sguardo sensibile sul mondo attraverso il racconto autobiografico, uno provocatorio e irriverente, e infine un tipo che propende a sperimentare una maggiore libertà grafica. Ma ciò che maggiormente accomuna gli autori di nuova generazione è la tendenza a uscire fuori dai loro confini regionali, per trovare nuove fonti di ispirazione per le loro storie e per rivolgersi a un pubblico più internazionale.

– Desirée Maida

Bruxelles // fino al 3 giugno 2018
The New Wave of Flemish Comic Strip
Belgian Comics Art Museum
Rue des Sables 20
www.comicscenter.net

CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Vive a Palermo, dove collabora con gallerie d’arte, scrive per testate d’arte contemporanea e lavora come storico dell’arte e curatore.