Bello e prevedibile

Ha i toni della commedia ma si tinge di nero. È un racconto frenetico, veloce, esasperato. E forse l’eccesso di ritmo e l’utilizzo sofisticato di inquadrature e cambi di scena fa scivolare via la bella intuizione narrativa. Che – è bene chiarirlo subito – è sostenuta dal segno ricco e pulito di Baru. Un francese non più giovanissimo, che disegna con leggerezza particolari e atmosfere vivaci.

Baru - Pompa i bassi, Bruno!

Nelle sue vignette c’è una splendida dinamica. Il colore? Un acquerello pieno, acceso e ben disposto. Sempre. Ma qualcosa, in questa storia, non convince fino in fondo. Pompa i bassi, Bruno! ha in sé qualcosa di molto attraente. Ma lascia sospesi in un vuoto di interpretazione che non si riesce subito a colmare.
Baru si chiama in realtà Hervé Barulea e il suo sangue è per metà italiano. Al fumetto arriva tardi, all’inizio degli Anni Ottanta, debuttando come disegnatore sulla rivista Pilote (sì, quella che ha visto nascere Asterix). Lo conosciamo perché, oltre a percepire il respiro lungo di una notorietà maturata in terra francese, le sue opere sono state pubblicate in Italia da Kappa Edizioni e Coconino Press, che dopo dodici anni sta ristampando L’Autoroute du soleil.
Questa commedia noir – molto sociale e anche piuttosto divertente – e Gli anni dello Sputnik hanno permesso a Baru, vincitore del Grand Prix d’Angoulême nel 2010, di ricevere il premio come “miglior autore unico” durante l’ultima edizione di Lucca Comics & Games. Un riconoscimento legittimo e meritato. Che, di fatto, premia anche il buon lavoro svolto in questi anni dalla Coconino Press, ora Coconino Press-Fandango.

Qui si raccontano le storie intrecciate e sovrapposte di un giovane ragazzo africano che è un talento del pallone, di una sgangherata banda di gangster francesi, di anziani e paradossali Lupin del tempo che fu. Tutto ha inizio con l’incontro tra il giocatore di calcio Ousmane Traoré e il ragazzo. Seguiranno il viaggio clandestino in Francia, il dramma (comico) dei migranti senza documenti e piani maldestri per il recupero di un bottino. E tutto culminerà con un colpo di scena finale e un epilogo che, nonostante tutto, addolcisce l’amaro di una chiusura col botto.
Pompa i bassi, Bruno! è un ottimo esempio di scrittura e illustrazione.
Ma, suo malgrado, lascia un vuoto inspiegabile. Baru batte forte sul tamburo, crea spazi narrativi che il lettore deve riempire, stravolge le regole del controcampo. Tutte tecniche – e abilità – che dovrebbero giocare a favore di una critica d’eccellenza. Eppure qualcosa continua a non convincere.

Baru - Pompa i bassi, Bruno!

In questa storia “compiuta” si punta troppo sugli equilibri narrativi e si esasperano gli elementi della narrazione stessa. Insomma, ci si trova di fronte a un’opera perfetta che conduce il lettore – al quale si attribuisce una bella responsabilità – in una strada già segnata. Si sa già quando si ride ed è facile prevedere i momenti di tensione, paura, suspense e stupore. Tutti elementi che comunque farebbero di questo romanzo illustrato un ottimo film.

Gianluca Testa

Baru – Pompa i bassi, Bruno!
Coconino Press-Fandango, Bologna 2011
Pagg. 128, col., € 17
ISBN 9788876181962
www.coconinopress.it

CONDIVIDI
Gianluca Testa
Gianluca Testa (Lucca, 1977) è un giornalista che si occupa di arte (in particolare il fumetto) e di temi legati al mondo del volontariato e del Terzo settore. Collabora col Centro Nazionale per il Volontariato, è redattore della rivista Volontariato Oggi e del quotidiano online Lo Schermo. Responsabile della rubrica 'fumetti' di Artribune, collabora con afNews ed è direttore di "VolontariatOggi.info - il webmagazine del volontariato", "Tra terra e cielo", "Espressioni - dal di dentro, dal di fuori". Scrive per la rivista Comunicare il sociale (allegato a Sette - Corriere della Sera) e ha collaborato con il quotidiano Terra, La Nazione, Rtl Firenze, Rtl 102.5, RTV38, Exibart, Museo Nazionale del Fumetto. Tiene docenze sulla comunicazione sociale, sviluppa siti web e si dedica alla comunicazione integrata per progetti e servizi. Ha pubblicato un paio di libri.