Muore a Cortina d’Ampezzo Cesare De Michelis, presidente della casa editrice Marsilio

L’editore, alla guida della casa editrice dal 1969, avrebbe compiuto 75 anni il prossimo 19 agosto. Nella sua carriera ha lanciato autori quali Susanna Tamaro e Margaret Mazzantini

Cesare De Michelis
Cesare De Michelis

È scomparso la scorsa notte a Cortina d’Ampezzo, dove si trovava in vacanza, Cesare De Michelis, presidente della casa editrice Marsilio dal 1969. Fratello del ministro socialista Gianni, nella usa carriera di editore ha lanciato autori come Susanna Tamaro e Margaret Mazzantini. Avrebbe compiuto 75 anni il prossimo 19 agosto.

CHI ERA CESARE DE MICHELIS

Nato a Dolo (VE) nel 1943, De Michelis è stato anche docente di Letteratura e Italiana moderna e contemporanea presso l’Università di Padova. Nel 1965, appena laureato, entra nel Consiglio di Amministrazione della Marsilio, per poi assumerne la presidenza pochi anni dopo, dando vita così a una nuova fase della casa editrice, puntando sulla saggistica di riflessione politica e culturale e la narrativa italiana lanciando soprattutto i giovani autori. A De Michelis si deve, inoltre, l’arrivo in Italia di Millennium, saga di Stieg Larsson che ha ottenuto un grande successo di vendite. 1965 al 1974 dirige, insieme a Massimo Cacciari, la rivista Angelus Novus, e nel 1980 è nominato assessore al Comune di Venezia e vicepresidente della Biennale lagunare. È stato anche consigliere della Fondazione Teatro La Fenice di Venezia e ha scritto per Il Sole 24 Ore e il Corriere del Veneto. L’1 giugno 2017 è stato nominato Cavaliere del Lavoro dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. “Far libri, stamparli, leggerli, scriverli, raccoglierli, venderli, recensirli, nella mia vita mi sembra di non aver fatto altro, come se un’ossessiva passione mi avesse travolto appena ragazzo”, così De Michelis raccontava la sua vita. “Eppure da sempre mi è sembrato non privo di significato farli qua, dov’ero cresciuto, nella nostra terra, magari a Venezia. Quando cominciai lo sapevo e non lo sapevo che la Serenissima era stata la patria del libro, che proprio nell’isola aveva preso forma e si era definito all’alba del Cinquecento, quello strano mestiere che è far l’editore, grazie a Aldo Manuzio, il principe e il principio di tutta la storia dei libri. Per questo continuo a fare libri a Venezia, come se il tempo che intanto è passato non sia bastato a cancellare una storia che ha ormai cinque secoli e più”.

IL FUTURO DELLA MARSILIO

La Marsilio nel 2000 è entrata a far parte del gruppo RCS Libri, pur mantenendo la propria identità editoriale. Nel 2016 la famiglia De Michelis riacquisisce la Marsilio, ritornando così a essere indipendente. Con la morte di Cesare, la guida della casa editrice passa al figlio Luca, attualmente Amministratore Delegato.

COME LO RICORDA IL MONDO DELLA CULTURA

“Con dolore ho appreso della scomparsa di Cesare De Michelis”, ha commentato sulla propria pagina Facebook il Ministro dei Beni Culturali Alberto Bonisoli. “Intellettuale, studioso, appassionato di cinema, bibliofilo raffinato, perdiamo uno dei più importanti editori italiani, scopritore di talenti come Margaret Mazzantini e Susanna Tamaro, uomo capace di cogliere e portare nel nostro Paese fenomeni letterari mondiali come la saga Millennium di Stieg Larsson, con la quale ha colto uno straordinario successo di vendite”.

– Desirée Maida

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.