La Haus der Kunst di Monaco di Baviera annulla la mostra di Joan Jonas per problemi finanziari

L’istituzione museale tedesca, tra le più prestigiose del paese, annulla la grande mostra di Joan Jonas per problemi finanziari. L’annuncio arriva a due mesi esatti dalle dimissioni a sorpresa del direttore Okwui Enwezor per presunti problemi di salute e getta una luce sinistra sull’intera vicenda…

Joan Jonas
Joan Jonas

Ancora grane per la Haus der Kunst di Monaco di Baviera. L’istituzione museale, tra le più importanti in Germania, è stata costretta ad annullare la mostra di Joan Jonas prevista per il prossimo novembre a causa di problemi finanziari. L’annuncio arriva a due mesi esatti dalle dimissioni a sorpresa del direttore Okwui Enwezor (Calabar, Nigeria, 1963), critico d’arte e curatore tra i più noti a livello internazionale per problemi di salute,e getta una luce sinistra sull’intera vicenda…

I PROBLEMI FINANZIARI

La Haus der Kunst di Monaco
La Haus der Kunst di Monaco

Non fa mistero il museo delle difficili condizioni finanziarie in cui riversa. Nel comunicato emesso per annullare la mostra, che in questi giorni è in conclusione alla Tate e che poi sarebbe dovuta approdare a Monaco, si parla di “una situazione finanziaria difficile derivante da errori di gestione del passato“. Il museo ha dichiarato, inoltre, che tutti gli sforzi per trovare finanziamenti dell’ultimo minuto per la mostra sono falliti. Un’allusione neanche troppo velata nei confronti di Enwezor che ha diretto la Haus der Kunstdal 2011 a giugno 2018. Poi la decisione di lasciare la direzione del museo talmente improvvisa e repentina da far pensare a seri problemi di salute.

IL FUTURO DIRETTORE

Okwui Enwezor
Okwui Enwezor

La ricerca del sostituto del direttore di origini nigeriane è già in corso, ma la scelta di un candidato idoneo non sembra facilissima dato l’alto profilo internazionale di Enwezor che ha diretto documenta 11 e la Biennale di Venezia nel 2015. Fino alla nomina del sostituto sono stati designati Ulrich Wilmes, il curatore capo del museo e Bernhard Spies, l’amministratore delegato, per svolgere il ruolo di consiglieri congiunti. In un’intervista rilasciata al quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung Spies ha rivelato che la Haus der Kunst sta affrontato una complessa situazione di bilancio e che quest’anno sono state pianificate spese maggiori di quelle che i fondi disponibili sarebbero in grado coprire, tra cui la mostra della Jonas decisamente troppo costosa per le casse del museo. Eppure nel breve comunicato rilasciato nell’atto delle dimissioni Enwezor aveva utilizzato altre parole delineando una situazione ben più rosea.“Non esiste un momento ideale per andarsene”, ha sottolineato il curatore, “però mi sto dimettendo in un momento in cui la Haus der Kunst è in una posizione artistica di forza. È stato un grande privilegio guidare questa istituzione eccezionale e lavorare con un team così impegnato e di talento”.Possibile che un uomo di tale spessore non fosse consapevole di una situazione così complessa?

     Mariacristina Ferraioli

 

Dati correlati
AutoreJoan Jonas
CuratoreOkwui Enwezor
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Mariacristina Ferraioli
Mariacristina Ferraioli è giornalista, curatrice e critico d’arte. Dopo la laurea in Lettere Moderne con indirizzo Storia dell’Arte, si è trasferita a Parigi per seguire corsi di letteratura, filosofia e storia dell’arte presso la Sorbonne (Paris I e Paris 3). Ha conseguito il Master in Organizzazione e Comunicazione delle Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Ha vinto la Residenza per Curatori della Dena Foundation for Contemporary Art presso il Centre International d’Accueil et d’Echanges des Récollets di Parigi. Ha lavorato al Centre Pompidou collaborando alla realizzazione della mostra “Traces du Sacré” e ha pubblicato un testo critico sul catalogo della mostra. Ha coordinato l’ufficio Master dell’Accademia di Belle Arti di Brera e ha curato mostre sia in Italia che all’estero. Redattrice di Artribune, collabora stabilmente con Cosmopolitan Italia e Icon Design. Sta conseguendo un dottorato in Comunicazione e mercati: Economia, Marketing e Creatività presso l’Università Iulm di Milano ed è docente a contratto presso diverse istituzioni tra cui l’Accademia di Belle Arti di Brera.