Il mistero dello Chagall rubato è stato risolto dall’FBI. 30 anni per far chiarezza

La lista delle opere rubate s’accorcia e dopo il Klimt ritrovato in un cassetto, il Degas tra i bagagli di un autobus nei pressi di Parigi, adesso è la volta di uno Chagall scomparso trent’anni fa. Vi raccontiamo la storia

Chagall ritrovato
Il quadro di Chagall "Otello e Desdemona" ritrovato dopo trent'anni

Quanto tempo ci vuole per scovare un’opera rubata? Difficile a dirsi. Alcune volte poche ore, altre alcuni giorni o mesi, altre invece addirittura trent’anni. É il caso di un lavoro di Chagall sottratto in un appartamento della New York bene. Quindi dopo il caso del Klimt ritrovato in un cassetto, del Degas nascosto tra i bagagli di un autobus nei pressi di Parigi, delle novità sul Caravaggio e del Monet scovato negli archivi del Louvre vi raccontiamo un’altra storia che ha come protagonista una coppia benestante dell’Upper East Side, un reo confesso, un mandante e l’FBI.

IL RITORNO A CASA E LA SCOPERTA

Siamo nel 1988, è estate, New York nell’esclusiva Upper East Side. Le tipiche giornate afose che caratterizzano questa stagione. La città si spopola e molte case vengono chiuse. C’è chi si sposta verso gli Hamptons chi invece verso ovest. É il caso dei coniugi ottantenni Hellers che erano soliti trascorre due mesi ad Aspen in Colorado. Al loro ritorno la scoperta. La paura. La loro casa, ricca di opere d’arte e oggetti preziosi era stata letteralmente ripulita. All’appello mancava anche un lavoro di Chagall, Otello e Desdemona, acquistato negli anni ’20 dal padre di Heller amico di Leger per soli $50. Nessun segno di scasso. Gli inquirenti iniziano ad indagare. Poche piste, pochi passi avanti. Si pensava potesse essere stato qualcuno che conosceva bene il palazzo o che aveva accesso al sistema di sicurezza. Erano stati sottratti anche altri ventun dipinti e dodici sculture tra cui August Renoir, Othon Friesz, Georges Rouault, Pablo Picasso e Edward Hopper, per un valore totale di $ 600.000 che oggi corrisponderebbero a circa 1,3 milioni di dollari per l’inflazione.

FBI RACCONTA GLI SVILUPPI

Non si conoscono ancora tutti i retroscena. Ma dopo 30 anni la scoperta. L’Otello e Desdemona è stato ritrovato, dopo decenni di ricerche. Una telefonata all’FBI che probabilmente recitava così “ho l’opera di Chagall rubata alla coppia Heller”; l’uomo forse malato ha fatto questa scelta per ripulirsi la coscienza o semplicemente perché era un lavoro troppo famoso da piazzare, un furto conosciuto, chiacchierato. Alcune informazioni che sono trapelate dicono che il ladro avesse tenuto l’opera in soffitta in una scatola con su scritto opere scolastiche. Vani erano stati i tentativi di venderla a un gallerista di Washington DC che aveva richiesto il dovuto certificato prima di acquistarla. Ma questo mancava. Dopo più tentativi negli anni lo stesso gallerista aveva suggerito di confessare tutto all’ FBI. Ancora molti sono i retroscena da scoprire. Ma quello che è certo è che il reato è andato in prescrizione e che non ci saranno conseguenze per nessuno. Gli eredi hanno confermato che l’opera sarà venduta e il ricavato devoluto all’assicurazione e ad associazioni no profit. Si attendono comunque ulteriori sviluppi sulla vicenda.

– Valentina Poli

 

Dati correlati
AutoreMarc Chagall
CONDIVIDI
Valentina Poli
Nata a Venezia, laureata in Conservazione e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, ha frequentato il Master of Art presso la LUISS a Roma. Da sempre amante dell'arte ha maturato più esperienze nel settore della didattica progettando e gestendo laboratori, in quello della preparazione di piccoli e grandi eventi culturali, nel settore delle gallerie d'arte e in campo giornalistico con collaborazioni con riviste del settore. Oggi vive a Roma.