L’MFA di Boston e il Philadelphia Museum of Art scommettono un’opera sul vincitore del Super Bowl

In occasione del Super Bowl, il Museum of Fine Arts di Boston e il Philadelphia Museum of Art hanno deciso di sostenere i loro campioni, i New England Patriots e i Philadelphia Eagles, mettendo in palio delle opere d’arte della loro collezione…

The Greenwood Lee Family, about 1747, John Greenwood
Tutti pazzi per il Super Bowl... anche i quadri! The Greenwood Lee Family, about 1747, John Greenwood

La febbre del Super Bowl (la finale di campionato della National Football League) non ha colpito solamente gli sportivi di tutto il mondo, ma anche gli appassionati di arte, grazie ad una speciale sfida tra i due grandi musei che hanno deciso di sostenere i propri campioni a modo loro.

UNA SFIDA A SUON DI ARTE

La scommessa è stata fatta ed ora è tempo di riscuotere. I due grandi musei americani hanno messo in palio il prestito gratuito di un dipinto della loro collezione che rappresenta lo spirito della città. La scelta è ricaduta per Philadelphia su Benjamin Franklin Drawing Electricity from the Sky del 1816 di Benjamin West, per Boston su James Warren (Mercy Otis) del 1763 circa di John Singleton Copley.

UNA VITTORIA SOCIAL AL GRIDO #MUSEUMBOWL

L’MFA ha sguinzagliato l’artiglieria pensate: Riley il giovane conservatore a quattro zampe è stato abbigliato con la maglietta dei New England Patriots e filmato mentre gioca e vince contro un peluche che raffigura la mascotte della squadra avversaria. Inoltre, sono stati creati dei fotomontaggi che rappresentano i personaggi dei quadri più famosi appartenenti al museo di Boston mentre indossano la divisa della squadra. Il tutto rigorosamente in versione social: una guerra di condivisione di immagini con hashtag #MuseumBowl che ha appassionato centinaia di utenti.
Tutto questo però non è bastato. I New England Patriots hanno perso. La città di Boston ha dovuto salutare la sua squadra con un enfatico messaggio su Facebook che recita “Congratulazioni alla città di Philadelphia e ai nostri amici del Museum of Art! Un saluto affettuoso ad un’entusiasmante e meritatissima vittoria al Super Bowl. Sappiamo che vi occuperete di uno dei nostri patrioti preferiti, Mercy Otis Warren, quando farà il suo viaggio. Fino ad allora, è a casa presso Art of the Americas Wing – faremo sapere a tutti quando sarà a Philadelphia.”

SUPER BOWL E L’ARTE

Non è la prima volta che due musei scommettono sulla vittoria dei loro campioni al Super Bowl. Anzi è diventata quasi una tradizione. Nel 2014 il Denver Art Museum ha prestato l’iconica scultura in bronzo Broncho Buster (1895) di Frederic Remington al Seattle Art Museum per tre mesi. L’anno successivo il museo di Seattle ha dovuto concedere l’opera Puget Sound on the Pacific Coast (1870) di Albert Bierstadt al museo della città di Williamstown nel Massachusetts.

– Valentina Poli

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Poli
Nata a Venezia, laureata in Conservazione e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, ha frequentato il Master of Art presso la LUISS a Roma. Da sempre amante dell'arte ha maturato più esperienze nel settore della didattica progettando e gestendo laboratori, in quello della preparazione di piccoli e grandi eventi culturali, nel settore delle gallerie d'arte e in campo giornalistico con collaborazioni con riviste del settore. Oggi vive a Roma.