In Indonesia il primo Museo d’Arte Moderna e Contemporanea. Apertura a novembre 2017

La mostra inaugurale del MACAN sarà co-curata da un big internazionale come Charles Esche. Nucleo base del nuovo museo sarà la collezione del fondatore Haryanto Adikoesoemo

Un rendering del Museo MACAN, courtesy MET Studio Design Ltd
Un rendering del Museo MACAN, courtesy MET Studio Design Ltd

L’ambiente artistico indonesiano non brilla certo per vivacità e per connessioni internazionali: anche se non mancano eccezioni che però non fanno che confermare questa regola. In un’asta Sotheby’s Hong Kong di Modern and Contemporary Southeast Asian Paintings. Nel 2013, top lot risultò l’opera dell’indonesiano Lee Man Fong, Bali Life, aggiudicata a 2.7 milioni di dollari. Ogni tanto emerge qualche singolo creativo in luce per qualche ragione, come Eko Nugroho, apprezzato designer per il brand Vuitton, o Aditya Novali, nella scuderia della prima galleria italiana ad occuparsi seriamente di arte orientale, la milanese Primo Marella. Nei giorni scorsi vi raccontavamo dell’illustratrice indonesiana Diela Maharanie, invitata dal celebre festival siciliano Ypsigrock a realizzare la locandina dell’edizione 2017.

800 OPERE

Ma restano casi isolati. Ora però il Paese sembra voler affrontare la cosa sul piano strutturale, annunciando che – dopo ritardi nella realizzazione dell’edificio polivalente che hanno costretto a spostare la grande apertura prevista a marzo – nel novembre 2017 aprirà ufficialmente al pubblico a Jakarta il MACAN, Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Nusantara, il primo del suo genere in Indonesia. Nucleo base del nuovo museo sarà la collezione del fondatore Haryanto Adikoesoemo, oltre 800 opere concesse in prestito a lungo termine: di artisti indonesiani per circa il 50%, con il restante 50% costituito da opere di artisti provenienti da Europa, Nord America, Cina e in altre zone dell’Asia. La mostra inaugurale del MACAN, che sarà diretto da Aaron Seeto, sarà curata da un big internazionale come Charles Esche, assieme ad Agung Hujatni.

MACAN Museum of Modern and Contemporary Art
Kebon Jeruk – Jakarta
www.facebook.com/MuseumMACAN

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.