Neve Mazzoleni

Neve Mazzoleni

Twitter: @nevemazz

Profile: Neve Mazzoleni si è laureata in Lettere Moderne vecchio ordinamento con indirizzo in Storia e Critica delle Arti a Milano con Giovanni Agosti. Nel 2006 ottiene il diploma di master in Management of Art and Culture presso Trentino School of Management ed entra nel team progettuale di UniCredit& Art, diretto da Catterina Seia. Attualmente è project manager culturale in Group Giving, Events & Art Management di UniCredit, dove si occupa del coordinamento generale delle mostre internazionali e della gestione e valorizzazione della Collezione Corporate. Negli anni ha maturato una solida esperienza sulle tematiche delle sponsorizzazioni culturali, del rapporto Pubblico/Privato a favore della Cultura, di innovazione culturale e centri di produzione creativa. Tiene lecture per master di economia della cultura. Scrive per Doppiozero e Artribune, per la quale cura la rubrica da lei ideata Brain Drain - cervelli in fuga del mondo della cultura. Dal 2011 scrive regolarmente per il Giornale delle Fondazioni e per Arte&Imprese. È membro del Comitato di redazione di Tafter Journal. Ha scritto per Fizz, Arskey, Tafter. È iscritta al master in Social Innovation, Social Business&Project Innovation (MES) di ASVI Social change.

Tutti gli articoli di Neve Mazzoleni

Felix Gonzalez-Torres, Untitled (Blood), 1992 - Courtesy Andrea Rosen Gallery, New York - © The Felix Gonzalez-Torres Foundation - photo Peter Muscato

Archivi d’artista e lasciti. Fra mercato, cultura, diritto ed economia

Il convegno ospitato dall’Università Milano Bicocca ha riunito un folto gruppo di esperti in materia di tutela dei diritti dell’artista rispetto alla propria opera. Tracciando un quadro generale della complessità normativa in un ambito particolarmente delicato….

Commenta
Tate St. Ives - photo Ian Kingsnorth, 2013

Brain Drain. Parola a Valentina Orrù

Nuovo appuntamento con i “cervelli in fuga” dal Belpaese. Stavolta tocca a Valentina Orrù, che, lasciata la Sardegna, è ora di stanza molto più a nord….

Commenta
Diana Baldon (courtesy Malmö Konsthall e Johan Bävman)

Brain Drain. Parola a Diana Baldon

Originaria di Padova, dal 2014 Diana Baldon dirige uno dei più prestigiosi musei europei d’arte contemporanea in Svezia, la Malmö Konsthall, dopo aver compiuto i suoi studi a Londra e i primi passi professionali fra Austria e Svezia. …

Commenta
Silvia Filippini Fantoni

Brain drain. Parola a Silvia Filippini Fantoni

Un Erasmus le ha permesso di aprire gli orizzonti e focalizzare la sua ricerca: come portare pubblico nei musei attraverso le nuove tecnologie, ascoltando i loro bisogni. Da Bergamo a Indianapolis, ecco il racconto di Silvia Filippini Fantoni….

Commenta
Olga Vanoncini

Brain Drain. Parola a Olga Vanoncini

È nata a Bergamo nel 1978. Professione: artista. Il grande passo, trasferirsi in un altro Paese – in Israele, a Tel Aviv –, l’ha fatto (anche) per amore. E ha trovato una realtà attiva e internazionale. Quella che racconta qui….

Commenta
Il MoMA a New York

Brain Drain. Parola a Chiara Bernasconi

Classe 1980, Chiara Bernasconi ha scelto la destinazione più ovvia per il mondo dell’arte, e quindi più difficile: lavorare a New York. Con risultati eccelsi, visto che è assistant director al MoMA. Ecco qual è stato il suo percorso….

Commenta
Arianna Gellini

Brain Drain. Parola ad Arianna Gellini

Faentina classe 1984, curatrice e art consultant, ora vive a Zurigo, dove ha fondato la AGContemporary. Ma fra questa tappa e gli iniziali studi a Venezia, c’è passato di mezzo un intero continente: l’Asia….

Commenta
Spettacolo Ganapati della Compagnia Adishakti

Brain Drain. Parola a Stefania Mangano

Classe 1985, Stefania Mangano – che è nata a Città del Messico – ha lasciato l’Italia per andare in India. Un percorso iniziato da zero, nell’ambito del management delle arti performative. Dopo un anno a mezzo a Bangalore, ha un messaggio chiaro per l’Italia: “Non siamo cervelli in fuga ma ponti con Paesi straordinari con i quali dialogare”….

Commenta
Andrea Secco sul Rainbow Bridge a Tokyo - photo Andrea Secco ©ItalianJapan.net

Brain Drain. Parola ad Andrea Secco

È partito dalla provincia di Cuneo, Andrea Secco. Ha abbandonato presto gli studi ed è volato verso il Giappone. Ora fa il marketing e tourism manager per ItaliaJapan.net e GiappoTour, di cui è fondatore….

Commenta
Sergio Nava

Il racconto corale della fuga di cervelli. Intervista con Sergio Nava

Sergio Nava è autore di “Giovani talenti”, programma di Radio Sole24Ore, e autore del blog “la Fuga dei talenti”. Da anni segue i cervelli in…

Commenta
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

E se a Milano ci fosse il mare? Da Alterazioni Video a Patrick Tuttofuoco, visioni del paradosso in mostra a Careof: ecco le immagini

Una visione del paradosso e dell’utopia che trasforma l’immagine di Milano usando il linguaggio a lei più familiare: la comunicazione digitale. Se a Milano ci fosse il mare è la mostra appena inaugurata e aperta fino al 19 aprile a Careof, alla……

Commenta
Marco Castellazzi

Brain Drain. Parola a Marco Castellazzi

Project Manager di ae.Concept, agenzia che si occupa di creative marketing, Marco Castellazzi, classe 1977 e originario di Mirandola, sta attraversando l’Indocina da quasi un lustro. Dalla Cambogia alla Tailandia, passando per il Vietnam. E l’immagine che ha dell’Italia, ma soprattutto degli italiani, non ha fatto che peggiorare. Il perché lo spiega in questa intervista….

Commenta
Alfredo Ingegno

Brain Drain. Parola ad Alfredo Ingegno

Per “Brain Drain”, la rubrica dei cervelli in fuga del settore della cultura e creatività, un nuovo profilo. Alfredo Ingegno ha compiuto una carriera professionale come architetto al Mibac in Italia, ma dopo anni è riuscito a realizzare i suoi progetti indipendenti in Costa Rica. Tiene un blog per tutti i connazionali che vogliano trasferirsi nel Paese centro-americano, ricco di consigli e informazioni. E invita a essere concreti se si vuole vivere ai Caraibi….

Commenta
Lucrezia Cippitelli

Brain Drain. Parola a Lucrezia Cippitelli

Da Roma a Bruxelles: è la traiettoria dell’ennesimo “cervello in fuga” individuato da Neve Mazzoleni per la rubrica “Brain Drain”. Qui vi proponiamo la versione extended dell’intervista pubblicata sul numero 19 di Artribune Magazine….

Commenta
Lavinia Filippi

Brain Drain. Parola a Lavinia Filippi

Partita per amore, Lavinia Filippi lavora come curatrice e visiting professor a Lahore in Pakistan, un Paese sfidante e percepito come pericolosamente coinvolto con il terrorismo internazionale. Eppure lei sta vivendo un’esperienza unica di conoscenza del fermento culturale locale che, come altri Paesi meno coinvolti nel mainstream dell’arte contemporanea, è più aperto a estetiche diverse e alla ricerca. Un’altra italiana di eccellenza che lavora nella cultura con successo….

Commenta
In bicicletta alla Casa Azul, Museo Frida Kalho, Coyoacan, Città del Messico

Brain Drain. Parola a Mercedes Auteri

Museologa e storica dell’arte, Mercedes Autieri è ben nota ai lettori di Artribune e Artribune Magazine. Dal Centro e Sud America, infatti, invia reportage e recensioni. Ora però ci siamo fatti raccontare perché ha abbandonato la Sicilia per attraversare l’oceano, in un viaggio che l’ha portata da Catania a Città del Messico….

Commenta
Luigi Fassi

Da Torino a Graz, passando per mezzo mondo. Parla Luigi Fassi

Ha cominciato a operare a Torino, ma poi ha trascorso periodi di studio e lavoro in varie parti del mondo, da New York alla Finlandia. Approdato all’ar/ge kunst di Bolzano in qualità di direttore artistico, ora è curatore del settore arti visive del festival steirischer herbst di Graz. Intervista con Luigi Fassi….

Commenta
David Reimondo - TEXT, Legno intagliato, acrilico. Prismi di diverse lunghezze che roteano manualmente su tubi in alluminio

David Reimondo ha fatto Terna. Intervista con l’artista vincitore del premio

“In principio era il verbo”. Il nuovo lavoro di David Reimondo riflette sul linguaggio attraverso simboli, grammatiche, fonemi, con installazioni che implicano l’approccio sinestetico del fruitore e pongono l’accento sul senso del nuovo, dell’atto creativo, dell’arte nella nostra contemporaneità. A colloquio con il vincitore del Premio Terna 2013….

Commenta
Doha

Brain Drain. Parola a Jenny Maranca e Federica Zuccarini

Abbiamo scoperto due profili interessantissimi alla corte della Sceicca Al-Mayassa, presso il Qatar Museums Authority. Due giovanissime italiane ricoprono ruoli decisivi nel museo che ospita il progetto “Curate Award” in collaborazione con Fondazione Prada. Due italiane formate nelle università nazionali, espatriate in cerca di opportunità, che dopo pochissimi anni vantano posizioni di rilievo. Una doppia intervista con Jenny Maranca (Head of QMA Gallery Katara) e Federica Zuccarini (PR Coordinator del Qatar Museums Authority)….

Commenta
Roberta Buiani

Brain Drain. Parola a Roberta Buiani

Community artist, consulente di programma del Subtle Technologies Festival e docente di Science and Technology Studies e Science Fiction Studies alla York University. Il tragitto di Roberta Buiani da Bologna a Toronto….

Commenta
Francesco Stocchi - photo Kees Spruijt

Brain Drain. Parola a Francesco Stocchi

Da due anni curatore di successo nel dipartimento di arte moderna e contemporanea del Museo Boijmans van Beuningen di Rotterdam, unico italiano, dove è stato nominato su chiamata per arricchire lo staff di una delle istituzioni di riferimento del Paese. Ancora un talento del nostro sistema dell’arte che ci siamo fatti scappare….

Commenta
Pagina 1 di 3
123