Marcello Rossi

Marcello Rossi

Profile: Nato a Parma nel 1987, Marcello Rossi è laureato in Lettere e Filosofia all'Alma Mater di Bologna con una tesi sul cinema di HG Clouzot. Collabora con diverse testate online qui parma.repubblica, indie-eye e l'intellettuale dissidente. Crede fermamente che l'arte in tutte le sue forma vada scomposta, sezionata, analizzata. Solo così si può riflettere sul suo significato.

Tutti gli articoli di Marcello Rossi

Richard Glatzer & Wash Westmoreland – Still Alice

La terapia del cinema. Still Alice di Richard Glatzer e Wash Westmoreland

Raccontare l’Alzheimer senza scadere in patetismi e pietismi. Ci riesce un film in cui Julianne Moore è in stato di grazie e dove uno dei registi comunica con la troupe tramite iPad….

Commenta
Ridley Scott – Exodus

Quando la Bibbia è un blockbuster. Exodus di Ridley Scott

Dopo “Noah” di Darren Aronofsky, tocca al regista di “Alien” avere a che fare la materia biblica. E anche lui, come il collega statunitense, sceglie la via della fantascienza. Siamo andati a vedere “Exodus” di Ridley Scotto….

Commenta
Stanley Kubrick durante le riprese di Barry Lyndon

Scene come quadri. Barry Lyndon e il senso di Kubrick per l’arte

L’instancabile lavoro retrospettivo portato avanti dalla Cineteca di Bologna, nell’ambito dell’iniziativa “Il Cinema Ritrovato”, offre uno spunto di particolare interesse per tutti i lettori di…

Commenta
Russell Crowe – The Water Diviner

The Water Diviner: l’esordio alla regia dell’ex gladiatore Russell Crowe

Un brano “minore” della storia contemporanea: il ruolo di chi, dall’Australia, combatté la Prima guerra mondiale. È quello che indaga – al suo esordio alla regia – l’ex gladiatore Russell Crowe….

Commenta
Clint Eastwood - American Sniper

L’inutile lezione della guerra: American Sniper di Clint Eastwood

Clint Eastwood torna – dopo la parentesi di “Jersey Boys”, riuscito a metà – a raccontarci uno spaccato d’America. Con un film misurato, lucido, senza cali di tensione. Che racconta dell’assurdità della guerra e delle logiche deliranti che la governano. …

Commenta
Nick Dunne (Ben Affleck) finds himself the chief suspect behind the shocking disappearance of his wife Amy (Rosamund Pike), on their fifth anniversary - Photo Credit: Merrick Morton/Twentieth Century Fox

Gone Girl, ovvero il grado zero della coppia. David Fincher torna in sala con un potente thriller paranoico

Un filmone da due ore e mezza che è una specie di omaggio di David Fincher a se stesso. Per un thriller paranoico che alla fine non si risolve. E non convince appieno….

Commenta
Matthew Warchus, Pride, 2014

Pride, il Full Monty del nuovo millennio

Il drammaturgo Matthew Warchus porta in sala l’era Tatcher. Ma sceglie una prospettiva tutta sua, saldando comunità LGBT e minatori. Con esiti cinematografici non totalmente convincenti….

Commenta
Xavier Dolan-Tadros - Mommy - 1

Mommy di Xavier Dolan. Il caso dell’anno nella Francia del cinema

Ha vinto il Prix du Jury all’ultimo Festival di Cannes ed è stato selezionato per rappresentare il Canada agli Oscar. “Mommy” è diventato un caso cinematografico come in Francia non se ne vedevano dai tempi de “Le invasioni barbariche”….

Commenta
Stephen Daldry – Trash

Un portafogli tra i rifiuti. Stephen Daldry e il suo thriller fra i meninos de rua

La realtà è quella dei “meninos de rua” brasiliani e di una polizia brutale e corrotta. Stephen Daldry ci costruisce intorno un thriller ben costruito. Non all’altezza di un Soderbergh o di un Boyle, ma comunque un film che merita di essere visto….

Commenta
Jean-Luc Godard – Adieu au langage

L’immagine del desiderio. Adieu au langage di Jean-Luc Godard

Film numero 39 del grande regista parigino, ottant’anni a dicembre. E ora Jean-Luc Godard, campione della Nuovelle Vague, invita a dare l’addio al linguaggio. Intrecciando due storie anti-narrative in tre dimensioni….

Commenta
Jean-Pierre & Luc Dardenne – Due giorni, una notte - 3

Per un cinema politico. I fratelli Dardenne tornano in sala con Due giorni, una notte

Giovedì: cinema. Questa settimana siamo andati a vedere per voi l’ultimo dei fratelli Dardenne. Sempre più impegnati, sempre meno retorici. In “Due giorni, una notte” si racconta di una lotta contro il tempo: ma non per salvare la Terra da un meteorite, bensì per riuscire a tenersi il posto di lavoro….

Commenta
Olivier Assayas - Sils Maria

Olivier Assayas e il cinema di Nietzsche. Esce in sala Sils Maria

Se già prima la filmografia di Olivier Assayas – raffinato critico dei Cahiers du Cinema divenuto sceneggiatore e regista dal 1986 – appariva indecifrabile, composta da opere difficili da raggruppare, stilisticamente difformi, che prendono in egual misura da Ingmar Bergman come da Kenneth Anger, da Hou Hsiao-Hsien come dal cinema di Hong Kong; da oggi lo è ancora di più. …

Commenta
Anton Corbijn - La spia. A Most Wanted Man

L’ultimo Philip Seymour Hoffman. In un film di Anton Corbijn

In Italia il giovedì è il giorno in cui escono i film al cinema. E questo si sa. La novità sta nel fatto che ogni giovedì Artribune recensirà una novità per voi. Così saprete cosa andare a vedere. E cosa evitare. Si inizia con due nomi di spessore: Philip Seymour Hoffman e Anton Corbijn….

Commenta
Willem Dafoe interpreta Pasolini nell'omonimo film di Abel Ferrara

Pasolini secondo Abel Ferrara

Esce domani nelle sale l’ultimo film di Abel Ferrara. Presentato alla 71esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia, racconta gli ultimi giorni di Pier…

Commenta