Giuseppe Sedia

Giuseppe Sedia

Profile: Giornalista e reporter freelance nato il 6 luglio 1982 a Montreuil (Francia). Scrive di attualità, politica, cultura e spettacoli. È redattore del ‘Krakow Post’. I suoi articoli dedicati a cinema, videogiochi e arti visive sono apparsi su numerose riviste e web magazine italiani e stranieri (‘Warsaw Business Journal’, ‘Il Manifesto-Alias’, ‘Cafe Babel’, ‘Cineforum’, ‘Exibart’, ‘Film International’, ‘Asia Express’, ‘Sentieri Servaggi’). Attualmente vive in Polonia.

Tutti gli articoli di Giuseppe Sedia

Daniel Spoerri, Hutfedern, 2005 - courtesy Daniel Spoerri, LEVY Galerie, Hamburg

Disordinare la banalità. Daniel Spoerri a Cracovia

MOCAK, Cracovia – fino al 2 aprile 2017. L’imperativo resta dis-ordinare il banale. Daniel Spoerri continua a rimanere fedele a stesso anche nelle sue composizioni più recenti. La retrospettiva cracoviana dimostra come il Re Mida svizzero di origine…

Commenta
Ulma Family Museum of Poles Saving Jews in World War II, Markowa - Courtesy of Slawomir Kasper

Ricordare la storia. Un nuovo museo in Polonia

Lo scorso marzo, a Markowa, nel profondo sud-est della Polonia, ha inaugurato un nuovo museo dedicato a un importante capitolo storico. Una narrazione delle eroiche…

Commenta
La Europe–Far East Gallery del Museum Manggha

Ancora uno spazio per il contemporaneo a Cracovia. È la project room del Manggha Museum, che si inaugura con la superstar Yang Fudong

Il virus japoniste non sembra volersi arrestare a Cracovia. Dopo il Centrum Kongresowe e il museo di Kantor, che sta ospitando una personale di Christian Boltanski, il lungofiume cracoviano può sfoggiare adesso l’ennesimo edificio nuovo. Nessun restyling per il Museo Manggha dell’arte……

Commenta
Alex Urso - Collage, 008 (13x18cm), 2013

Italiani in trasferta. Artista Pasquale De Sensi, curatore Alex Urso: immagini della mostra all’Istituto di Cultura Italiana a Varsavia

Il colpo con la direzione dell’Istituto di Cultura Italiana a Varsavia è arrivato in Zona Cesarini per Alex Urso. Meglio tardi che mai. L’artista e curatore marchigiano è infatti riuscito a convincere in extremis Paola Ciccolella in scadenza di mandato a organizzare……

Commenta
WRO Media Art Biennale

Robotica, tecnologica, sperimentale. Anche la Polonia inaugura la sua Biennale: quella di Breslavia, che alla sedicesima edizione attende 100mila visitatori

La sedicesima edizione potrebbe essere quella buona per la Biennale WRO di Breslavia, che potrebbe sfondare il tetto dei centomila visitatori, record stabilito in occasione della kermesse 2013. A partire dal 13 maggio, saranno oltre 250 artisti con oltre 2mila opere ad……

Commenta
Zdzislaw Beksinski 3

Si farà a Cracovia il museo dedicato a Zdislaw Beksinski. Dopo che mezza Polonia ha rifiutato di esporre le 200 opere dell’artista scomparso nel 2005

A volte lo snobismo intellettuale “ad oltranza” non paga in Polonia. E così che la produzione pittorica e grafica di Zdislaw Beksinski (1929 -2005) ha finalmente trovato una casa a Cracovia, nel quartiere di Nowa Huta, ex-cittadella ideale dell’utopia socialista progettata negli……

Commenta
Karol Radziszewski, Karol i Natalia LL (2011) stampa

La storia dell’arte polacca secondo Karol Radziszewski. Al COCA di Torun, per la cura di Eugenio Viola

COCA, Torun – fino al 25 gennaio 2015. La provincia mette in discussione la gerarchia dei luoghi espositivi. Succede in Polonia, complici Dobrila Denegri ed Eugenio Viola. Per fortuna che Radziszewski non ha paura della densità concettuale nel…

Commenta
Silvia Mei

Italiani in trasferta. Sono in cinquanta ad esporre i propri disegni all’Istituto Italiano di Cultura di Varsavia, assieme ad altrettanti colleghi polacchi: ecco qualche immagine

Nato come progetto itinerante italiano, difficile immaginare che Sto* disegnando!!! non trovasse alla fine altre incarnazioni all’estero. Questa volta tocca a Varsavia, con cento opere grafiche realizzate su commissione. Il format virale ideato da Michael Rotondi non è altro che un invito……

Commenta
Nuovo Museo Kantor, Cracovia

Pronto all’opening a Cracovia il nuovo Museo Tadeusz Kantor. Un edificio-ponte in ferro e cemento armato, per uno dei giganti europei del teatro del Novecento

Con un corso navigato soltanto “a tratti”, e un turismo fluviale assai poco sviluppato, affermare che il potenziale della Vistola non sia mai stato sfruttato a dovere è cosa ovvia e banale. La densità abitativa si fa rilevante soltanto a ridosso di……

Commenta
Mord Ritualny, di Karol de Prevot, il dipinto della discordia

Martirologi, omicidi sacrali, infanticidi. Nella Polonia che si riscopre radicale, l’ultima frattura fra ebrei e cristiani si celebra attorno a un dipinto: prima coperto da una tenda, ora finalmente “liberato”

La pittura antiebraica realizzata su commissione è stata raramente redditizia nella storia dell’arte. Tra i primi ad accorgersene Paolo Uccello che ricevette nel Quattrocento la cifra allora irrisoria di 21 bolognini al mese dalla Confraternita del Corpus Domini per realizzare la splendida……

Commenta
Meris Angioletti (2009) 14 15 92 65 35 89 79 32 38 46 26 43 38 32 79 50 28 84 19 71 69 39 93 75 10 video

La curiosa liaison fra Varsavia e Bergamo. Sulle tracce del patriota Francesco Nullo, il Castello Ujazdowski ospita l’installazione di Meris Angioletti

A volte una commemorazione storica condivisa può anche essere l’occasione per un scambio bilaterale nell’ambito della videoarte. A maggio scorso il GAMeC di Bergamo aveva ospitato The Energy Manifesto! (2003), un saggio di critica audiovisiva realizzato dall’autorevole Józef Robakowski nell’ambito progetto godardiano……

Commenta
Jacek Markiewicz, Adoration of Christ, 1993.jpg

Sesso con un crocifisso a Varsavia. Scandalo al centro d’arte contemporanea diretto da Fabio Cavallucci. Proteste e manifestazioni dei cattolici

Una settimana travagliata quella che ha chiuso la grande collettiva “British British Polish Polish” al Centro d’Arte Contemporanea di Varsavia, accompagnata dalle preghiere di un gruppo di fedeli cattolici nella sala in cui era esposto il video Adoration of Christ (1993) di Jacek Markiewicz, artista cresciuto nella fucina varsaviana……

Commenta
British British Polish Polish - veduta della mostra presso il Castello Ujazdowski, Varsavia 2013 - opere di R. Rumas - photo Gładykowski

Varsavia chiama Londra

Castello Ujazdowski, Varsavia – fino al 15 novembre 2013. I “lunghi Anni Novanta” e oltre sull’asse Varsavia-Londra, fra ritorni alla pittura e polemiche anti-sensazionalismo. Un’occasione preziosa per capire la forza d’urto delle scene artistiche europee più esposte mediaticamente…

Commenta
Mirosław Bałka (foto Włodzimierz Wasyluk)

Mirosław Bałka alla ri(conquista) di Cracovia. Con una raccolta di zerbini. Nuova commissione in patria per l’artista, dopo la crisi per i vandalismi alla sua installazione “Auschwitzwieliczka”

Sembrava tutto compromesso tra Mirosław Bałka (Varsavia, 1958), scultore di punta della nuova generazione polacca, e la città di Cracovia. L’installazione Auschwitzwieliczka (2010) continua infatti ad essere oggetto di atti di vandalismo, anche dopo che è stata spostata a ridosso di una……

Commenta
Europeum - Courtesy of the Muzeum Narodowe, Cracovia

Lavoro in corso ai musei, l’arte la esponiamo nel granaio. Polonia pragmatica: da Lorenzo Lotto a Canova e Thorvaldsen, Cracovia si inventa lo spazio dell’Europeum

In attesa del completamento dell’impegnativo Museo di Kantor sul lungo Vistola, dopo un breve stop ai lavori nel 2012, Cracovia sembra puntare tutto sul riassetto delle strutture museali preesistenti. Nasce così con una forte dose di pragmatismo il progetto Europeum, costato una……

Commenta
Shirin Neshat, Possessed, 2001, video still, video 13', courtesy of Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino

Viaggio in Europa, tappa seconda. Dopo Londra, la Fondazione Sandretto vola in Polonia. Al CoCA di Toruń una mostra che parte da Goya, per rileggere un segmento di collezione

Patrizia Sandretto Re Rebaudengo non ferma il suo tour europeo. Dopo aver accettato l’invito della Whitechapel Gallery a organizzare a Londra un poker di mostre sulla propria racoclta, con durata annuale, la fondazione diretta da Francesco Bonami farà tappa anche in Polonia……

Commenta
Il progetto per il Museo di Arte Moderna di Varsavia di Cristian Keretz

Quel pasticciaccio brutto di piazza Defilad

Che Tadeusz Zielniewicz abbia trovato una posizione più che congeniale al suo terroir accademico alla direzione del Palazzo sull’acqua a Varsavia e delle altre meraviglie…

Commenta
CoCa Znaki Czasu di Toruń

Polonia avanti tutta. Anche con un bicchierino di troppo

Terminata la lunga ricognizione del mondo artistico balcanico, iniziamo a risalire l’Europa centrale. E approdiamo nel Paese più attivo sul fronte del contemporaneo. Almeno nei…

Commenta
La nona ora di Cattelan

“Liberare” Papa Wojtyla dal meteorite di Cattelan? Costa 10mila euro. Condannato in Polonia l’ex eurodeputato che prese d’assalto e danneggiò “La nona ora”

Quanto costa aver liberato le gambe del manichino di cera di Giovanni Paolo II schiacciate dal meteorite dell’installazione La Nona Ora (1999) di Maurizio Cattelan? Circa diecimila euro. Sono trascorsi più di dodici anni e l’ex eurodeputato eletto con l’ultra-conservatrice e dissolta……

Commenta
Un dipinto di Juliusz Krajewski

Nostalgici e vintage-addict, attenzione: il Realismo Socialista non è morto. In Polonia anzi arriva la prima asta dedicata, sulla scia dell’effetto “Good Bye Generale Jaruzelski”

Cosa resterà del Realismo Socialista in Polonia? Snobbate dai collezionisti esterofili e rimaste per troppo tempo appannaggio esclusivo di qualche nostalgico rigattiere di provincia, le opere prodotte negli anni della Repubblica Popolare di Polonia (1952-89) tornano alla ribalta. Tanto che mercoledì 23……

Commenta
Lucas Cranach il Vecchio, Madonna del Pino,1505, olio su tela - Cattedrale di S. Giovanni Battista (Breslavia)

La “Madonna del pino” di Cranach rientra in Polonia. Si spera ancora per il Raffaello che Hitler voleva nel suo Museo. Caccia ai capolavori trafugati

A volte anche le truffe hanno le gambe corte. Al misterioso parroco tedesco Zygfryd Zimmer, a cui era stato affidato il restauro della Madonna del pino (1510), splendida opera giovanile di Lucas Cranach il Vecchio, l’inganno era riuscito, almeno per qualche anno…….

Commenta
Pagina 1 di 2
12