Da Gucci a Serena Williams

34 anni, nera, voce cavernosa e una massa muscolare da far invidia ai colleghi maschi. È Serena Williams. Che, con i suoi settanta chili, ha forme che non ci si aspetterebbe da un’icona della moda. E invece…

Annie Lebowitz fotografa Serena Williams
Annie Lebowitz fotografa Serena Williams

È balzato prepotente sulle passerelle a Milano come a Londra, Parigi e New York soprattutto a causa del successo registrato da Alessandro Michele. Il no gender è diventato il segno stilistico di un designer sconosciuto sino allo scorso anno che, firmando le collezioni di due sole stagioni con Gucci, si è imposto come star assoluta nel fashion system.
In realtà i modelli giovanissimi, magrissimi, bianchissimi che fa sfilare non sono una novità, anzi. Lo sono stati negli Anni Novanta, quando una nuova coolness nella proposizione della figura maschile ha spazzato via l’immagine di corpi palestratissimi ma non necessariamente etero. Intorno a quei muscoli, designer assai diversi tra loro avevano costruito la propria immagine: da Giorgio Armani a Jean Paul Gaultier.
Alessandro Michele di suo ha aggiunto un travestitismo costruito con pezzi dove la differenza tra maschile e femminile è quasi inavvertibile, mentre evidenti sono i riferimenti al baule della nonna. Fenomeni di grande successo mediatico confermano la sua intuizione: fra i tanti, Transparent, la webserie diretta da Jill Soloway aggiudicatasi due Golden Globe.

Ma la vera novità è il suo riflesso speculare: perché, sulla passerelle femminili, il trend che ha dominato l’ultima stagione è costituito dall’innesto tra capi delicatamente sensuali e soluzioni rubate all’abbigliamento tecnico (in qualche caso alla ricerca scientifica).  È naturale chiedersi a quale immagine di donna fa riferimento questa ispirazione: la tendenza è così generalizzata che occorre pensare a qualcosa di davvero pervasivo, e niente è più popolare oggi di un eroe sportivo.
In questa categoria la celebrità è una donna: 34 anni, nera, voce cavernosa e una massa muscolare da far invidia ai colleghi maschi, Serena Williams, con i suoi settanta chili, ha forme che non ci si aspetterebbe da un’icona della moda. Eppure Annie Leibowitz l’ha inserita nel Calendario Pirelli 2016 con un nudo di spalle, evidenziando cosce e glutei che definire superiori alla media è un eufemismo. Sport Illustrated l’ha incoronata atleta dell’anno: sopra ogni altra donna, ma anche sopra ogni altro uomo. In copertina, sta seduta su un trono dorato con tacchi a spillo di vernice e un bustier di pizzo nero.

Serena Williams artista dell'anno per Sport Illustrated
Serena Williams artista dell’anno per Sport Illustrated

Una forzatura? Non proprio: per far esplodere la sua potenza, la Williams utilizza sempre abbigliamenti studiatissimi. Non solo: lo scorso settembre ha presentato, durante la New York Fashion Week, una collezione che porta il suo nome, disegnata apposta per il canale di shopping on line HSN. Il marketing nella moda conta enormemente, ma non è tutto. Il successo di Serena Williams è un segno dei tempi.

Aldo Premoli
saggista e trend forecaster

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #29

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Aldo Premoli
Milanese di nascita, vive tra Catania, Milano, New York e Washington, dove lavorano i suoi figli. Tra il 1980 e il 1982 collabora con le riviste “Belfagor” di Luigi Russo e “Alfabeta” di Nanni Balestrini. Nel 1984 cura l’edizione di “Moda e Musica nei costumi di Sylvano Bussotti”. Giornalista professionista, tra il 1989 e il 2000 dirige periodici specializzati nel settore tessile abbigliamento come “L’Uomo Vogue”, “Vogue Pelle” e “Vogue Tessuti”. Nel 2001 fonda Apstudio, che fornisce consulenze di comunicazione e trend forecasting ad aziende e associazioni industriali italiane e straniere Nel 2013 e 2014 dirige “Tar magazine”, rivista di arte scienza ed etica. Blogger di “Huffington Post Italia” e Global “Risk Insight”, nel 2016 ha pubblicato – insieme all’economista Maurizio Caserta – “Mediterraneo Sicilia Europa. Un modello per l’unità europea” e ha fondato l’Associazione e il Centro Studi sulle migrazioni che porta lo stesso nome.
  • paolocarniti

    Brava, bella e poliedrica!