The Black Cloud. Su nuvole e privacy

Oggi l’esigenza critica verso i media digitali supera l’entusiasmo da Ceo d’altri tempi per verificare le innovazioni prodotte dall’industria digitale. Ci s’interroga sulla trasformazione delle “idee comunicative” (come i social network) in solide aziende multinazionali in lotta fra loro e sempre più intrecciate ai grandi sviluppi e interessi commerciali. Il nerd-hipster/style si trasforma in businessman/pradavestito.

Black Clouds

Si apre lo scontro sulla privacy così come sulla vendita di prodotti digitali in “cloud”. Il cloud (salutato prima come un ulteriore passo verso la smaterializzazione del mercato) si scontra sulla normativa della privacy e sulla pratica disinvolta di molte aziende nell’ingresso nei computer (e relativo prelievo di dati). La password che dobbiamo fornire per scaricare aggiornamenti è davvero al sicuro quando Google e altri network forniscono informazioni alle industrie come ai governi? La conseguenza potrebbe essere il controllo complessivo di enormi quantità di dati. Un elemento del cloud è la pratica dell’affitto/software, con costi alti dato che lo sviluppo dell’immagine richiede una molteplicità di software intrecciati.
Certo, esistono soluzioni legate al mondo scolastico, ma i costi restano. Né i software sono così innovativi come nel passato. Stiamo utilizzando delle varianti già in atto da molti anni e che dovrebbero avere oggi un costo accessibile. Chi controlla il cloud è in grado di chiudere l’accesso di funzioni e di costi. Anni fa in un piccolo centro accadeva che i cortocircuiti della centrale elettrica facessero saltare le lampadine. Si venne a scoprire che il sindaco era parente del negoziante che vendeva le lampadine.

Il Grande Fratello in versione cinematografica
Il Grande Fratello in versione cinematografica

Chi fa saltare i nuovi circuiti digitali? Dalla fine di maggio la vendita dei software Adobe è limitata e spostata sull’affitto in cloud. E ai software venduti (con licenza) non saranno più forniti aggiornamenti. Ma come si è formato il monopolio di Adobe? Come mai fra tanti hacker e clonatori e inventori non si è formata un’alternativa a questo monopolio? La “nuvola nera”, il “black cloud”, può diventare una forma più perfezionata del Big Brother orwelliano. Non si punisce l’infrazione dopo. Si controlla e si coordina prima.

Lorenzo Taiuti
critico di arte e media
docente di architettura – università la sapienza di roma

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #21

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Lorenzo Taiuti
Lorenzo Taiuti ha insegnato corsi su Mass media e Arte e Media presso Academie e Università (Accademia di Belle Arti di Torino e Milano, e Facoltà di Architettura Roma). E’ esperto delle problematiche estetiche dei nuovi media. È autore di video, installazioni e website, collabora con musicisti sperimentali in produzioni audiovisive. Ha collaborato sui temi di arte e media con vari periodici, tra cui "Giornale dell’Arte", "Virus", "Alias"", "Terzocchio", "Linea d'Ombra", "Repubblica", “Juliet”, “Exibart”, “Artribune”, “Arte e Critica”, “Digimag”, “Noema”, “D’Ars”. Ha pubblicato i seguenti testi sulle tematiche dell’arte e i nuovi media: Arte e media. Avanguardia e comunicazione di massa (Costa & Nolan 1996), Corpi Sognanti. L’Arte nell’epoca delle tecnologie digitali (Feltrinelli 2001), Multimedia. L’Incrocio dei linguaggi comunicativi (Meltemi 2005), I linguaggi digitali (per la serie XXI secolo - Enciclopedia Treccani 2010).