Fondazione Pescheria. La stagione 2014-2015

Pensavate fossero finite le nostre panoramiche sui progetti di musei e fondazioni dedicati all’arte contemporanea per la stagione appena iniziata? Eh no, perché ancora mancavano alcune pedine importanti. A partire dalla fondazione pesarese diretta da Ludovico Pratesi.

Giuseppe Gabellone
Giuseppe Gabellone

Dopo la grande mostra di Marco Tirelli, conclusasi da pochi giorni con un finissage in musica a opera di Paolo Tofani e Paolo Tarsi, la stagione 2014/2015 dell’ex Pescheria si inaugura ufficialmente fra due weekend, e precisamente l’11 ottobre, con la mostra Arte italiana oggi. Opere da una collezione privata (fino al 28 novembre): ovvero gli ultimi trent’anni dell’arte nostrana declinata nei media video e fotografico, con opere di Mario Airò, Massimo Bartolini, Francesco Gennari, Giuseppe Gabellone, Daniele Puppi, Grazia Toderi, Stefano Arienti, Giovanni Ozzola e Alessandro Piangiamore. Questo per quanto riguarda il Loggiato, mentre nella Chiesa del Suffragio si comincia lo stesso giorno con Portable Nation (fino al 2 novembre), reenactment del sorprendente Padiglione Maldive all’ultima Biennale di Venezia, con le opere video di Ursula Biemann, Sama Alshaibi, Stefano Cagol, Josephine Starrs & Leon Cmielewski curate da Camilla Boemio. Meno di una settimana dopo, l’8 novembre, la stessa chiesa ospita Shooting, personale del fotografo Rossano Ronci, con nove volti celeberrimi del mondo dello sport (fra gli altri, Valentino Rossi, Filippo Magnini, Dino Zoff) “colti in una dimensione privata e intima”. Infine, per quanto riguarda l’ultimo scorcio del 2014, a inizio dicembre ampio spazio sarà concesso a Luigi Presicce, “che racconta con performance e tableaux vivants misteriosi e suggestivi la dimensione rituale dell’arte, attraverso la messa in scena di installazioni di matrice esoterica e simbolica”. Non mancherà naturalmente il momento performance, previsto per la serata inaugurale, con un’azione dedicata alla Pala di Pesaro di Giovanni Bellini.

Giuseppe Gabellone
Giuseppe Gabellone

La programmazione 2014/2015 è in linea con l’identità culturale che negli ultimi dieci anni ha caratterizzato la Fondazione Pescheria”, sottolinea Ludovico Pratesi. “Una programmazione rivolta verso il sostegno a giovani artisti italiani (da Francesco Gennari a Andrea Nacciariti, da Pietro Ruffo a Giovanni Ozzola),  all’omaggio ad artisti di caratura internazionale (da Tony Cragg a Jan Vercruysse a Candida Hofer), a rivisitazioni e riflessioni su artisti e personalità marchigiane (da Claudio Cintoli a Paolo Icaro a Eliseo Mattiacci) e alla storia della fotografia (da Gabriele Basilico a Luigi Ghirri e Mario Giacomelli)”.
Si ricomincia allora a febbraio 2015 con la serie di solo show incentrate sulla giovane produzione italiana: protagonista sarà Alice Schivardi, classe 1976 e parte della “scuderia” della romana The Gallery Apart. Due mesi dopo, focus invece su un artista del territorio, con il grafico Massimo Dolcini omaggiato ne Lo Sguardo di Massimo. Infine – e siamo già proiettati nell’estate – un nuovo ciclo di mostre legate al ROF: “un artista italiano sceglie alcuni costumi del Rossini Opera Festival e li allestisce insieme alle sue opere”. Ancora il direttore Pratesi: “Come avviene da dieci anni, ogni artista è invitato a realizzare un progetto specifico per gli spazi della fondazione, diversi ma complementari, con la precisa e consapevole volontà di ancorare lo spazio alla città e al territorio in maniera più articolata e profonda, con il coinvolgimento diretto delle altre istituzioni culturali del territorio, come Il Rossini Opera Festival e l’Accademia di Belle Arti di Urbino”. Un rapporto, quello con la città, “che si è sempre mantenuto forte e attivo, ed è naturale e molto positivo il fatto che il nuovo sindaco Matteo Ricci e tutta la sua giunta si siano attivati per incentivarlo ulteriormente”.

Marco Enrico Giacomelli

Pesaro // fino al 28 novembre 2014
Arte italiana oggi. Opere da una collezione privata
a cura di Ludovico Pratesi
Pesaro // fino al 2 novembre 2014
Portable Nation
a cura di Camilla Boemio
FONDAZIONE PESCHERIA
Corso XI settembre 184
0721 387651
[email protected]
www.centroartivisivepescheria.it

CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014). In qualità di traduttore, ha curato testi di Deleuze, Revel, Augé e Bourriaud. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Insegna alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.