Televendita parigina. Videoarte in asta

All’Hôtel Drouot di Parigi, tempio della commercializzazione dell’arte, sono arrivati 159 pezzi di videoarte. Sono prodotti da artisti storici come Stan Brackhage, Fred Forest, Tony Oursler, o da più giovani artisti come Gregory Chatonsky, Frank Ancel o Zenchen Liu. È un problema? L’opinione di Lorenzo Taiuti.

Nam June Paik - Tv Buddha

Il problema della commercializzazione del video era stato sollevato sin dalla sua nascita con le sperimentazioni di Nam June Paik e Wolf Vostell, e si era relativamente risolto con l’inserimento da parte di Vostell di piccoli monitor in tele-installazioni, mentre Paik li collocava in installazioni che indagavano le possibilità segniche e spettacolari del mezzo. Si pensava a un ruolo stabile del video, in quanto frammento “audiovisivo e cinetico”, all’interno dell’apparato espositivo delle arti visive. E invece ora riappare una focalizzazione del video come “videoarte”.
A parte le tante analisi sullo specifico video e sulla sua condizione di confine fra linguaggio e linguaggi, sono le tecnologie stesse a parlare. I video sono presentati in edizione limitatissima e in svariate forme: videotape, dvd, usb key, boxset, e a volte come mini-video-installazioni. La varietà dei supporti rende bene la sua qualità metamorfica e liminale. Ma il centro della notizia resta la commerciabilità dell’oggetto.
L’Hôtel Drouot è luogo carismatico e da lì sono passati Picasso e Hirst. Cosa accadrà alle fragili forme del video? Addio ai Creative Commons? Addio alle videoteche free su Youtube e Vimeo? Una volta che un supporto viene battezzato economicamente dal mercato cambia status, collocazione, senso. Il graffitismo di Banksy ne è un esempio evidente.

Barbara Kruger, We don't need another hero
Barbara Kruger, We don’t need another hero

I prezzi vanno dai 50 ai 500 euro per un video di Barbara Kruger, e alla stessa cifra è quotato il video di Hervé All White Light, venduto in una chiavetta usb con “firma incisa”. Si sale a 1.000-1.500 euro per la cassetta mini-dv di Frank Ancel, mentre si opera di contrasti nel lavoro di Fred Forest: il video di una performance è venduto a tiratura di 120 e al prezzo di un euro l’uno, mentre il dvd “opera unica e originale” realizzato con Portapack Sony nel 1973 è quotato 100-120.000 euro.
Le regole della casa d’aste suonano quasi ironiche quando applicate a un medium simbolo finora di libertà e ricerca senza confini: “La SVV MCA si riserva d’interdire l’accesso alla sala di vendita a tutti i compratori potenziali per giusti motivi”. Si aprono nuovi orizzonti o si chiudono i cancelli di un mercato sempre meno sensibile ai propri prodotti? Come dicevano i vecchi serial televisivi degli Anni Cinquanta: “Only Time Will Tell”.

Lorenzo Taiuti
critico di arte e media
docente di architettura – università la sapienza di roma

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #18

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Lorenzo Taiuti
Lorenzo Taiuti ha insegnato corsi su Mass media e Arte e Media presso Academie e Università (Accademia di Belle Arti di Torino e Milano, e Facoltà di Architettura Roma). E’ esperto delle problematiche estetiche dei nuovi media. È autore di video, installazioni e website, collabora con musicisti sperimentali in produzioni audiovisive. Ha collaborato sui temi di arte e media con vari periodici, tra cui "Giornale dell’Arte", "Virus", "Alias"", "Terzocchio", "Linea d'Ombra", "Repubblica", “Juliet”, “Exibart”, “Artribune”, “Arte e Critica”, “Digimag”, “Noema”, “D’Ars”. Ha pubblicato i seguenti testi sulle tematiche dell’arte e i nuovi media: Arte e media. Avanguardia e comunicazione di massa (Costa & Nolan 1996), Corpi Sognanti. L’Arte nell’epoca delle tecnologie digitali (Feltrinelli 2001), Multimedia. L’Incrocio dei linguaggi comunicativi (Meltemi 2005), I linguaggi digitali (per la serie XXI secolo - Enciclopedia Treccani 2010).