Pompei, autoritratto italico

È l’icona del nostro passato e di come non siamo in grado di gestire il nostro presente, figuriamoci il nostro futuro. Così Pompei rischia di non essere più uno dei patrimoni dell’Unesco. Può essere utile una disfatta del genere?

Pompei

Pompei è l’autoritratto più efficace dell’identità collettiva italiana in questo momento: è lo specchio del nostro degrado, che riflette fedelmente quanto poco ci vogliamo bene. Ciò che potrebbe servire di più sarebbe forse proprio l’attuazione della (ventilata) procedura di cancellazione di Pompei dalla lista dei siti Unesco. Sarebbe uno shock salutare, l’occasione per rendersi finalmente e integralmente conto della gravità della situazione: un Paese che non riesce a garantire la minima conservazione, protezione e manutenzione del patrimonio ereditato dal proprio passato è un Paese che sta realmente mettendo in discussione il proprio futuro. Che si sta condannando all’impermanenza.
Riguardo al salvataggio di Pompei e degli altri (innumerevoli) siti archeologici in pericolo – così come di musei, biblioteche, cineteche ecc.: quest’anno per esempio ricorre il 50esimo anniversario di 8 e ½ di Fellini, uno dei film più importanti del cinema italiano (se non il più importante), e non è possibile celebrarlo degnamente perché in tutta la Penisola non esiste una sola copia proiettabile – occorre uscire finalmente dalla finta opposizione pubblico vs. privato: la gestione statale deve essere improntata a regole certe e metodologie aggiornate (siamo sempre convinti di dover essere originali “a tutti i costi”, di dover trovare soluzioni pazzesche impiegando magari il solito “genio italico”, quando basterebbe almeno per il momento seguire e adeguare i migliori esempi esteri?), affidata a professionalità accertate e non improvvisate; l’intervento dei privati deve avvenire entro una cornice in cui la giusta visibilità non può in nessun caso ledere il carattere “comune” del bene, né attraverso interventi (ad esempio restauri) troppo invasivi, né attraverso l’alterazione radicale delle modalità di fruizione del bene stesso.

Pompei, depositi
Pompei, depositi

Il problema è che da troppo tempo l’Italia è di fatto priva di una seria politica culturale (o, se è per questo, di un’idea coerente delle politiche culturali così come si configurano nel secondo decennio del XXI secolo). Le sfide che la crisi ci impone – che non possiamo eludere e che solo con la cultura possono essere realmente affrontate – richiederebbero infatti un grado molto alto di competenza, concretezza, sensibilità e perfino “gusto” da parte dei decisori e dei policy-makers a ogni livello (nazionale, regionale, comunale). Mi pare invece che le nostre strategie in campo culturale ancora oggi si presentino piuttosto come non-strategie, improntate a quella “cultura dell’emergenza” che rappresenta da anni e decenni uno dei nostri principali mali nazionali, e che porta con sé improvvisazione e approssimazione. Quasi mai si assiste a politiche complesse e articolate, in grado di incrociare per esempio in maniera virtuosa e feconda i territori “tematici”: patrimonio storico-artistico, produzione culturale contemporanea, innovazione, industrie culturali e creative. Nella maggior parte dei casi, siamo ancora invece al “marketing territoriale” declinato in varie salse: qualcosa che altrove è stato abbandonato da molto tempo.
Come ha detto di recente Giorgio Agamben, “gli europei incontrano sempre la verità nel dialogo con il proprio passato. Per noi il passato non significa solo un’eredità o una tradizione culturale, ma una condizione antropologica di fondo. Se ignorassimo la nostra storia potremmo solo penetrare nel nostro passato in maniera archeologica. Il passato diventerebbe per noi una forma di vita distinta. L’Europa ha una relazione speciale con le sue città, i suoi tesori artistici, i suoi paesaggi. In questo consiste l’Europa. E in questo risiede la sua sopravvivenza”.

Pink Floyd, Live at Pompei (1972)
Pink Floyd, Live at Pompei (1972)

Occorre dunque evitare che il passato, materiale e immateriale, sociale e culturale, diventi “per noi una forma di vita distinta”. Se questo famoso patrimonio non serve e non servirà – come è avvenuto in altre epoche della nostra vicenda – a ridefinire attivamente noi stessi, a riconfigurare la nostra identità, a costruire la memoria di chi siamo stati e soprattutto di chi potremo essere, ma se invece esso serve solo a trasformarci definitivamente nei custodi mesti delle tombe di famiglia, che coltivano l’illusione altrettanto mesta che l’operazione di “estrazione” degli spiccioli dalle tasche dei turisti sia in grado – da sola! – di invertire la rotta di un declino iniziato non cinque, ma cinquecento anni fa, beh, allora credo che accompagnare e persino incentivare il degrado e la rovina di questo patrimonio (senza più funzione, senza più dignità, senza più decoro, senza più serietà: senza più vita) possa rivelarsi un’idea tutto sommato sana. E soprattutto onesta. “Già per troppo tempo l’Italia è stata un mercato di rigattieri. Noi vogliamo liberarla dagli innumerevoli musei che la coprono tutta di cimiteri” (Filippo Tommaso Marinetti, Manifesto del Futurismo, 1909).

Christian Caliandro

http://www.lavoroculturale.org/la-crisi-perpetua-come-strumento-di-potere-conversazione-con-giorgio-agamben/

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #16

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Christian Caliandro
Christian Caliandro (1979), storico dell’arte contemporanea, studioso di storia culturale ed esperto di politiche culturali, insegna storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia. È membro del comitato scientifico di Symbola Fondazione per le Qualità italiane. Ha pubblicato “La trasformazione delle immagini. L’inizio del postmoderno tra arte, cinema e teoria, 1977-’83” (Mondadori Electa 2008), “Italia Reloaded. Ripartire con la cultura” (Il Mulino 2011, con Pier Luigi Sacco) e “Italia Revolution. Rinascere con la cultura” (Bompiani 2013). Cura su “Artribune” le rubriche inpratica e cinema; collabora inoltre regolarmente con “La Gazzetta del Mezzogiorno”, “minimaetmoralia”, “che-Fare”. Ha curato mostre personali e collettive, tra cui: “The Idea of Realism // L’idea del realismo” (2013, con Carl D’Alvia), “Concrete Ghost // Fantasma concreto” (2014), entrambe parte del progetto “Cinque Mostre” presso l’American Academy in Rome; “Amalassunta Collaudi. Dieci artisti e Licini” presso la Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini” di Ascoli Piceno (2014); “Sironi-Burri: un dialogo italiano (1940-1958)” presso lo spazio CUBO (Centro Unipol Bologna, 2015); “RIFTS_Abate, Angelini, Veres” (Artcore, Bari 2015); “Opera Viva Barriera di Milano” (Torino 2016); “La prima notte di quiete” (i7-ArtVerona, 2016).
  • Tutte cose giustissime. Ma il vero patrimonio, il vero crollo, è nella testa di ognuno di noi. La vera sfida è fare a meno di Pompei, come se avere Pompei tirato a lucido risolvesse le cose. E quindi il vero ambito dove fare la rivoluzione e cambiare le cose è l’ambito locale, micro, quotidiano. Non certo quello globale con la retorica stanca e fallimentare del Terzo Paradiso.

  • angelov

    Ho visto citato il famoso film di Fellini, e riguardo a Pompei vorrei consigliare di rivedere, o almeno ricordare, il film bellissimo di Rossellini: Viaggio in Italia, dove una scena molto toccante del film è quella del rinvenimento di una figura imprigionata nella lava.
    Un capolavoro da 5 stelle (di critica)…

  • Pingback: Pompei, perenne figuraccia italica: forse era meglio prima del 1748… |()