Obiettivo fotomania

Gadget e oggetti curiosi per gli amanti della fotografia. Da usare, indossare e persino mangiare. Dai cuscini a forma di obiettivo alle fotografie di Instagram stampate su morbide caramelle, ecco come la mania dello scatto incontra il product design.

Camera Lens Cup

METTI A FUOCO IL CAFFÈ
Sembra un costoso obiettivo, con tanto di zoom, ma è in realtà una comoda tazza da viaggio. Il coperchio, poi, può essere utilizzato per contenere snack o biscotti. La Camera Lens Cup, divertente ed elegante, è uno dei gadget più popolari su Internet.
www.red5.co.uk

Shuttr
Shuttr

SCATTI A DISTANZA
Più aumenta la qualità degli obiettivi e dei software inclusi negli smartphone, meno si sente il bisogno di portare con sé una macchina fotografica. Ci sono momenti, però, in cui tenere il telefono in mano e contemporaneamente premere il pulsante risulta impossibile. Per questo c’è Shuttr, il telecomando per scattare a distanza.
www.photojojo.com

Polaroll
Polaroll

STAMPA IGIENICA
Mentre la Polaroid si mette al passo con i tempi lanciando la Socialmatic Camera, una macchina fotografica che scatta le foto, le stampa e le condivide sui social network, lo studio di design Doiy prende a prestito la sua versione vintage per farne un accessorio da bagno. Si chiama Polaroll ed eroga carta igienica.
www.doiydesign.com

Lens Bracelets
Lens Bracelets

LENTI PER LA PELLE
I Lens Bracelets sono stati inventati nel 2010 dal fotografo Adam Elmakias, che li usava come originali biglietti da visita. Con il passare dei mesi, tuttavia, la loro popolarità crebbe a tal punto da spingere Elmakias ad aprire uno store online, dove tuttora ne vende di ogni foggia e misura.
www.lensbracelet.com

SaltyandSweet
SaltyandSweet

CAMERE MOBILI
L’ispirazione è inconfondibile, sono i celebri mobile di Alexander Calder. Il tema però è esclusivamente fotografico: ai bracci sono appese silhouette in carta che riproducono cinque diverse macchinette vintage. Le decorazioni sono fatte a mano negli States dall’utente di Etsy SaltyandSweet.
www.saltyandsweetdesign.com

Photopoly
Photopoly

GIOCHIAMO A PHOTOPOLY?
Tutti conoscono il Monopoli, il gioco da tavolo più famoso del mondo. Ora ne esiste una versione “fotografica”, che permette di personalizzare tutte le tappe sul tabellone utilizzando la propria personale collezione di fotografie. Basta armarsi di forbici, colla, dadi e… via!
www.amazon.com

Camera USB Drive
Camera USB Drive

UN MICRO OBIETTIVO GIGA(NTE)
Una pen drive da 4 oppure 8 Gigabyte si nasconde in questa micro riproduzione di una macchina fotografica Nikon. Comoda e divertente, la Camera USB Drive è composta da un tappo-corpo e da una pennetta-obiettivo. Per trasferire con stile i vostri scatti da un computer all’altro.
www.photojojo.com

Boomf
Boomf

ISTANTANEE DELIZIOSE
Instagram è uno dei social network più utilizzati per la condivisione delle immagini. Collegando il proprio account al sito di Boomf è oggi possibile stampare le proprie fotografie direttamente sulla superficie di deliziosi marshmallows. Per gustare, letteralmente, i propri momenti più belli.
www.boomf.com

Nanoblock Digital Camera
Nanoblock Digital Camera

MATTONCINI ALLA RISCOSSA
Sembra (ed è) un giocattolo, ma questa minimacchina costruita con i mattoncini Lego scatta fotografie vere e gira anche brevi video. La Nanoblock Digital Camera può vantare una risoluzione di 2 Megapixel e 16 Gigabyte di memoria. Inoltre, contiene 28 mattoncini extra, per dare all’oggetto qualsiasi forma si desideri.
www.fourcornerstore.com

Camera Lens Pillows
Camera Lens Pillows

FOTO-COCCOLE
Siete dei veri feticisti dell’obiettivo? Portate la vostra macchina fotografica ovunque, persino nel letto? Allora i Camera Lens Pillows sono l’accessorio d’arredamento che fa per voi. Tanti diversi cuscinoni a forma di obiettivo, tutti da abbracciare.
www.plushtography.com

Valentina Tanni

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #17

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Dal 2011 collabora con Artribune.