La Grande Bellezza. Percezioni & proiezioni dell’Italia (III)

Seconda parte del saggio di Christian Caliandro su “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino. Specchio – più o meno deformato, più o meno deformante – di una Italia che si riscopre dannunziana…

La Grande Bellezza a Villa Medici

Roma capitale /
Sei ripugnante /
Non ti sopporto più
Teatro degli Orrori, rivendico
(da Il mondo nuovo, 2012)

Bisogna fare la propria vita, come si fa un’opera d’arte.
Bisogna che la vita d’un uomo d’intelletto sia opera di lui.
La superiorità vera è tutta qui.
Il padre di Andrea Sperelli ne
Il piacere (Gabriele D’Annunzio, 1889)

Tutta questa gente non sa fare niente
La grande bellezza

III. DANNUNZIANESIMO DI RITORNO
Fondamentalmente, Jep Gambardella è un dandy: come il barone Des Esseintes di Huysmans, come il Dorian Gray di Wilde. E, soprattutto, come l’Andrea Sperelli del Piacere (1889).
Gabriele D’Annunzio è una delle radici narrative e stilistiche (nascoste, rimosse) de La grande bellezza – un altro degli elementi oscurato continuamente dal riferimento unico a Fellini. Eppure, questo è molto strano, dal momento che La dolce vita stessa era un film dannunziano, imbevuto di dannunzianesimo e di decadentismo: era, anzi, la riproposizione in chiave dopoguerra e boom di una sensibilità tipicamente europea e italiana fin de siècle.
Al pari di Sperelli, Jep si aggira per una Roma elegante e decadente, sperperando la sua esistenza tra inviti galanti ed eventi mondani. La Capitale e i suoi monumenti, le sue strade, i suoi palazzi, i suoi salotti e le sue opere d’arte fanno da sfondo a una vita che è un eterno ritorno, la ricerca continua e continuamente frustrata di una felicità fuggevole e inafferrabile (incarnata dalla figura Elena), di un senso aristocratico della raffinatezza e del gusto: “L’anno moriva, assai dolcemente. Il sole di San Silvestro spandeva non so che tepor velato, mollissimo, aureo, quasi primaverile, nel ciel di Roma. Tutte le vie erano popolose come nelle domeniche di maggio. Su la Piazza Barberini, su la Piazza di Spagna una moltitudine di vetture passava in corsa traversando; e dalle due piazze il romorìo confuso e continuo, salendo alla Trinità de’ Monti, alla via Sistina, giungeva fin nelle stanze del palazzo Zuccari, attenuato”; “Egli era per così dire tutto impregnato d’arte […]. Dal padre appunto ebbe il culto delle cose d’arte, il culto spassionato della bellezza, il paradossale disprezzo de’ pregiudizi, l’avidità del piacere. […] fin dal principio egli fu prodigo di sé; poiché la grande forza sensitiva, ond’egli era dotato, non si stancava mai di fornire tesori alle sue prodigalità. Ma l’espansione di quella forza era in la distruzione di un’altra forza, della forza morale che il padre stesso non aveva ritegno a reprimere”.
D’altra parte, l’aspetto ‘neodecadentista’ de La dolce vita e dell’intero approccio stilistico felliniano era stato colto acutamente da Pasolini in un lungo articolo del 1960: “Siamo dunque di fronte a un prodotto che potremmo chiamare […] neodecadentismo se la letteratura impegnata, e nella fattispecie il neorealismo cinematografico, contassero tanto da rendere vecchio, superato, il decadentismo storico, così da dover ricorrere all’ormai rituale proclitica rinnovante. […] dichiaro a tutte lettere che l’opera di Fellini segna e codifica il ritorno, energico, di un gusto e di una ideologia stilistica che hanno caratterizzato la letteratura europea del decadentismo, da Baudelaire, diciamo, alla Nouvelle Vague (che è reazionaria)” (La dolce vita: per me si tratta di un film cattolico, “Il Reporter”, 23 febbraio 1960, poi in Saggi sulla letteratura e sull’arte, vol. II, Mondadori 1999, pp. 2274-2275).

Gabriele D'Annunzio a Fiume
Gabriele D’Annunzio a Fiume

Questa insistenza serve anche a riflettere su quella che Giulio Bollati, ne L’Italiano, definì la ‘bolla’ dannunziana. L’immaginario collettivo italiano, fin dalle sue origini postunitarie (e, molto probabilmente, fin da secoli addietro…) ha una spiccata tendenza a costruirsi bolle finzionali in cui rinchiudersi e adagiarsi comodamente, allontanandosi dalla realtà e dallo sguardo su di essa (un processo che coincide sempre con l’affidamento a un’identità collettiva immaginaria e fabbricata altrove: il mondo fatato che è l’altra faccia della classe di Cuore, che si tramuterà decenni dopo in un’antichità di cartapesta e nello Strapaese delle olografie, ecc.): se, per dire, in Francia il naturalismo di Zola e il postnaturalismo di Maupassant e Huysmans sono sì componenti rivelatrici del contesto storico a cui appartengono, ma come componenti critiche, come funzioni perturbanti dell’intero dispositivo, qui da noi tradizionalmente l’immaginario culturale è il dispositivo. È, come osserva acutamente Bollati stesso, un “grembo materno” – ed è piuttosto difficile rintracciare una metafora più indicata a tradurre la condizione italiana nella storia culturale degli ultimi secoli: impermeabile alle influenze e agli stimoli esterni, autoconclusa. È una gigantesca nebulosa spazio-temporale, che si sorregge su alcune direttrici fondamentali, e che espelle da sé automaticamente e autoritariamente la critica, il “fuori”.
Partendo da questo punto, è possibile riconoscere tutta una serie, una sequenza di queste nebulose, di queste bolle; esaminarne cioè l’intera genealogia: “Vorremmo ora attirare l’attenzione, nella stessa linea di interesse, sulla nebulosa D’Annunzio perché nessun’altra teoria dell’epoca o somma e combinazione di teorie può competere con essa in fatto di compiutezza e di efficacia mitologico-pratica. Questi addensamenti di materiali sovrastrutturali della più varia provenienza e qualità, fusi insieme a formare costellazioni del vivere individuale e collettivo, si susseguono regolarmente a partire dall’Unità. Alla carducciana (per definirla provvisoriamente), tiene ora dietro la dannunziana, cui seguirà la fascista e, forse, il conglomerato ‘cristiano’ del secondo dopoguerra; e c’è da chiedersi se non sia da cercare in questa direzione un tipo ideologico modulare, funzionale e necessario al particolare sviluppo italiano; tipo che potremmo definire formalmente a ‘grembo materno’, per indicarne il carattere isolante, protettivo, totalizzante e, all’occorrenza, autoritario” (L’Italiano. Il carattere nazionale come storia e come invenzione, Einaudi 2011, pp. 172-173).

Toni Servillo ne La grande bellezza (Paolo Sorrentino 2013)
Toni Servillo ne La grande bellezza (Paolo Sorrentino 2013)

È possibile dunque immaginare LGB come il fulcro della nuova bolla in cui l’Italia e l’italiani stanno penetrando? Invece di uscire dal pozzo profondo in cui siamo sprofondati circa trent’anni fa, invece di costruire il nostro ‘fuori’ attuale (speculare e analogo a quello del secondo dopoguerra: e, come allora, questo fuori dovrebbe coincidere con un’identità culturale e con una narrazione collettiva radicalmente riconfigurata), in qualche modo è come se stessimo scavando all’interno di quel pozzo un ulteriore cunicolo percettivo, che ci metta al riparo dagli eventi. Più sofisticato, più raffinato e al tempo stesso più desolante del precedente: imbottito di nostalgia, di retorica autocelebrativa, di autocommiserazione e di consolazione. Foderato di autoassoluzione.
La strategia ultima è ancora e sempre quella di aggirare l’elaborazione dei traumi, l’esperienza del fallimento, per offrire a se stessi e agli altri l’ennesima rappresentazione del dolore, del lutto, della sofferenza. (Come scrive Walter Siti: “Se mio padre muore, subito divento uno spettatore di una ‘morte del padre’”.) Purtroppo, rischia di essere il contrario di ciò che servirebbe davvero in questo momento: un mutamento radicale del punto di vista sulla realtà, che metta al centro l’oscurità vissuta e non presunta.

Christian Caliandro

CONDIVIDI
Christian Caliandro
Christian Caliandro (1979), storico dell’arte contemporanea, studioso di storia culturale ed esperto di politiche culturali, insegna storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia. È membro del comitato scientifico di Symbola Fondazione per le Qualità italiane. Ha pubblicato “La trasformazione delle immagini. L’inizio del postmoderno tra arte, cinema e teoria, 1977-’83” (Mondadori Electa 2008), “Italia Reloaded. Ripartire con la cultura” (Il Mulino 2011, con Pier Luigi Sacco) e “Italia Revolution. Rinascere con la cultura” (Bompiani 2013). Cura su “Artribune” le rubriche inpratica e cinema; collabora inoltre regolarmente con “La Gazzetta del Mezzogiorno”, “minimaetmoralia”, “che-Fare”. Ha curato mostre personali e collettive, tra cui: “The Idea of Realism // L’idea del realismo” (2013, con Carl D’Alvia), “Concrete Ghost // Fantasma concreto” (2014), entrambe parte del progetto “Cinque Mostre” presso l’American Academy in Rome; “Amalassunta Collaudi. Dieci artisti e Licini” presso la Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini” di Ascoli Piceno (2014); “Sironi-Burri: un dialogo italiano (1940-1958)” presso lo spazio CUBO (Centro Unipol Bologna, 2015); “RIFTS_Abate, Angelini, Veres” (Artcore, Bari 2015); “Opera Viva Barriera di Milano” (Torino 2016); “La prima notte di quiete” (i7-ArtVerona, 2016).
  • Provo ad elaborare un punto di vista diverso della LGB: ma siamo così sicuri che Jep rappresenta colui che ha rinunciato a scrivere libri preferendo la mondanità? Non può invece essere colui che di fronte a scrittori (artisti in generale) che fanno opere sostanzialmente inutili lui non vuole essere tra quelli. Onestamente ritiene di non aver niente da dire e non dice/scrive nulla. Diventa così un grande esempio di deontologia professionale. Un grande uomo, di cui se ne sente tanto il bisogno. La prova è quando chiede all’artista perché fa la sua opera, ma, insistendo per andare al nocciolo della questione, non ottiene mai una risposta soddisfacente.
    Questa interpretazione può essere estesa al regista che ha vinto l’oscar, cioè che è stato inserito a pieno titolo nel sistema artistico che sembra criticare. Ma se così è, Sorrentino non dovrebbe, come Jep dopo il suo primo libro, smettere di fare film per tirarsi fuori dal sistema che descrive negativamente? Questo sarebbe il vero oscar

    • attilio

      Sono osservazioni appropriate. Su questo aspetto condivisibili Naturalmente non pretendono -credo- di parlare di ‘tutto’ il film o di esaurirlo in tutte le sue (a volte volutamente contraddittorie) facce.

    • lgg

      La proposta del tuo “diverso punto di vista” sarebbe anche interessante, se non fosse contraddetta dal soliloquio d’apertura di Jep ma, d’altro canto, nel dandismo c’è anche proprio questa dimensione che tu suggerisci.