Casa, folle casa

La gestione dell’igiene casalinga e personale può essere faticosa, si sa. Ma il design ci può aiutare a rendere il tutto un po’ meno seccante. Eccovi una selezione di accessori utili (e meno utili) per una dimora a prova di noia.

La tazza di Mutt-Duchamp

SCOPE RADIOTELECOMANDATE
Fare le pulizie giocando. Con la Remote radio control cleaning brush, progettata dal marchio giapponese Kyosho, da oggi si può. Per una trentina di dollari potete infatti portarvi a casa uno spazzolone controllabile via joystick. E chissà che anche i bambini non si mettano al lavoro.
www.japantrendshop.com

Punching Bag Laudry Bag
Punching Bag Laudry Bag

LO SPORCO? VA AL TAPPETO
Fare il bucato può essere considerato allenamento? Molte casalinghe giurerebbero di sì. E allora perché non sottolineare questa realtà infilando i panni sporchi in un capiente sacco da boxe? L’acquisto giusto si chiama Punching Bag Laudry Bag e sta bene perfino in salotto.
www.perpetualkid.com

La tenda da doccia per Youtube celebrities
La tenda da doccia per Youtube celebrities

CANTANDO SOTTO LA DOCCIA
Per tutte le aspiranti Youtube celebrities. Con questa tenda da doccia si possono mettere a frutto le performance canore mattutine, allenandosi per un futuro da superstar della Rete. Non dimenticate il microfono di spugna!
www.meninos.us

Dentifricio del nichilista
Dentifricio del nichilista

IL DENTIFRICIO NICHILISTA
Non ha odore né sapore, e nemmeno l’ombra di un colore. La confezione è minimale e persino funerea. È il “dentifricio del nichilista”. Per l’uomo che non crede proprio a niente, tantomeno all’igiene dentale.
www.mcphee.com

Piega t-shirt
Piega t-shirt

PIEGATURE IMPECCABILI
Sheldon Cooper, protagonista supergeek della serie The Big Bang Theory, usa questo accessorio a ogni bucato. A cosa serve? A piegare le vostre t-shirt in un attimo e con geometrica precisione. Indispensabile per tutti i precisetti.
www.suck.uk.com

Federa-quaderno
Federa-quaderno

A LETTO CON LE MATITE
Un post-it sul frigorifero? Decisamente banale. Con queste federe-quaderno potete scrivere e disegnare direttamente sui cuscini del lettone. Ideale per messaggi d’amore o come lavagna serale per bimbi molto creativi. Una volta lavata, la federa torna bianchissima.
www.amazon.com

Facebook Like Oven Mitt
Facebook Like Oven Mitt

I LIKE… COOKING
Il simbolo del like, reso celebre dai social network, è ormai internazionale. Il Facebook Like Oven Mitt, divertente guanto da forno, lo riporta nel mondo fisico della cucina. D’obbligo, poi, la condivisione delle foto della cena con tutti i vostri contatti.
www.yeople.com

Fred&Friends, magnete per lavastoviglie
Fred&Friends, magnete per lavastoviglie

NON APRITE QUELLO SPORTELLO
Quando la lavastoviglie è chiusa è difficile ricordarsi se contiene piatti puliti o un carico di puzzolenti stoviglie del giorno prima. Per evitare brutte sorprese, soprattutto il mattino, possiamo usare il cartello double-face, dotato di magnete, progettato da Fred&Friends.
www.fredandfriends.com

Toilet Paper Man
Toilet Paper Man

CARTA DA SCEICCHI
Non è propriamente un “consiglio per gli acquisti”, questo. Più una segnalazione. Sul sito australiano Toilet Paper Man è in vendita il rotolo di carta igienica più costoso del mondo. Oltre un milione di dollari per un rotolo in foglia d’oro 22 carati. Per di dietro esigenti.
www.toiletpaper.com.au

La tazza di Mutt-Duchamp
La tazza di Mutt-Duchamp

WATER DUCHAMPIANI
Perché non arricchire il bagno con la firma di un grande artista? Con l’adesivo “R. Mutt” il vostro water si trasformerà in un capolavoro dadaista. Se vi sentite un po’ avanguardisti, questa è un’idea che fa per voi. Garantisce Duchamp.
www.atypyk.com

Valentina Tanni

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #16

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Dal 2011 collabora con Artribune.