Laboratorio Termini

La stazione è un hub per eccellenza. Luogo di incontro e di smistamento. Di partenze e di arrivi, e soprattutto di diversità. Con le criticità annesse. Questo anche nella Città Eterna. Succede, ad esempio, che a Termini ci si imbatta in Luiss Enlabs.

Luiss Enlabs

Se si costeggia la stazione lungo via Giolitti, fino al civico 34, si sente il respiro del grande organismo della Termini. Entrati, si sale al primo piano. Una infinita prospettiva di archi di travertino, progettata da Angiolo Mazzoni, da togliere occhi e fiato, introduce una passeggiata di altri cento metri, fino a un luogo di luce, vetri e serenità: è uno stupore pazzesco entrare dentro il Luiss Enlabs. Un incubatore nato in casa, per testardaggine di Luigi Cappello, che oggi occupa 2mila mq di Termini con un centinaio di ragazzi e le loro start-up.
Aperto ad aprile, è già un crocevia del sistema dell’innovazione mondiale, grazie anche al plus della sua posizione: Roma. Che per coreani e americani rappresenta la Storia. Immaginate per uno della Microsoft o di Samsung proporgli di venire a fare un viaggio di lavoro, vero, in Italia. Il fatto che stia a Roma toglie anche il pregiudizio che sia una città solo storica e poco innovativa.

Luigi Capello
Luigi Capello

All’ingresso, un grande cartello spiega il contesto: “Cortesemente, la pregherei di darmi del TU“. Lo spazio è diviso in cubi di vetro. Coworking, nuove imprese, maker digitali, pensatori, studenti. Aperto h24. Densità, energia, diversità. Come dice l’altro ispiratore del progetto, Pierluigi Celli, “se il lavoro non c’è, bisogna crearlo. Noi vogliamo dare corso alle idee coraggiose“. Dopo solo due mesi dall’apertura, lo spazio è pronto a raddoppiare per la grande quantità di richieste che vanno dal digital puro al settore moda, dai beni artistici al turismo. Tante idee che cercano di crescere in ambienti favorevoli.
L’innovazione deve essere quotidiana per essere contagiosa. Un progetto che unisce formazione, business, visione e recupero di luoghi abbandonati, con una riconversione. Un altro esempio pratico che anche il sistema arte dovrebbe considerare.

Cristiano Seganfreddo
direttore del progetto marzotto e di fuoribiennale
docente di estetica in design della moda – politecnico di milano

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #13/14

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

  • Federica

    Ma esattamente… cosa fanno qui? Dall’articolo non si capisce…

    • Martina

      Volevo scrivere la stessa cosa, non si capisce cosa fanno, come si accede, a chi è permesso partecipare… L’ABC del giornalismo…

    • Fabrizio

      LUISS EnLabs e’ un incubatore ed acceleratore di Startup. Lo scopo e’ aiutare startup facendole diventare imprese di successo. Vengono messi a disposizione soldi ai progetti selezionati da un fondo e dato supporto di advisor e mentor esperti. Inoltre viene fornito supporto logistico tramite spazio di coworking.

      Sito: http://www.luissenlabs.com

      Per la brochure: http://www.luissenlabs.com/files/brochure_enlabs.pdf