Food Addicted

Sul confine tra passione e lavoro, i blog di food design mietono vittime a suon di follower. Abbiamo indagato su come nascono, si alimentano e si diffondono. Qui vi raccontiamo il caso di Gnam Box.

Gnam Box

I blog di food design sono un fenomeno piuttosto recente nella storia della Rete: nati tra il 2005 e il 2006, si sono moltiplicati velocemente e, soprattutto in questo periodo di grande attenzione mediatica nei confronti del cibo, sono in costante crescita. Instagram e Foodspotting non sono stati sufficienti a frenarne l’ascesa, perché il blog stringe un particolare rapporto di fiducia con i propri follower.
La grande distinzione tra un semplice blog di food e un blog di food design risiede nella ricerca materica, nell’estetica formale e non solo: “Un blog di food design deve comprendere anche la progettazione, la cultura e l’innovazione degli atti alimentari”, sottolinea Francesca Giambarini, dalla cui ricerca Food blogger abbiamo tratto i dati che troverete più avanti. Il food design, infatti, nato come ramo del design industriale, si occupa della progettazione del cibo e di tutti i fattori a esso collegati, a partire dalla scelta di alimenti, fino alla forma della pietanza, comprendendo gli aspetti sociologici e i riti strettamente legati alla consumazione del cibo.
La consacrazione per i food designer è arrivata recentemente con la mostra Progetto Cibo, la forma del gusto, curata da Beppe Finessi al Mart di Rovereto, che ha indagato ogni singola espressione e sperimentazione compiuta sugli alimenti e sui comportamenti che nascono di conseguenza.

Gnam Box
Gnam Box

Agli esempi edibili dei designer si affianca il lavoro svolto dai blogger in Rete, i quali, oltre a soddisfare una passione personale, hanno come obiettivo diffuso il comunicare e l’entrare in contatto reciproco: nella maggior parte dei casi, il blog viene aperto quasi per svago e soltanto una piccola percentuale riesce a trasformarlo in un lavoro vero e proprio. Merito anche dei follower, che hanno un’età media tra i 18 e i 30 anni (58%), mentre nella fascia tra i 31 e i 40 la percentuale scende al 27%, tra i 41 e i 50 al 13%, fino a scemare al 2% per gli ultracinquantenni. Si tratta di appassionati di cucina, ovviamente, ma con una particolare attenzione per l’aspetto estetico e formale.
Fra tutti i food blog italiani del momento, abbiamo scelto Gnam Box, in food we trust, che in brevissimo tempo ha ottenuto un successo inaspettato. Aperto nel gennaio del 2012 da una coppia di creativi, il designer Riccardo Casiraghi e l’art director Stefano Paleari, per rispondere all’esigenza di “creare qualcosa insieme intorno a una passione comune: il cibo”, Gnam Box è diventato un ricco contenitore non solo di golosità, ma anche di passioni.
Il format del blog si basa su una ricetta semplice, che ricorda il titolo di un vecchio film con Spencer Tracy, Indovina chi viene a cena: ogni settimana, infatti, la cucina di Gnam Box invita un ospite a cucinare la ricetta che più lo rappresenta. Riccardo e Stefano raccontano che “ai fornelli o attorno a un tavolo siamo tutti incredibilmente più stimolati a lasciarci andare, a raccontare di noi stessi, delle nostre storie”. E infatti i loro ospiti, che spesso conoscono il giorno stesso della cena, si rilassano e cucinano come se fossero a casa propria con vecchi amici. Illustratori, designer, musicisti, stilisti, fotografi, blogger e giornalisti: sono numerosi i creativi passati, in un solo anno, dalla cucina di Gnam Box. I padroni di casa ricevono quotidianamente autocandidature, che però scartano regolarmente: “Preferiamo essere noi a selezionare le persone che più ci incuriosiscono e che potrebbero piacere ai nostri follower. Non bisogna dimenticare, infatti, che tutto viene confezionato per un pubblico attento e affezionato, in cerca di ricette, ma con un alto standard qualitativo di aspettativa. Nulla può essere lasciato al caso: la grafica è studiata, le foto sono estremamente curate e l’impiattamento, anche se lasciato alle cure degli ospiti, è appetitoso. Per ricette semplici ma personalizzate, in una cucina accogliente, quella stessa dei food blogger.

Gnam Box
Gnam Box

L’impegno sempre maggiore richiesto dal blog ha visto “costretti” i due fondatori a licenziarsi dai loro rispettivi lavori per dedicarsi esclusivamente alla cucina di Gnam Box: “All’inizio è stato difficile considerare il blog un lavoro, ma alla fine è diventato tale solo quando abbiamo iniziato a considerarlo come un impiego”, raccontano.
Gnam Box è diventata una splendida vetrina che ha catapultato Riccardo e Stefano nel mondo dei food designer. Al momento hanno in cantiere una linea di biancheria di cucina e qualche ottima idea per ampliare la loro community. Nell’attesa di diventare i prossimi ospiti, si può sempre andare sul blog per prendere qualche ricetta per la cena.

Valia Barriello

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #13/14

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Valia Barriello
Valia Barriello, architetto e ricercatrice in design, si laurea nel 2005 presso il Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura, con la tesi "Una rete monumentale invisibile. Milano città d'arte? Sogno Possibile". Inizia l’attività professionale collaborando con diversi studi milanesi di architettura fino a che la passione per gli oggetti quotidiani e il saper fare con mano la spingono verso il design e verso il mare. Inizia così un dottorato in Design presso la facoltà di Architettura di Genova che consegue nel 2011 con la tesi di ricerca "Design Democratico". La stessa passione la porta anche alla scrittura che svolge per diverse testate del settore e all’allestimento e curatela di mostre di design. Porta avanti contestualmente all'attività professionale la ricerca sui temi che ruotano intorno al design democratico all'autoproduzione e all'utilizzo di materiali di scarto. Attualmente lavora presso uno studio milanese, collabora con la NABA come assistente del designer Paolo Ulian e cura la rubrica di design per Artribune.