Artisti innanzitutto

Siamo in pieno periodo Biennale di Venezia. E allora torniamo all’origine, ovverosia agli artisti. Perché, al di là della critica e del sistema, delle riviste e dei musei, dei curatori e delle biennali, sono loro il fulcro dell’arte. Ma di monografie interessanti non è che se ne stampino poi così tante. Qui trovate una selezione di must have.

Matthew Barney - Silvana Editoriale

IN 14 PER BARNEY
Una dozzina di contributi critici, più due conversazioni (con Paolo Fabbri e Omar Calabrese) a proposito rispettivamente della simbologia massonica e del neobarocco. Proprio quest’ultima è una delle tre direttrici seguite da questa monografia curata da Nicola Dusi e Cosetta G. Saba. Le altre due sono il polimorfismo e la multimodalità.
Matthew Barney – Silvana Editoriale
http://www.silvanaeditoriale.it/

Torre David - Lars Müller
Torre David – Lars Müller

EDIFICARE PER IWAN BAAN
Lui è uno fra i migliori fotografi di architettura. Ha saputo equilibrare con sapienza e autorialità la componente documentaria e quella autoriale. Il libro dedicato allo slum verticale Torre David, Leone d’oro alla scorsa Biennale di Venezia (architetturà però), lo testimonia con dovizia di particolari.
Torre David – Lars Müller
http://www.lars-mueller-publishers.com/

Studio Azzurro - Contrasto
Studio Azzurro – Contrasto

STUDIO AZZURRO SUL PALCO
Gruppo fondato a Milano nel 1982, Studio Azzurro è oramai celeberrimo, ma le sue vicende sono state alterne. Il libro curato da Noemi Pittaluga e Valentina Valentini ne ripercorre la storia, focalizzandosi sugli sconfinamenti – se così si può dire – nell’ambito delle arti performative. Fra Beckett e Keplero.
Studio Azzurro – Contrasto
http://www.contrastobooks.com/

Maria Teresa Benedetti - Preraffaelliti - De Luca
Maria Teresa Benedetti – Preraffaelliti – De Luca

ATTUALITÀ DEI PRERAFFELLITI
Si fregia di una prefazione firmata da Sgarbi, questo libro che si volge alla rigogliosa stagione dei preraffaelliti. Una infilata di saggi che indagano l’opera di Dante Gabriel Rossetti e Edward Burne-Jones, di Whistler e dei Nazareni, con focus su aspetti specifici e temi portanti. Dal mito di Orfeo al mosaico romano a San Paolo entro le mura.
Maria Teresa Benedetti – Preraffaelliti – De Luca
http://www.delucaeditori.com/

Jeff Wall - Gestus - Quodlibet
Jeff Wall – Gestus – Quodlibet

LA CRITICA SECONDO JEFF WALL
Che sia uno dei fotografi più influenti degli ultimi decenni, difficile metterlo in dubbio. Ma è per certi versi una scoperta il Jeff Wall critico. Che si tratti di riflessioni più centratamente rivolte alle questioni teoriche fotografiche, o ancor più di saggi sull’opera di Dan Graham e Manet, On Kawara e Stephan Balkenhol.
Jeff Wall – Gestus – Quodlibet
http://www.quodlibet.it/

Gianna Besson - Carol Rama - Prinp
Gianna Besson – Carol Rama – Prinp

CAROL: BASTA IL NOME
Casta, sfrontata, stella. Tre aggettivi per un sottotitolo. Tre aggettivi scelti da Gianna Besson per inquadrare, se mai fosse possibile, una personalità vulcanica, che ha reso Torino una città meno stereotipicamente sabauda. Un testo agile, una biografia informata, e insieme tante fotografie memorabili.
Gianna Besson – Carol Rama – Prinp
http://www.prinp.com/

Michelangelo Consani - Kunstverein
Michelangelo Consani – Kunstverein

MICHELANGELO, MA CONSANI
Nome importante, quello di cui si può vantare l’artista di Livorno classe 1971. Questa piccola monografia, uscita in occasione di una personale al CAMeC di La Spezia, è anche la prima pubblicazione di Kunstverein Publishing, dipartimento editoriale del progetto critico e curatoriale con sede ad Amsterdam e New York.
Michelangelo Consani – Kunstverein
http://www.kunstverein.it/

Mono Baseman - 279
Mono Baseman – 279

BASEMAN SECONDO GIROMINI
Il primo è il re del Pop Surrealism, il secondo – fra le mille altre cose – è l’autore della rubrica Opera Sexy su questo stesso giornale. Insieme hanno confezionato un libro che è un piacere prima di tutto tenere in mano, soppesare, sfogliare. Merito delle 279 editions di Franco Cervi, che sforna volumi di altissima qualità.
Mono Baseman – 279
http://www.279editions.com/

Marco Enrico Giacomelli

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #13/14

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Deleuze, Revel, Augé e Bourriaud. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.