Ripartire dalla strada. Modena street

A Modena torna il festival di Street Art “Icone”, che da oltre un decennio invade i muri della città. L’edizione di quest’anno si diffonde in altri dieci Comuni limitrofi e avrà un particolare valore: tenere accesi i riflettori sulle conseguenze del terremoto che ha colpito l’Emilia un anno fa. Per curiosi e appassionati, gli interventi urbani già in corso e le mostre proseguiranno fino al 21 luglio.

OZMO, Modena, Teatro delle Passioni - Photo Enrico Valenti

L’Italia, si sa, è un Paese ricco di contraddizioni, specie quando ci si addentra nel campo della memoria, dello spazio pubblico e della cultura. Tali controsensi toccano fortemente la Street Art, che sta vivendo in un territorio liminare tra forme di legittimazione istituzionale da una parte e molta incomprensione e disinformazione dall’altra.
Il festival Icone torna in una Regione che, dopo il terremoto del maggio 2012, è inevitabilmente diversa rispetto alle precedenti edizioni, e lo fa nella consapevolezza che, oltre alla tutela e alla conservazione del patrimonio culturale, serve anche investire in interventi di sensibilizzazione. Parlare a tutti, per le strade: mantenere vivo l’interesse, giorno dopo giorno.
Ed è proprio quello che sta avvenendo a Modena, con la galassia di eventi che finisce sotto il nome di Icone 5.9, iniziativa promossa dall’associazione Fuori Orario e dalla Galleria D406, in collaborazione con l’assessorato alla Cultura del Comune e della Provincia.

Icone 5.9 @ Galleria D406, Modena 2013
Icone 5.9 @ Galleria D406, Modena 2013

L’edizione di quest’anno è stata pensata dagli organizzatori, Andrea Losavio e Pietro Rivasi, in maniera ramificata sul territorio, coinvolgendo ben dieci Comuni limitrofi a Modena: Bomporto, Camposanto, Bastiglia, Carpi, San Prospero, Medolla, San Felice sul Panaro, Cavezzo, Rovereto di Carpi e Finale Emilia. All’appello degli organizzatori, gli artisti hanno risposto in maniera corale (sono più di venti) e le amministrazioni locali hanno offerto spazi demaniali per gli interventi.
L’articolato programma prevede anche un incontro con esperti del settore (Vie dell’Arte; tenutosi lo scorso 31 maggio) e due collettive con disegni e installazioni, ospitate nella Galleria D406 di Modena (con inaugurazioni l’8 e il 29 giugno). Gli artisti invitati sono internazionali, e di tutto rispetto; tra loro, lo spagnolo Escif, Herbert Baglione dal Brasile, Bastardilla dalla Colombia, oltre ai principali artisti italiani, come Ozmo, Ericailcane, 108, Dem, Aris, Moneyless, 2501, Mr Fijodor, Paper Resistance, Etnik, Corn79, Laurina Paperina e molti altri.
Icone 5.9 può avere allora una duplice lettura, quella di intervento per la comunità, all’insegna della memoria e dell’impegno civico, ma può anche essere un’occasione per ribadire quanto Street Art e Writing possano fare per riqualificare gli spazi urbani e sociali.

ESCIF, Modena, Palazzetto dello Sport- Photo Daniele Casciari
ESCIF, Modena, Palazzetto dello Sport- Photo Daniele Casciari

Basta rileggere alcuni dei recenti interventi su Artribune (a firma di Claudio Musso) per capire l’altro corno della questione, ovvero quanta disinformazione avvolga ancora la Street Art, spesso demonizzata dai media nazionali che confondono l’atto vandalico dello sconosciuto con l’opera artistica dell’autore a tutto tondo. Modena può essere allora un esempio di collaborazione per ripartire, con arte.

Elena Tonelli

www.icone59.it

CONDIVIDI
Elena Tonelli
Nata a Trento nel 1985, dopo il diploma classico si è laureata in Storia e Tutela dei Beni Culturali nell’Ateneo di Padova con una tesi sulla critica tedesca a Fernand Léger (2008). Trasferita a Bologna per seguire la magistrale in Arti Visive, curriculum contemporaneo, si è laureata, di nuovo a pieni voti, con una tesi su Wolf Vostell (2011). Attualmente sta seguendo il primo anno della Scuola di Specializzazione in Beni Storico Artistici sempre presso l’Alma Mater Studiorum di Bologna. Da sempre interessata all’arte e agli eventi culturali, con particolare riferimento ai loro risvolti contemporanei, Elena ha collaborato con diversi Enti pubblici per l’organizzazione di eventi culturali e mostre. Nel 2008 presso la Galleria Civica Cavour per la mostra Novecento al museo (Padova), nel 2010 supporto per l’evento Draft. Performing Videoart and Music (Bologna, a cura di Silvia Grandi) e per la mostra ART//TUBE, L’arte alla prova della creativita’ amatoriale (Padova, a cura di Guido Bartorelli).