Annabelle Selldorf . Ecco chi ha trasformato le Corderie dell’Arsenale

Ha impaginato la mostra di Gioni. Ha trasformato quella infinita fuga ex industriale in un allestimento museale. Come ogni intervento radicale, suscita reazioni estreme e contrapposte. L’architetto dell’Arsenale di questa Biennale di Venezia si chiama Annabelle Selldorf. Vi raccontiamo cos’ha fatto finora.

Annabelle Selldorf

Che il legame con la città di Venezia prima e con la Biennale dopo sia un legame consolidato nel tempo ce lo racconta lei stessa. Annabelle Selldorf, architetto dell’attuale sistemazione dell’Arsenale nella Biennale di Gioni, in un articolo su Tar Magazine, qualche mese fa, raccontava della sua “inspiegabile attrazione” verso la Laguna: “È una città dove la scala ha un importante significato in termini di dimensioni fisiche e la mia definizione di modernismo è totalmente inutile“.
Sempre a Venezia, negli Anni Novanta, aveva già realizzato uno spazio espositivo per Michael Werner, la Fondazione Ortamila all’interno di un palazzo trecentesco e, più recentemente, Le Stanze del Vetro, centro espositivo permanente nato dal sodalizio di Fondazione Giorgio Cini e Pentagram Stiftung, sull’Isola di San Giorgio Maggiore.
Che Massimiliano Gioni, quindi, nell’individuare un architetto all’altezza delle aspettative, abbia scelto proprio lei, è altrettanto comprensibile. Classe ’60, tedesca di nascita e newyorchese d’adozione, la Selldorf è specializzata in allestimenti museali, soprattutto in quelli connotati da una forte preesistenza storica, dove sceglie la regola di miesiana memoria “il meno è il più”. I suoi interventi sono infatti chirurgici. Minimi, leggeri e accuratissimi. Quasi inconsistenti dal punto di vista dell’impatto visivo. È suo il progetto di ristrutturazione e riconversione di un edificio Beaux-Arts sulla Quinta strada nell’attuale Neue Galerie di New York, il museo d’arte tedesca e austriache dei primi del Novecento. Collabora regolarmente con la Gagosian Gallery, occupandosi in passato della trasformazione della galleria newyorchese – in occasione delle mostre di Picasso, Monet, Rauschenberg e Francesco Vezzoli – e di quella londinese. È lei l’architetto degli studi di Jeff Koons, David Salle e Not Vital.

Galleria David Zwirner a New York
Galleria David Zwirner a New York

Nominata dall’Architectural Digest nella top 100 dei migliori designer del mondo, ha progettato l’esile struttura temporanea, bianca e luminosa in occasione della Frieze Masters di Londra. Una delle ultime gallerie è quella recentemente realizzata per David Zwirner a New York. Un edificio di 3.000 mq con opere di Dan Flavin e Donald Judd, la prima galleria degli Stati Uniti ad aver ricevuto la certificazione LEED per la sostenibilità.
Un architetto non molto noto in Italia, inseritissima nell’artworld internazionale. Non stupisce che sia stata scelta dal curatore italiano più inserito e noto proprio in quel circuito.

Zaira Magliozzi

CONDIVIDI
Zaira Magliozzi
Architetto, architecture editor e critico. Dalla sua nascita, fino a Marzo 2015, è stata responsabile della sezione Architettura di Artribune. Managing editor del magazine di design e architettura Livingroome. Corrispondente italiana per la rivista europea di architettura A10. Dal 2006 cura la rubrica “Corrispondenze” nella rivista presS/Tletter. Pr e project manager di progetti dedicati alla comunicazione del design e dell’architettura per l’agenzia di comunicazione SignDesign. Ha scritto per The Architectural Review, L’Arca, Il Giornale dell’Architettura, Il Gambero Rosso, Compasses, Ulisse e Quaderno di Comunicazione. Membro del Consiglio direttivo di IN/ARCH Lazio. Dal 2009 fa parte del laboratorio presS/Tfactory, legato all’AIAC - Associazione Italiana di Architettura e Critica - per l’organizzazione di eventi, workshop, concorsi, corsi, mostre e altre iniziative culturali legate al mondo dell’architettura.
  • andrea bruciati

    a Venezia è stata comunque oscena

  • Esther

    gli architetti hanno sempre rovinato l’arte dove hanno messo mano. vedi maxxi.

    • Massimiliano

      Questo non é vero. E per quanto riguarda il MAXXI mi sembra che se pensa questo Lei é una perfetta -idiota- in Arte scsi. Il MAXXI non solo é il migliore museo d’Italia per le sue exposi¡zioni ma anche perche proprio é fuori dal recinto turistico e dalla Questi si rovinano l’arte, la vista e anche il resto e a me mi procura descomposizione…..

  • pneumatici michelin

    se sei andrea bruciati davvero, osceno sei tu e le tue mostriciattole.
    Questa sa fare il suo lavoro e il maxxi c’entra come i cavoli a merenda.